Liceo delle scienze umane

Il liceo delle scienze umane è una delle scuole secondarie di secondo grado nate con la riforma Gelmini, che entrerà a pieno regime nell’anno scolastico 2012/2013.

Il liceo nasce dalle basi del liceo socio-psico-pedagogico, del liceo delle scienze sociali e del liceo delle scienze della formazione, i tre licei del piano sociale nati dalla conversione degli istituti magistrali nell’anno scolastico 1998/99.

Come i predecessori, le materie caratterizzanti dell’istituto sono le scienze sociali, o appunto scienze umane, quali psicologia, pedagogia e sociologia, e in minor parte l’economia. Sarà obbligatorio lo studio di due lingue straniere nell’indirizzo economico-sociale (lingua inglese e una seconda lingua comunitaria) e di una lingua straniera più latino e filosofia nell’indirizzo base.

Saranno presente due distinti indirizzi di studio, laddove attivati, che tratteranno due diversi aspetti delle scienze umane. Il primo indirizzo rappresenta la soluzione base, approfondendo le materie caratterizzanti, quali le scienze umane in primis, mentre l’indirizzo economico-sociale tratterebbe le scienze umane in rapporto a quelle economico-giuridiche, aumentando lo studio di diritto ed economia e aggiungendo un seconda lingua straniera al curriculum scolastico.

In tutti gli indirizzi è previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *