Un piano strategico per la scuola

Iscriviti e diffondi la pagina Facebook di ScuolaMagazineTwitter.

Aperti a Chianciano, con la relazione del segretario generale, Francesco Scrima, i lavori dell’Assemblea Nazionale della Cisl Scuola.

Chiesto per la scuola un piano strategico, che ne faccia la risorsa decisiva per rilanciare la crescita del Paese.

E’ stata un’ampia panoramica quella con cui il segretario generale ha introdotto una riflessione che ha toccato i temi caldi dell’attualità politico sindacale, dando però molto spazio anche alle questioni organizzative che saranno al centro, nei prossimi mesi, del dibattito congressuale.

Mentre ci si avvia ad una campagna elettorale piena di incognite e sulla quale si intrecciano le più diverse previsioni, resta l’esigenza di ridare alla scuola e alla formazione una più alta considerazione, dopo anni segnati dalla progressiva riduzione delle risorse investite nel sistema scolastico e da progetti di riforma confusi, discutibili, sbagliati.

Avere fermato, con l’anno scolastico appena avviato, la spirale dei tagli di organico è un risultato importante, ma non ancora sufficiente: sulla scuola occorre una presa di coscienza collettiva, l’impegno da parte di tutti per un piano strategico che dia al sistema le risorse necessarie e la stabilità indispensabile per una crescita di qualità che già il Quaderno Bianco del 2007 indicava come non più rinviabile.

I lavori, ai quali partecipano tutti i quadri territoriali della Cisl Scuola, si concluderanno nella giornata di giovedì prossimo, 4 ottobre, nella quale è previsto anche l’intervento di Raffaele Bonanni.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *