Credito scolastico

Nel gergo della scuola italiana il credito scolastico è un monte punti accumulato con la media del triennio delle scuole superiori che verrà sommato al punteggio del candidato studente all’Esame di Stato del secondo ciclo scolastico (comunemente chiamato esame di maturità).

Il credito scolastico è stato istituito con D.P.R. 323 del 23 luglio 1998.

Il credito scolastico non deve essere confuso con il credito formativo, che a differenza del primo non prende in considerazione il rendimento degli studenti ma le attività che essi svolgono al di fuori dell’orario scolastico. Sono utili alla formazione del credito formativo attività svolte:

« al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona ed alla crescita umana, civile e culturale quali quelli relativi, in particolare, alle attività culturali, artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all’ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport. »
(D.M. 452 12 novembre 1998, articolo 1 comma 1.)

Il credito formativo insieme ad altri due fattori, ovvero la frequenza alle lezioni o la presenza/assenza di debiti formativi da recuperare, è decisivo per stabilire se lo studente merita il voto più alto o quello più basso nelle bande di oscillazione. (es. Se uno studente ha una media compresa tra il 7 e l’8 e frequenta il terzo anno, la banda di oscillazione va da un punteggio di 5 a un punteggio di 6. Qualora l’alunno possieda un considerevole credito formativo e/o non abbia debiti da recuperare il punteggio che gli spetterà sarà 6, viceversa il consiglio di classe gli assegnerà il punteggio minimo,5.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *