Studenti sotto la Regione Lazio per il diritto allo studio, “Noi senza borse e voi a magnà le risorse”

Iscriviti e diffondi la pagina Facebook di

ScuolaMagazineTwitter.

Ieri mattina gli studenti di Link Roma hanno manifestato sotto la Regione Lazio per chiedere lo sblocco immediato dei fondi per le borse di studio regionali.
“E’ una vergogna” afferma Andrea studente borsista della Sapienza “che io debba lavorare due mesi in sessione d’esame per poter pagare l’affitto perché sistematicamente la Regione Lazio paga in ritardo le borse di studio, quando poi si scopre uno scandalo e uno spreco di fondi pubblici di queste dimensioni”

Protagonista principale la Regione Lazio e lo scandalo dei fondi pubblici sprecati per cene, book fotografici e festini in maschera. Una giunta, quella del Lazio, che costa 5 milioni di euro l’anno, uno in più di quanto si sarebbe speso se gli assessori fossero stati eletti in consiglio. Sconvolgente anche il numero dei portaborse e collaboratori e, a riguardo, è interessante notare come il triste primato appartiene a Gabriella Sentinelli, delega all’Istruzione, che si avvale di ben 17 collaboratori: peccato che l’assessorato in questione, in questi anni, non abbia dato grande dimostrazione di conoscenza e preparazione in merito ai grandi problemi della scuola e dell’università.


“La prova provata delle grandi lacune di amministrazione della cosa pubblica da parte del duo Polverini – Sentinelli è il grave ritardo con cui quest’anno, analogamente allo scorso anno, verrà erogata la seconda rata della borsa di studio” dichiara Clara Mascia, del sindacato universitario Link Roma “Migliaia di studenti attendono di poter avere la somma necessaria per potersi pagare libri, mezzi pubblici e spese universitarie e nel frattempo gli stessi studenti devono anche sorbirsi questo squallido teatrino di feste e spese pazze, tra cui un fotografo a completa disposizione della Governatrice per “soli” 75000 euro che equivalgono a ben 28 borse di studio”.

Gli studenti , che hanno chiesto di entrare all’interno degli uffici della Regione Lazio per chiedere lo sblocco immediato dei fondi per le borse, sono stati fermati dai custodi e dalle forze dell’ordine dopo diverse ore ad aspettare fuori l’assessore Sentinelli ha comunicato che i fondi sono stati sbloccati lo scorso mercoledì ma gli Uffici di Laziodisu smentiscono prontamente. Gli studenti non sono soddisfatti:
“Lo scandalo della Regione Lazio è talmente vergognoso che non siamo disposti a farci prendere in giro” concludono gli studenti di Link “lo spreco di fondi è un vero e proprio delitto allo studio e un insulto per i più di 10 mila studenti che in questi mesi hanno lavorato per pagarsi gli studi mentre quei fondi sprecati spettavano loro di diritto.
Continueremo la battaglia finchè non aumenteranno le borse di studio nella nostra regione e non ci saranno più ritardi sui pagamenti delle rate.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *