Gelmini: ”Docenti e dirigenti non facciano politica nelle scuole”

Il ministro dell’Istruzione fa riferimento alla vicenda di un istituto in cui è stato dato ’10 e lode’ a tutti gli alunni per protestare contro il ritorno al voto espresso in numeri: “E’ un fatto grave”. E ”per dare una risposta al precariato” applicazione estensiva della direttiva Brunetta sul pensionamento con 40 anni

Altre fonti:
(Adnkronos/Ign) – “Purtroppo parte del personale della scuola fa politica. Chi svolge la funzione dirigente o docente è chiamato ad un ruolo istituzionale,
Leggi tutto

Salva con Nome, Hacker

con Arturo di Corinto, docente Scienza della Comunicazione


Leggi tutto

Lettera aperta al Ministro della Pubblica Istruzione

 

Onorevole Ministro,

Gli insegnanti hanno considerato positivamente l‘attenzione che Ella ha prestato alla condotta degli studenti,  quel male della scuola d’oggi che  mina alla base ogni volontà di costruire un buon rapporto di istruzione-educazione.

Quegli stessi insegnanti non possono oggi nascondere la loro incredulità e il  loro stupore nel constatare come i provvedimenti legislativi emanati in questo delicato settore impediscano di fatto la valutazione della condotta.

La legislazione vigente prevede per la condotta una gamma di voti che di fatto va  dal 5 al 10. Teoricamente anche al Leggi tutto

Accorpamenti, scuole nel caos.

 

“Le scuole non sono un puzzle impazzito, non si può pensare di tagliare e ricucire pezzi di istituti senza nemmeno consultare i diretti interessati, è ovvio che in questo modo si scateneranno i ricorsi al Tar”. Secondo Paola Repetto, segretaria del sindacato scuola Cgil, la mobilitazione di Cassini e Leonardo da Vinci contro gli accorpamenti di una parte delle loro classi al convitto Colombo, è solo l´inizio.

 

… continua a leggere su