Quale ruolo per le scuole private?

Sapevate che, tra il 2012 e il 2016, le scuole private hanno subito un calo di iscritto di oltre il 10%?

In numeri spicci, parliamo di oltre 400 istituti privati chiusi, situazione che fa certamente pensare sull’andamento della società e sulla scelta fra scuola pubblica e scuola privata.

Rispetto a quella statale, infatti, quest’ultima è certamente migliore sotto molti aspetti, soprattutto per quanto riguarda le classi più basse (in particolare la scuola media inferiore). Vediamo allora quali sono i loro pregi e come possono risollevare le proprie sorti sfruttando il digital marketing e realizzando invii di SMS su clienti profilati.

Scuola privata VS Scuola pubblica

Le scuole private, e anche quelle cosiddette “paritarie”, vengono spesso considerate opzioni alternative e tappabuchi, scelte che fanno coloro che non riescono ad ottenere buoni risultati in una scuola pubblica o che rimangono bocciati e, quindi, vogliono recuperare l’anno/gli anni persi e rimettersi in pari.

Leggi tutto

L’importanza dell’attestato ECDL nel mondo del lavoro

Siamo abituati a ricorrere agli ausili e agli accessori elettronici in riferimento a un gran numero di operazioni nell’arco di qualsiasi giornata. Si tratta di gesti di routine, per compiere i quali contiamo sull’abitudine e su un continuo aggiornamento indiretto delle nostre abilità digitali. Già questa di per sé costituisce una buona base (e un motivo valido) per decidere di frequentare un corso online ECDL. Alla fine infatti si potrà ottenere una certificazione che, oltre a cristallizzare le nostre competenze affinandole in relazione al mercato del lavoro moderno, ci consentirà di acquisire punti nelle graduatorie dei concorsi pubblici. Ma andiamo per ordine, cercando di capire perché un corso ECDL (acronimo di European Computer Driving Licence, letteralmente “patente europea di guida del computer”) è così importante di questi tempi. Si tratta comunque di un attestato, dunque non sostituisce un titolo di studio. 

Qualsiasi impiego richiede una certa abilità informatica Leggi tutto

Riapertura delle scuole a macchia di leopardo

Tutti pensano che gli alunni siano tornati a scuola ma non è così. In diverse regioni si è posticipato il rientro a scuola. Le scuole in Sardegna riapriranno solo il 22 settembre. Addirittura solo il 24 settembre è prevista la riapertura delle scuole di queste regioni: Campania, Basilicata, Abruzzo, Puglia e Calabria.

Anche molti comuni hanno deciso di posticipare la riapertura delle scuole per l’impossibilità di reperire spazi che garantissero il distanziamento degli alunni. Inoltre c’è anche il fattore ritardo della consegna dei banchi singoli che garantissero il distanziamento fra i compagni di scuola. In molte scuole i presidi hanno deciso addirittura di posticipare le riaperture anche per la concomitanza delle prossime elezioni. Infatti i locali, prima di riprendere le lezioni, dovranno essere tutti sanificati. Un altro problema per la scuola che si è aggiunto a tutte le altre difficoltà che si sta cercando di superare.

Leggi tutto

Scuola: tutte le incognite della riapertura

Fra meno di un mese la scuola riaprirà e si presenteranno in un colpo tanti problemi e tante incognite,

Sì perchè nonostante siano oramai 3 mesi che si parla di scuola e di emergenza post covid ancora non ci sono certezze sulle misure da approntare per far tornare tutti gli studenti in classe.

I punti da dipanare sono molti e tutto questo concentrarsi sui “banchi singoli” è stato sicuramente eccessivo. Se si può tentare ad esempio di far tenere la mascherina ai ragazzi delle superiori sarà questo possibile ai bambini delle elementari? Quali misure dovranno essere messe in campo nelle classi per avere una sicurezza di non contagio?

Anche le famiglie sono sul piede di guerra; in un primo momento si era detto che queste dovevano effettuare il controllo della temperatura dei propri figli, a casa propria, prima di andare a scuola, ora anche questa cosa è in forse e ci si chiede se non sia meglio fare questa misurazione prima di entrare a scuola con mezzi elettronici e smart proprio della scuola.

Leggi tutto

Scuola: incognita del “personale fragile”

Fra le tante incognite della riapertura della scuola (distanziamento, orari di entrata, e tanti altri) se ne pone una veramente grossa; si tratta di quella parte molto grossa del personale della scuola che viene definito “personale fragile”.

Questo era stato definito il personale a rischio per via dell’età; si era stabilito, a giugno, in periodo di esami specialmente, che il personale di età superiore ai 55 anni fosse dispensato da alcune cose e che gli fosse data precedenza per effettuare il proprio lavoro da casa.

Ora, al rientro a scuola, sembra che questa dell’età non basterà come condizione ad essere definito “personale fragile della scuola”. Sembra che servirà anche una certificazione che dichiari delle patologie respiratorie o almeno patologie gravi.

Cercheremo di approfondire questo argomento nei prossimi articoli; anche perchè, essendo notoriamente il personale della scuola di età avanzata, questo potrebbe portare ad un’emergenza grave in merito alla mancanza di personale. Insomma sembra che i problemi ne Leggi tutto

Banchi della scuola monoposto: a quando la consegna

Sembra che il dibattito della scuola in questo periodo sia concentrato solo su questo: su questi banchi monoposto che dovrebbero, nell’immaginario collettivo, tutti i problemi del rientro a scuola.

Ma i presidi si chiedono chi si prenderà la responsabilità di certe decisioni in caso poi di problemi? Gli insegnanti, specialmente quelli vicino alla pensione e quindi più fragili, si chiedono con quali misure di sicurezza si tornerà in classe? E le famiglie sono da parte loro preoccupati da un’eventuale peggioramento della situazione generale che potrebbe costringere di nuovo i ragazzi a casa; quindi con modalità di insegnamento a distanza.

Certo nessuno si auspica questo ma certo le incognite, man mano che settembre si avvicina, aumentano invece che diminuire. Scuola Magazine ha deciso ogni giorno di dedicare un aggiornamento giornaliero dal mondo della scuola per dar voce a tutto il mondo della scuola. Leggi tutto