Riforma scuola

Una riforma scuola inquinata dai tagli – Dichiarazione di Francesco Scrima, segretario generale CISL Scuola.

Facciamo appello ai ministri “moderati” eventualmente presenti nella compagine governativa perché, in spirito “di collaborazione e di reciproca assunzione di responsabilità”, mettano freno all’estremismo di chi continua a imporre il diktat del contenimento della spesa: il risparmio non può definirsi tale, quando avviene a scapito della qualità dell’istruzione e della formazione. Al dato positivo di un avvio limitato alle sole classi prime e che vede coinvolte contestualmente tutte le filiere del sistema, si contrappone l’inaccettabile scardinamento dei quadri orario nelle classi successive, che costringerà a non poche forzature per ridisegnare i percorsi in atto, senza alcun rispetto per le scelte a suo tempo effettuate dagli studenti e dalle famiglie.
L’impianto del nuovo ordinamento, con le sue luci e le sue ombre, è frutto di scelte del Legislatore di cui non si può che prendere atto, anche se avremmo preferito che si facesse di più per costruire, su un progetto di scuola che serve al Paese, una base più ampia e solida di consenso.
Non si può invece in alcun modo giustificare e accettare il mancato rispetto di un doveroso principio di gradualità, che la pesante manomissione dei quadri orari nelle classi successive alla prima disattende totalmente.
Per questa ragione ha poco senso chiedere il rinvio della riforma, mentre ne aveva e ne ha ancora adesso molto rivendicare una revisione del piano triennale dei tagli, nella sua entità e nella sua scansione temporale: è questo il vero nodo, col quale avremmo comunque dovuto confrontarci. E’ un nodo che il Governo, se vuole, può ancora affrontare e risolvere, assicurando a partire dal 2010/11 le risorse di organico necessarie per un passaggio al nuovo ordinamento improntato alla necessaria gradualità.
Non esiste altra via se davvero si vuole, come si afferma, favorire atteggiamenti di confronto e collaborazione, e non di contrapposizione e scontro.

Roma, 4 febbraio 2010.

Francesco Scrima, segretario generale CISL Scuola


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *