Le novità dell’esame di maturità 2009

Via:  www.pubblica.istruzione.it

Sono circa 500mila gli studenti che parteciperanno agli esami di Stato della scuola superiore che inizieranno domani 25 giugno con la prova scritta di italiano. Le commissioni e i presidenti di commissione al lavoro saranno circa 13mila e 42mila, invece, saranno i commissari esterni.

Diverse sono le novità che interessano l’esame di maturità.

Da quest’anno viene dato maggior peso al curricolo scolastico degli studenti. Saranno perciò valorizzati i risultati positivi ottenuti negli ultimi tre anni di scuola e verrà premiato il merito. Da quest’anno, poi, la valutazione del comportamento concorre alla determinazione della media dei voti necessaria per l’ammissione all’esame.

Come sarà l’esame di Stato 2009:

Ammissione all’esame: la condotta fa media
Quest’anno, per essere ammessi all’esame di Stato, è necessario ottenere la media del 6. Il voto di condotta concorre, con i voti riportati nelle materie scolastiche, al calcolo della media.
Valutazione Esame, maggiore valorizzazione del curricolo scolastico
Il punteggio finale agli esami di Stato è attribuito in centesimi ed è prevista la possibilità per la Commissione di assegnare la lode ai candidati che conseguono risultati “eccellenti”.


Il punteggio finale risulta dalla somma dei punteggi attribuiti:

al curricolo scolastico, per un massimo di 25 punti (fino all’anno scorso si potevano ottenere al massimo 20 punti di credito);
alle prove scritte, per un massimo di 45 punti;
al colloquio, per un massimo di 30 punti (fino all’anno scorso il punteggio massimo attribuibile era 35).
Agli studenti che hanno un credito scolastico di almeno 15 punti e ottengono almeno 70 punti nelle prove d’esame possono essere attribuiti 5 punti in più dalla Commissione.

Da quest’anno il voto di comportamento concorre anche alla determinazione della media dei voti dalla quale si parte per attribuire il punteggio di credito scolastico.

Maggiore trasparenza, voti degli esami resi pubblici
I punteggi finali degli esami saranno resi pubblici con affissione dei tabelloni con i risultati nell’albo della scuola. Non si tratta, infatti, di dati sensibili. Anche il Garante della Privacy è intervenuto a riguardo per precisare che i punteggi finali conseguiti negli esami di Stato devono essere resi pubblici in base al principio della trasparenza.


2 Replies to “Le novità dell’esame di maturità 2009”

  1. INGIUSTI RISULTATI DEI VOTI DI MATURITÀ – ANNO SCOLASTICO 2008 2009
    Vi proponiamo questa riflessione perché siamo veramente dispiaciuti e soprattutto delusi per i voti finali assegnati all’esame di maturità.
    Troviamo ingiusti tali giudizi perché non sono stati presi in considerazione i 5 anni di lavoro e di fatica del percorso scolastico, infatti, per noi studenti che abbiamo sempre studiato e sempre preso più che buoni voti nei compiti e nelle interrogazioni, l’esame finale ha portato ad un risultato che non corrisponde all’impegno dimostrato e profuso.
    Il secondo problema riguarda la nostra mancanza di conoscenze in matematica (abbiamo frequentato il liceo scientifico A. Volta di Riccione) dovuta al livello di competenza che il nostro professore ha espresso in questi cinque anni.
    Per questi motivi è stato assolutamente INGIUSTO il giudizio finale.
    Giudizio che non vogliamo impugnare (né forse potremmo farlo): ci è sempre stato detto che le persone vengono valutate non per un “numero” ma per come si propongono nella vita reale. Sappiamo che il voto di maturità non ha un’importanza fondamentale come quello di laurea. Nonostante ciò per orgoglio personale rimaniamo delusi per un voto che non rispecchia il nostro impegno personale ed i risultati conseguiti nel percorso scolastico.
    Il giusto obiettivo di elevare il livello di istruzione in Italia non passa attraverso la riduzione dei voti di fine corso, ma nel migliorare il livello di competenza degli insegnanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *