Scuola digitalizzazione futura?

La scuola negli ultimi anni è stata oggetto di continui tagli che hanno di fatto seriamente ipotecato il proprio futuro, se non ci sono fondi per finanziare eventuali investimenti strutturali nella scuola diventa un problema notevole.

La mancanza effettiva di una politica specifica che metta nuovamente al centro il problema dell’istruzione tutto diventa fumoso, infatti dal mondo della scuola poi si va verso il mondo del lavoro, un problema collegato.

Tuttavia per quanto si sia parlato in questi ultimi anni di digitalizzazione di evoluzione nell’ambito della scuola, tutto è rimasto fermo, tagli strutturali che sono la conseguenza di politiche di contenimento dei costi.

La scuola deve essere nuovamente rimessa al centro, per poterlo fare però è necessario che siano previsti dei fondi che rimettano in moto il meccanismo dell’istruzione, la scuola nuovamente come tema centrale della vita di ogni persona.

Con 150 si e 15 no è stato approvato un decreto che riguarda il mondo dell’istruzione, della ricerca e dell’università, questo prevede di rimettere al centro la scuola da tutti i punti di vista, ovviamente la centralità del tema deve essere coniugato da fondi.

Nel decreto che prevede anche l’assunzione della tecnologia wi-fi, pare siano già pronti fondi per 15 milioni di euro subito utilizzabili, per questo motivo bisogna dire che forse per la prima volta la scuola viene rimessa al centro.

Si sottolinea in modo particolare il fatto che per la prima volta la scuola viene rimessa al centro non solo in termini virtuali, finalmente dopo una serie di anni bui nei quali la scuola ha subito tagli sostanziali, il tema recupera centralità.

Per questo motivo finalmente dopo tanti anni la scuola pare abbia i fondi per poter nuovamente competere, nuova tecnologia, reti wi-fi e una visione maggiormente moderna assicurano sicuramente un nuovo periodo.

Ci auspichiamo che tutto questo non rimangano solo parole ma diventino anche dei fatti.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *