OCCUPATO L’ENTE DI RICERCA INRAN

Si comunica che oggi pomeriggio le lavoratrici e i lavoratori dell’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione è stato occupato contro la manovra di tagli che il Governo ha proposto, definita Spending Review.

Sotto la mozione unitaria.


Mozione dell’assemblea del personale INRAN 5 luglio 2012

Il personale INRAN si è riunito in assemblea convocata da CGIL, CISL,UIL in data 5 luglio 2012.
Il decreto Spending review sopprime l’INRAN, lo smembra tra CRA ed Ente Risi (Ente non di ricerca), e mette in mobilità il personale ex INCA, già confluito in INRAN non più tardi di 2 anni fa, a seguito del decreto 78/10 “Tremonti”.
Il personale INRAN è fortemente preoccupato per l’accorpamento con il CRA che comporta il rischio della perdita di specificità delle attività di ricerca, e soprattutto per la sorte del personale precario, e quella del personale INCA destinato alla mobilità nonché del personale Ense candidato ad uscire dal comparto ricerca.
Il personale condanna l’atteggiamento sconsiderato del MiPAAF che ha sempre negato la volontà di procedere ad accorpamenti negli incontri tenuti con il Sottosegretario Braga.
Il personale è fortemente preoccupato per il futuro delle attività da cui dipendono centinaia di lavoratori precari.
Il personale decide all’unanimità di avviare una serie di iniziative per manifestare il forte dissenso rispetto alle previsioni legislative, al fine di ottenere una correzione di norme incomprensibili che distruggono l’Ente in maniera immotivata e con dubbio risparmio.
Infatti l’accorpamento porterebbe a perdere risorse umane, oggi precarie, frutto di anni di investimenti e portatrici di competenze, oltre che incardinate nelle attività ordinarie.
L’assemblea conferma lo stato di agitazione e deciderà tutte le forme di lotta da adottare nei prossimi giorni, compresa l’occupazione dell’Ente decisa a maggioranza, e dei presidi sotto il MiPAAF e le altre Istituzioni di riferimento.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *