SIT-IN di PROTESTA CONTRO L’INGRESSO DEI PRIVATI NELLE SCUOLE

Il riordino delle scuole superiori non è ancora stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e l’Ufficio scolastico provinciale si affretta a far entrare gli imprenditori nelle scuole, invitando i dirigenti scolastici degli Istituti tecnici a partecipare il giorno 20 aprile ad un incontro nella sede di Assolombarda, che ha come “obiettivo avviare un programma di lavoro comune fra scuola e aziende finalizzato:
1. al rilevamento del fabbisogno di competenze delle imprese;
2. al consolidamento della rete di imprenditori attivi nel rapporto con gli istituti tecnici del territorio;
3. alla formulazione di contributi per la ridefinizione dei profili formativi offerti dagli istituti tecnici”.

Sono quindi palesi i veri obiettivi della Riforma Gelmini-Tremonti:
– risparmiare tagliando migliaia di posti di lavoro di docenti e personale Ata;
– far entrare i privati nella scuole per renderle funzionali al mercato e sfornare giovanilavoratori sempre più precari, da sfruttare a proprio piacimento perché privi di istruzione e di senso critico! Mano d’opera specializzata e elettori manipolabili al posto di cittadini e lavoratori consapevoli dei propri diritti.
Come lavoratori della scuola protestiamo da mesi contro questo progetto di distruzione iniziato con la legge 133, che vedrà la sua completa attuazione con l’approvazione del PDL Aprea e con la regionalizzazione della scuola. Per questi motivi partecipiamo, insieme ai coordinamenti di lavoratori della scuola di tutta Italia, alla campagna per la costruzione dello sciopero degli scrutini di giugno. All’interno di questa mobilitazione lanciamo un
SIT-IN di PROTESTA CONTRO L’INGRESSO DEI PRIVATI NELLE SCUOLE
20 Aprile, dalle 16,30 alle 19 presso l’Assolombarda, via Pantano 9
PERCHÉ LA SCUOLA PUBBLICA CONTINUI A FORMARE IL CITTADINO,
NON IL LAVORATORE PRECARIO DI DOMANI

Coordinamento lavoratori della scuola “3 ottobre” – C.P.S. Milano
http://coordinamentoscuola3ottobre.blogspot.com
coordinamento3ottobre@gmail.com

One Reply to “SIT-IN di PROTESTA CONTRO L’INGRESSO DEI PRIVATI NELLE SCUOLE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *