La Resistenza scompare dai Licei

La ‘Resistenza’ c’è ma non si vede
E la parola scompare dai licei

Nel programma scolastico del Ministero viene saltata. Scoppia la polemica
Il consigliere della Gelmini, Max Bruschi: “Era sottintesa”

LA RESISTENZA non c’è. La si cerca invano nel programma di storia per l’ultimo anno dei licei. Ecco il fascismo. Poi la crisi del ’29 e le sue conseguenze nel mondo. Il nazismo. La shoah e gli altri genocidi del XX secolo. La seconda guerra mondiale. Ecco, forse arriva ora la guerra partigiana. No, a seguire c’è la guerra fredda, il confronto ideologico tra democrazia e comunismo. Ed ancora, l’Onu. Siamo troppo avanti, bisogna tornare alla riga precedente: ma dov’è la Resistenza?

Non si vede. Si prova a domandarlo al consigliere del ministro Gelmini, Max Bruschi, che reagisce: «Ma non ha letto qui, dopo la voce Onu? È ben esplicitato: Formazione e tappe dell’Italia Repubblicana. Naturalmente è sottintesa la Resistenza. L’abbiamo inclusa senza citarla tra i capitoli fondativi della storia repubblicana. È un modo per rafforzarla, no?».

Al ministero della Pubblica Istruzione non capiscono le reazioni provocate dalla cancellazione della parola Resistenza dai curricola scolastici dei licei. «Come se la Costituzione e la nostra Repubblica fossero sbocciate dal nulla», protesta Manuela Gizzoni, capogruppo del Pd in Commissione Istruzione alla Camera.

Continua a leggere l’articolo di Repubblica

One Reply to “La Resistenza scompare dai Licei”

  1. Era ora che il Mito della Resistenza venisse ridimensionato a semplice ‘Resistenza’ soprattutto perchè non fu da essa che il Fascismo fu sconfitto ma dagli Alleati dei quali si parla poco per non scalfire il Mito artatamente creato su un fenomeno che si manifestò in varie forme di cui l’aspetto militare -apolitico e apartitico- è stato sempre posposto a quello ideologico egemonizzato dai marxisti.
    La Costituzione è nata -dopo la sconfitta del Fascismo da parte degli Alleati- da un’Assemblea Costituente regolarmente eletta dal popolo italiano formata da esponenti di TUTTI i partiti politici e non solo dai Comunisti che erano una minoranza e malgrado ciò se ne attribuiscono oggi la paternità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *