Quale ruolo per le scuole private?

Sapevate che, tra il 2012 e il 2016, le scuole private hanno subito un calo di iscritto di oltre il 10%?

In numeri spicci, parliamo di oltre 400 istituti privati chiusi, situazione che fa certamente pensare sull’andamento della società e sulla scelta fra scuola pubblica e scuola privata.

Rispetto a quella statale, infatti, quest’ultima è certamente migliore sotto molti aspetti, soprattutto per quanto riguarda le classi più basse (in particolare la scuola media inferiore). Vediamo allora quali sono i loro pregi e come possono risollevare le proprie sorti sfruttando il digital marketing e realizzando invii di SMS su clienti profilati.

Scuola privata VS Scuola pubblica

Le scuole private, e anche quelle cosiddette “paritarie”, vengono spesso considerate opzioni alternative e tappabuchi, scelte che fanno coloro che non riescono ad ottenere buoni risultati in una scuola pubblica o che rimangono bocciati e, quindi, vogliono recuperare l’anno/gli anni persi e rimettersi in pari.

Questo è vero in parte, ma non è sempre così. Molte famiglie che possono permettersi, a livello economico, di affrontare una spesa di questo genere, preferiscono infatti iscrivere i propri figli a scuole private poiché, secondo loro, offrono una qualità del servizio migliore rispetto a quella proposta dalle realtà statali.

Senza dilungarsi troppo o esprimere pareri soggettivi, uno dei vantaggi delle scuole private rispetto a quelle pubbliche è certamente il numero degli studenti per classe. Se, infatti, una classe di una scuola pubblica (dalle elementari alle superiori) è composta da circa 20-25 studenti, e a volta ci si avvicina anche ai 30, una classe di una scuola privata non supera mai i 15-20 studenti. 

Questo significa che gli insegnanti hanno certamente più tempo da dedicare ad ogni studente, accrescendo quindi le possibilità degli alunni di recuperare con tutta calma eventuali lacune e arrivare preparati ad un eventuale esame.

A proposito di esami, una piccola parentesi: ricordate che, se voi o i vostri figli volete frequentare una scuola privata, dovrete poi affrontare l’esame comunque in una scuola pubblica, fondamentale per ottenere un diploma riconosciuto legalmente dallo stato. Questo discorso non vale, invece, per le scuole paritarie. Ma cerchiamo di capire ora come può una scuola privata ovviare al calo drastico di iscrizioni rilevato negli ultimi anni e aumentare il numero dei propri scritti.

SMS Marketing: una soluzione per le scuole private

Tra i numerosi prodotti, servizi e strategie messi a disposizione da un’azienda che opera nel digital marketing, l’SMS Marketing è certamente una delle soluzioni (se non la soluzione) più efficaci e performanti. Facciamo un esempio pratico.

Come suggerisce l’azienda torinese Ediscom, nel settore digital da oltre 20 anni e il cui SMS Marketing è uno dei “cavalli di battaglia”, è infatti possibile creare campagne che permettono, nello specifico, di realizzare invii di SMS su clienti profilati. Cosa significa? Significa che se, per esempio, siete proprietari o gestori di una scuola privata a Milano, oppure in un paese limitrofo, potrete con l’SMS Marketing inviare un messaggio promozionale proprio a coloro che vivono nel luogo in cui si trova la vostra scuola e nelle immediate vicinanze. Non solo, perché potrete anche selezionare la fascia d’età di coloro che riceveranno l’SMS, motivo per cui potrete realizzare una campagna indirizzata per esempio a persone che sono in età genitoriale e hanno dei figli. Tutto questo, capirete bene, vi permette di rivolgervi ad un pubblico mirato e selezionato nei minimi dettagli che, potenzialmente, è realmente interessato al tipo di servizio che offrite. A questo punto, tra le numerose soluzioni disponibili, potrete scegliere se realizzare invii SMS tramite la modalità del rispondi “SI” o, in alternativa, integrare la comunicazione con una landing page.

Nel primo caso, all’interno dell’SMS verranno inserite le principali informazioni sui corsi offerti ed eventuali sconti o promozioni e, al termine del messaggio, gli utenti saranno invitati a rispondere con la parola “SI” in caso di interesse verso il contenuto del messaggio stesso. A quel punto, starà alla scuola contattare il prima possibile il numero che mostrato interesse rispondendo affermativamente al messaggio e cercare di fare iscrivere il figlio/la figlia ad uno dei corsi proposti.

Nella seconda ipotesi, invece, al termine del messaggio verrà inserito un link breve (detto “short link”) cliccabile, che rimanderà ad una pagina web (landing page) in cui l’utente troverà informazioni più dettagliate sulla scuola, sui corsi presenti, sui prezzi e su eventuali sconti e scadenza d promozioni atto. All’interno di questa pagina verrà poi inserito un form che l’utente, se interessato, compilerà lasciando i propri dati; questi verranno poi utilizzati dalla scuola per ricontattare coloro che hanno mostrato interesse e cercare di finalizzare l’iscrizione.

Ecco quindi che gli invii di SMS su clienti profilati possono certamente essere una soluzione molto utile ed efficace per cercare di aumentare il numero delle iscrizioni nella propria scuola privata. Cosa aspettate? Provare per credere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.