Appalti servizi

Riduzione appalti servizi storici: richiesto un incontro urgente. Il taglio del 25% produce licenziamenti e disservizi. Per la FLC Cgil, Cisl e Uil Scuola è necessaria una soluzione politica.
Nell’incontro al Miur del 16 febbraio, insieme a tutte le altre organizzazione sindacali, abbiamo contestato la scelta dell’amministrazione di ridurre (del 25%) autonomamente i contratti d’appalto, stipulati per garantire la sorveglianza degli alunni e la pulizia delle sedi scolastiche.

La nota del 22 febbraio 2010 interviene in maniera inadeguata, ribadendo il taglio del 25% degli appalti servizi, senza risolvere le difficoltà occupazionali del personale dipendente delle ditte d’appalto, senza affrontare le ricadute negative dei disservizi e sull’ aumento dei carichi di lavoro del personale collaboratore scolastico già in forte sofferenza e che subirà quest’anno i tagli all’organico già programmati.

Abbiamo pertanto chiesto unitariamente un incontro urgente con il Capo di Gabinetto del Ministro per difendere l’occupazione dei lavoratori delle ditte d’appalto e per avere garanzie in merito alle dotazioni di organico dei collaboratori scolastici indispensabili per garantire la qualità dei servizi e la sicurezza degli alunni nel servizio scolastico pubblico!

Roma, 3 marzo 2010


FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA
Roma, 23 febbraio 2010
Prot. n. 075/2010 DP/lr-gr
Avv. Vincenzo Nunziata
Capo di Gabinetto
Ministero dell’Istruzione, della
Università e della Ricerca
Viale Trastevere, 76 a
00153 Roma
e p.c.
Dott. Giuseppe Cosentino
Capo Dipartimento per l’Istruzione
Ministero dell’Istruzione, della
Università e della Ricerca
Viale Trastevere, 76 a
00153 Roma
Oggetto: Appalti storici.

Le scriventi Organizzazioni Sindacali con la presente sollecitano l’incontro sugli appalti  e le relative ricadute sugli organici e l’organizzazione del lavoro, già richiesto con lettera del dicembre 2009.

Distinti saluti,

Domenico Pantaleo
Francesco Scrima
Massimo Di Menna

One Reply to “Appalti servizi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *