SOS ricostruzione in Abruzzo: la battaglia della FLC CGIL prosegue

Anche la FLC CGIL ha manifestato il 7 luglio a Roma, caratterizzando la propria presenza sui temi del lavoro, con manifesti dedicati ai precari scuola e ai tagli agli organici.

Anche la FLC CGIL Abruzzo ha partecipato, nella giornata di ieri 7 luglio, alla mobilitazione a Roma dei cittadini del capoluogo abruzzese per sostenere la rivendicazione “SOS ricostruzione: sospensione delle tasse – Occupazione – Sostegno all’economia”.

Oltre cinquemila persone dall’Aquila, dai comuni del cratere, ma anche da tutta la regione, hanno dato vita ai vari presidi che sono stati improvvisati visti i “blocchi” posti da Carabinieri e Polizia.

Gli ostacoli frapposti ai manifestanti durante la giornata sono stati tanti, ma, all’inizio della manifestazione, su Via del Corso, si sono verificati i momenti di maggiore tensione e attacco violento da parte delle forze dell’ordine.

Il gruppo della FLC CGIL si è caratterizzato sul tema del lavoro con manifesti dedicati ai precari scuola e ai tagli agli organici. Abbiamo denunciato l’insufficienza delle risorse stanziate per la scuola post terremoto con il Decreto Abruzzo (DL 39/09 convertito in Legge 77/09).

Per l’avvio dell’a.s.2010/2011, cioè per continuare a sostenere le reali necessità didattiche e per confermare le indispensabili supplenze annuali e gli altri contratti di lavoro, chiediamo da tempo un’integrazione al fondo previsto di 5 milioni di euro. Altri 12 milioni di euro servono per tutto l’anno 2011. Infatti, la Legge 77/09, per il 2011, l’ultimo anno previsto degli aiuti alla scuola, stanzia solo 2,3 milioni di euro!

Senza queste risorse aggiuntive sono a rischio almeno 680 posti di lavoro di “precari-terremotati”.

La FLC CGIL ha anche denunciato i tagli agli organici in Abruzzo: 1442 nell’a.s. 2009/2010; 1112 nell’a.s.2010/2011.

Dopo la difficile giornata di ieri, la nostra lotta continua, perchè non vi è ancora nessuna risposta nè dal Miur nè dal Presidente della Regione/Commissario straordinario sisma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *