Piacenza, secondo giorno di sciopero della fame contro i tagli alla scuola

Il gazebo allestito in piazza Cavalli a Piacenza sta diventando un punto di ritrovo e di discussione per lavoratori, genitori, cittadini.

Chi si avvicina al banchetto viene informato della situazione critica della scuola pubblica e viene invitato a lasciare la propria firma o un proprio pensiero su un cartellone. Abbiamo anche “il nostro Vauro”: Pio, ITP precario, che disegna vignette sui tagli alla scuola pubblica.

Inoltre, sono presenti gli studenti, con i quali è iniziato la costruzione di “l’altrariforma”, alternativa alla riforma Gelmini sulle scuole superiori.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *