Scuola e tagli. Sabato 3 ottobre Manifestazione Nazionale Precari al Ministero della Pubblica Istruzione

Notizie su scuola e graduatorie. Leggi e aggiornati sui nostri blog su finanziamenti, expo e formazione.

 

Sabato 3 ottobre Manifestazione Nazionale Precari al Ministero della Pubblica Istruzione

I Cobas della Scuola CONDIVIDONO PIENAMENTE L’INIZIATIVA DEL Comitato docenti e ATA Precari di Salerno che “in nome e per conto dei precari e delle precarie, delle associazioni, delle strutture, dei coordinamenti, dei collettivi e comitati che a livello nazionale si riconoscono nella manifestazione dei precari del 3 ottobre e nel percorso che partirà alle ore 15 dalla Stazione Termini di Roma” ha indetto la manifestazione e il corteo indipendente che PARTENDO DALLA STAZIONE TERMINI ALLE 15 arriverà ( e terminerà ) al Ministero della Pubblica Istruzione.

Il tentativo di convogliare i precari nella manifestazione della Federazione Nazionale Stampa (spostata dal 19 settembre al 3 ottobre a causa del minacciato ritiro dell’adesione da parte di Pd e IdV dopo la morte dei soldati italiani a Kabul) dimostra infatti una fondamentale divergenza tra le forze in campo rispetto alla riapertura del conflitto in Italia, allo sviluppo di esso e dei movimenti di lotta per la giustizia sociale e gli interessi materiali dei salariati e dei settori popolari e giovanili.


I Cobas hanno sempre lottato contro le disastrose politiche del centrodestra così come quelle del centrosinistra e hanno attaccato chiunque non difendesse la scuola pubblica, indipendentemente dai colori del governo, e non possono che condividere il percorso di chi non vuole svendere la propria radicalità per stabilire una qualche connessione/dipendenza tra la manifestazione dei precari su una piattaforma autonoma, radicale e legata ai bisogni della scuola e dei docenti, e una manifestazione `politicante´ a piazza del popolo, per giunta marchiata da sciovinismo militarista e nazionalista, che nulla centra con i temi dei precari.

Dunque non possono esserci connessioni di alcun tipo tra le due iniziative.

Non è certamente un caso che proprio da Salerno ( che ha iniziato in modo eclatante la lotta sin dal 20 agosto assieme con gli ATA) e dal Sud arrivi un appello specifico affinché i precari e le precarie continuino nel percorso da loro iniziato, senza alcuna subordinazione alla ” cattiva politica” della manifestazione di piazza del popolo.

I Cobas ancora una volta saranno al loro fianco, con il movimento per il movimento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *