Scuola: il caso delle 10.000 assunzioni

Non sei ancora fan di Scuola Magazine su Facebook? Clicca MI PIACE e diffondi fra i tuoi contatti!

Ormai queste 10 mila assunzioni sono diventate davvero un caso, dato che si tratta del secondo passo indietro in meno di un mese. La Commissione Affari Costituzionali e quella delle Attività Produttive avevano approvato un emendamento proposto dal Partito Democratico al dl sulle semplificazioni che prevedeva, per l’appunto, l’assunzione di questi insegnanti. Tuttavia, in serata è arrivato lo stop della Commissione Bilancio, dato che l’emendamento prevede un costo per le casse pubbliche. Il parere contrario è arrivato dal sottosegretario al Tesoro Gianfranco Polillo. Per questo motivo, l’emendamento è tornato nuovamente alle Commissioni di cui sopra. Tuttavia, la situazione è alquanto complessa, dato che il parere della Commissione Bilancio è abbastanza netto ed è difficile che si torni indietro.


Quello che si teme è che questa misura possa generare deficit e la situazione delle nostre casse e del nostro debito è già disastrosa. Anche la Ragioneria generale dello Stato aveva espresso gli stessi timori e lo stesso parere negativo. Adesso si deve ricominciare l’iter per vedere cosa accadrà in merito. Per il momento, le assunzioni annunciate sono bloccate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.