Flash Mob per la Scuola Pubblica

Milano, venerdì 11 giugno 2010 ore 18.00, piazza del Duomo

Dal 27 maggio, ormai quotidianamente, singole scuole o interi coordinamenti di zona si stano mobilitando per informare la città di Milano su ciò che sta succedendo alla scuola pubblica del nostro paese. Un lavoro di informazione capillare e necessario perché nessuno possa dire “io non sapevo…”.
L’ ultimo giorno di scuola sarà per noi occasione per ricordare a tutta la città e soprattutto ai nostri rappresentanti nelle istituzioni cittadine, che genitori e docenti della scuola primaria non vogliono che il tempo pieno venga cancellato e non accettano nessun taglio alla qualità della scuola, ben consapevoli che le 40 ore aggiustate (se ancora si riuscirà a garantire le 40 oreper tutti) con pasticci organizzativi, maestre prevalenti, rotazione di insegnanti, sacrifici sulle uscite didattiche e scomparsa quasi totale del lavoro con piccoli gruppi, sono la mortificazione di 40 anni di didattica e pedagogia che ha fatto della scuola elementare italiana una tra le migliori del mondo; sono un pericoloso ritorno al doposcuola degli anni 50 preludio di ulteriori riduzioni di saperi e tempo scuola
Per difendere oggi un bene comune invitiamo tutti e tutte a un

Flash Mob per la Scuola Pubblica

Noi, maestre e maestri, professoresse e professori, mamme e papà, bambine e bambini, ragazze e ragazzi delle scuole di Milano, VI INVITIAMO Venerdì 11 giugno alle ore 18.00 al Freeze Flash Mob per la Scuola Pubblica.

Che cos’è un flash mob?

Con il termine flash mob si indica un gruppo di persone che si riunisce all’improvviso in uno spazio pubblico, mette in pratica un’azione insolita, generalmente per un breve periodo di tempo, per poi successivamente disperdersi.

Nel nostro flash mob i partecipanti ad un dato segnale si fermeranno restando immobili esattamente nella posizione in cui si trovano fino al segnale di fine evento.

A che serve?

Serve a dire tutti insieme e in modo insolito che i tagli alla scuola congelano il futuro, immobilizzano il paese e rallentano la crescita e lo sviluppo della società civile.

Serve per dire ancora una volta che noi non ci stiamo e non ci stancheremo e per questo ci ritroveremo a settembre in tanti e sempre più determinati.

Perché?

Perchè noi vogliamo una scuola pubblica di qualità e difendiamo il diritto di tutti e tutte ad avere un’istruzione adeguata.

Il SUCCESSO DELL’EVENTO DIPENDE ANCHE DA TE, PERCIÒ CONDIVIDI E INVITA I TUOI AMICI!

Ecco che cosa succederà:

Ore 18.00
Ci si ritrova in piazza

Porta cartelli e striscioni colorati, ma se puoi vieni in piazza con un cappello di carta a orecchie d’asino fatto da te.

In attesa che arrivino tutti prepareremo insieme uno striscione con scritto “OCCUPATI DI SCUOLA” da portare al Sindaco.
Al momento giusto sentirai un segnale molto chiaro: resta immobile finchè non sentirai il secondo segnale.
Poi andremo tutti a consegnare lo striscione a Palazzo Marino.

TUTTO CHIARO?  Bene, allora TI ASPETTIAMO!

www.retescuole.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *