ANCORA MOBILITAZIONI CONTRO IL DDL GELMINI: “CARO SCHIFANI L’UNICO A MORIRE È IL GOVERNO!”

Proprio in queste ore si sta discutendo alla Camera il ddl Gelmini. ” Il Governo continua a dimostrare confusione. Se i ministri Gelmini e Alfano votano con l’opposizione il governo dimostra di essere alla fine dei suoi giorni.” dichiarano gli studenti di Link Cordinamento Universitario. Intanto il ministro Gelmini ha anche dichiarato di temere gli emendamenti che stravolgono il senso del Ddl. ” Diciamo al ministro Gelmini che deve temere le centinaia di mobilitazioni che stanno bloccando le scuole e le università e le migliaia di studenti che invadono le città” dichiara ancora Link. A Roma gli studenti e le studentesse partiti stamane dalla Sapienza, stanno bloccando la città in corteo per tornare poi alla Camera.

“Ricordiamo poi a Schifani, che oggi non c’è nessun morto, e che l’unico a morire in questo momento è il Govern! Oggi come sempre studenti e studentesse manifesteranno pacificamente per ribadirlo.” dichiara la Rete della Conoscenza in risposta alle affermazioni del Presidente del Senato susseguite alla giornata di ieri.
Senza dimenticare che aumentano le scuole in occupazione e autogestione della capitale.

Intanto le mobilitazioni continuano in tutta Italia per tutta la giornata di oggi e verso il corteo del 27 novembre a fianco dei lavoratori della CGIL.

Di seguito un aggiornamento dalle città.

Trieste
Nel pomeriggio ci sarà una manifestazione davanti alla prefettura.

Bari
Continua a oltranza l’occupazione del politecnico

Pisa
Migliaia di persone in concentramento, il corteo sta per partire.

Firenze
Gli studenti hanno contestato la Santanchè al polo universitario di Novoli. Ci sono state cariche della polizia.

Torino
Il corteo da Palazzo Nuovo ha incrociato gli studenti del Politecnico, di Scienze e i medi. Circa 2000 persone assediano la Regione e intanto ci sono state cariche della polizia.

Siena
Cortei interni nelle facoltà, che si riuniranno in assemblea alla Facoltà di Scienze Politiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *