Riforma superiori: scatta la protesta nella scuola

Comunicato stampa di: Gilda degli Insegnanti

Dal 29 gennaio assemblee in tutte le scuole per la riforma delle superiori.

Paralizzare le attività didattiche in tutte le scuole di ogni ordine e grado convocando assemblee dei docenti durante le prime e le ultime due ore di lezione: ecco l’obiettivo della giornata di protesta nazionale indetta dalla Gilda degli Insegnanti per il 29 gennaio.

“Con questa iniziativa – spiega il coordinatore nazionale, Rino Di Meglio – vogliamo ribadire il nostro no alla politica dei tagli condotta da questo governo e alla riforma della scuola secondaria superiore, i cui tempi troppo stretti di applicazione non consentono di garantire un’operazione di qualità. Perciò – conclude Di Meglio – chiediamo ancora una volta di rinviare di un anno l’avvio della riforma. Inoltre, è indispensabile che il governo fornisca garanzie per gli insegnanti soprannumerari e che si impegni concretamente ad assumere i precari coprendo tutti i posti vacanti”.

Roma, 8 gennaio 2010

Inserite un commento per spiegare le vostre posizioni sull’argomento. Quali sono le vostre proposte?


One Reply to “Riforma superiori: scatta la protesta nella scuola”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *