Archivi tag: manifestazione cgil

Migliaia di studenti della scuola e dell’università in piazza al fianco dei lavoratori cgil

La mobilitazione continua! Dopo le grandi giornate di mobilitazione
degli ultimi giorni gli studenti sono oggi in piazza al fianco dei
lavoratori cgil.

Ci sembra importante unire tutte le lotte contro la crisi – dichiarano
– per questo siamo a roma oggi. Il nostro e’ un movimento che non
contesta solo il ddl gelmini o i tagli all’istruzione ma l’intero
impianto delle politiche di questo governo che attacca i diritti dei
piu’ deboli tutelando i privilegi dei piu’ forti. La gelmini e
tremonti hanno un’unica possibilità per salvare la faccia: dimettersi!

Per questo abbiamo costruito un grande spezzone studentesco che sta
raggiungendo piazza San Giovanni.

Manifestazione Roma: anche gli studenti oggi con la Cgil

L’Unione degli Studenti e Link-Coordinamento universitario saranno oggi in piazza a Roma per la manifestazione indetta dalla CGIL. “E’ una manovra ingiusta ed iniqua, sono previsti tagli a cultura, scuola, università, attacco ai diritti dei lavoratori, nessun investimento sul welfare, sulla ricerca, sulla conoscenza e a pagare sono quasi esclusivamente le fasce più deboli”.
“Particolarmente ridicola e umiliante per l’università italiana è la commedia degli equivoci sul fondo per il finanziamento ordinario degli atenei”, sostiene Claudio Riccio Portavoce di Link. “Dopo aver fatto circolare per settimane bozze di manovra che promettevano di modificare la famigerata legge 133, il governo ha furbescamente fatto sparire ogni riferimento all’università nel testo. Nel prossimo anno accademico, quindi, arriveranno puntuali i nuovi tagli all’FFO degli atenei: 316 milioni di euro per l’anno 2011, 417 milioni di euro per l’anno 2012 e 455 milioni di euro a decorrere dall’anno 2013.”
Per le scuole la situazione non è migliore a detta degli studenti. “La già grave situazione in cui versano i nostri istituti scolastici – dichiara Stefano Vitale dell’UDS – non potrà che aggravarsi con la manovra finanziaria da poco varata dal governo che prevede tagli di 9 milioni di euro per le supplenze e un taglio ai trasferimenti al ministero dell’istruzione di oltre 300 milioni in tre anni. A ciò si aggiunge – continua Vitale – il blocco degli stipendi del personale della scuola fino al 2012, quindi solo tra due anni e mezzo si potrà riaprire la trattativa per il rinnovo del contratto, scaduto il 31 dicembre scorso.
L’UdS sottolinea come a pagare il costo della crisi, anche nella scuola, sarà il personale con il reddito più basso: si calcola che per gli insegnanti il taglio è dell’11%, per i sottosegretari del 6%, per i dirigenti solo del 2,5%. “
UdS e LINK pur ritenendo necessaria una manovra correttiva dei conti pubblici criticano aspramente “la volontà di colpire gli anelli deboli della società come studenti, lavoratori dipendenti, precari e pensionati” e sostengono la campagna Sbilanciamoci!,che ha elaborato una contromanovra “incentrata sull’investimento in istruzione, ricerca, economia verde, e difesa del lavoro recuperando soldi dalle spese militari, dalla tassazione delle rendite, dei grandi patrimoni e delle transazioni finanziarie”.

UNIONE DEGLI STUDENTI
LINK-COORDINAMENTO UNIVERSITARIO