Appalti pulizie scuola: si protesta a Bari

Lunedì 11 gennaio il personale dipendente dalle ditte di pulizia delle scuole ha manifestato, con un sit-in, dinanzi alla sede dell’Ufficio scolastico regionale a Bari, per protestare contro una recente circolare del ministro Gelmini che riduce del 25% la spesa per gli appalti alle ditte di pulizia.

Grazie a questa circolare le scuole saranno costrette a ridurre il servizio e si dimostrerà, ancora una volta, la pervicace volontà di questo governo di far pagare i costi della crisi soprattutto alle fasce di lavoratori più deboli e, contrattualmente, meno tutelati. Basti considerare che a queste lavoratrici e lavoratori s’impone la modifica unilaterale di contratti in essere (regolarmente sottoscritti e attualmente pienamente in vigore).

La riduzione delle risorse produrrà, molto verosimilmente, l’immediato licenziamento dei lavoratori delle ditte d’appalto, mentre aumenteranno i carichi di lavoro del personale collaboratore scolastico, su cui già gravano i tagli di 250 unità in meno nella sola provincia di Bari.

Le 346 scuole della provincia sono ormai allo stremo e la FLC Cgil di Bari, per il tramite del direttore dell’USR Puglia dott.ssa Lucrezia Stellacci, chiederà al Ministro Gelmini il ripristino dell’assegnazione di tutte le risorse dovute e utili per il ritorno al normale funzionamento didattico e amministrativo delle istituzioni scolastiche.


One Reply to “Appalti pulizie scuola: si protesta a Bari”

  1. Sono un addetto alle pulizie di un consorzio che opera in regime di appalto presso istituti scolastici della provincia di Napoli.
    In seguito al taglio del 25% da parte della Gelmini,le aziende hanno avviato la procedura di licenziamento di c.a. 100 unità.
    Preciso che attualmente,solo nel nostro appalto,siamo c.a 400 unità.
    Ho letto l’articolo dei lavoratori di Bari che hanno manifestato davanti al provveditorato il giorno 11 Gennaio u.s.,visto che domani anche noi andremo a manifestare al provveditorato di Napoli,volevo sapere se in seguito allo sciopero i colleghi di Bari avevano ottenuto qualche risultato.
    Superfluo sottolineare che siamo molto preoccupati
    In attesa di notizie,invio Distinti Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *