Scuola: il viceministro dell’Istruzione darà risposte fra 15 giorni. Anche a chi fa lo sciopero della fame!

 

Ieri il viceministro all’Istruzione, Giuseppe Pizza, ha detto ai precari siciliani della scuola che si farà risentire tra 15 giorni. Detto a chi sta facendo da 10 giorni lo sciopero della fame sembra uno scherzo. Ma è vero. I tre precari non ci stanno. Pietro e Salvo staranno ancora in via Praga a Palermo. Mentre Giacomo è volato a Roma per stare davanti a Montecitorio. Con lui, Caterina e Giusto.

Lettera pubblicata da Salvatore Altadonna (che sta facendo lo sciopero della fame a Palermo) il giorno venerdì 27 agosto 2010 alle ore 7.19.

Sciopero della fame 11° giorno

 

Caro Berlusconi

L’umidità di un’altra notte è passata. La sofferenza di un nuovo giorno inizia.

Vorrei informarti che il servo che hai mandato ieri (sotto-segretario PIZZA) per misurare la temperatura del tuo granaio di voti in Sicilia ha fallito.

Un Governo che opera dei tagli al fine di ottimizzare un bilancio

è un Governo coscienzioso

Un Governo che opera dei tagli affamando le famiglie

è criminalità organizzata in cerca di nuova manovalanza

Lasciate un commento! Fate sentire anche la vostra voce. Seguiteci su Facebook e Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *