Archivi tag: libri

Narrativa ragazzi: Giocherò nel Barça!

Iscriviti e diffondi la pagina Facebook di ScuolaMagazineTwitter.

Mabale vorrebbe giocare nel Barcellona e anche Amadou ha un sogno da realizzare. Entrambi vogliono aiutare le loro famiglie a uscire dalla povertà. Per riuscirci sono pronti ad attraversare l’oceano e sfidare i pericoli.

Senegal. Amadou è un ragazzo di diciassette anni che deve lasciare gli studi e mettersi a fare il pescatore per aiutare la famiglia: è orfano, ha due fratelli, quattro sorelle e una nonna. La miseria è tanta e le prospettive così poche che Amadou sposa il sogno del suo amico Mabale: “Barcellona o morte!”.
Amadou e Mabale, dopo mesi di preparativi, salpano a bordo di un barcone insieme ad altri ragazzi con il loro stesso sogno. Fra questi c’è Noolamala, una splendida ragazza di cui Amadou si innamora a prima vista e che lo ricambia. Noolamala è incinta e spera di far nascere la sua bambina in Europa, in questo modo non sarà rimpatriata e potrà dare alla figlia un futuro migliore.
Il viaggio è difficile e tormentato. L’imbarcazione è una vecchia carretta, sprovvista anche di medicine. Molti non resistono alle condizioni di viaggio disumane; anche Mabale si ammala e muore, e con lui il sogno di giocare nel Barcellona e aiutare la sua famiglia e gli amici con i soldi guadagnati.
Durante la traversata Noolamla entra in travaglio e la piccola Africa viene al mondo in acque internazionali, infrangendo le speranze della ragazza di far nascere la figlia in Europa. Neanche Noolmla riesce a superare la traversata e Amadou decide che si prenderà cura della bambina. Il viaggio è ancora lungo, ma quando tutto sembra perduto, ecco finalmente i soccorsi e la prospettiva di una nuova vita.

L’autrice

Gemma Pasqual i Escrivà è una scrittrice catalana e vive a Valencia. Prima di dedicarsi al giornalismo e alla letteratura per ragazzi ha lavorato nel campo della finanza e presso l’IBM. Ha maturato una lunga esperienza di corsi di lettura e di animazione nelle scuole. Ha scritto numerosi romanzi e collaborato con varie riviste specializzate fra le quali «CLIJ-Cuadernos de Literatura Infantil i Juvenil», prediligendo temi di attualità e di carattere sociale. Inoltre è membro del consiglio dell’Associazione degli Scrittori Catalani e membro del consiglio di amministrazione e del comitato consultivo dell’Istituto Catalano di Lettere. Presso le Edizioni San Paolo ha dato alle stampe La ballerina di Baghdad (2010 e Giocherò nel Barça (2012).


Come nascono i libri: un documentario per spiegarlo ai ragazzi nella scuola

 

La nostra redazione è stata contattata da Luca Albanese che ha realizzato un interessante cortometraggio per i bambini  su “come nascono i libri“. Il cortometraggio è un docu-fiction realizzato per i bambini delle scuole elementari, il modo scanzonato in cui viene raccontata la nascita di un libro, dall’idea alla pubblicazione, lo rende divertente e istruttivo allo stesso tempo.

Mi chiamo Luca Albanese e sono il presidente dell’ associazione culturale “L’ultimo banco”.
La nostra associazione si occupa di molteplici cose, tra cui l’animazione e la cultura rivolta ai bambini. Siamo di Latina e collaboriamo già con diverse strutture scolastiche.

Qualche mese fa, abbiamo deciso di produrre un cortometraggio che spiegasse ai bambini come nasce un libro, dall’idea alla pubblicazione, lo abbiamo fatto in maniera ironica, mai monotona, il corto dura 22 minuti e qui di seguito potrete vedere uno stralcio del nostro lavoro.

Il nostro prodotto può essere utile a chi lavora con i bambini o a chi ha un progetto scolastico dove si parla di libri.
 

Luca Albanese

 

 

Lettera presentazione cortometraggio

L’inSEGNA-LIBRO
Un “ corto” per raccontare la lunga storia di un libro

Scrivere un libro per molti è un grande sogno … leggere un libro è il piacere di pochi, sembra un paradosso ma è così. Crediamo che le nuove generazioni debbano essere aiutate prima di tutto a capire come nasce un libro , a partire dalla creatività degli autori fino ad arrivare alla realizzazione dello stesso.
Un percorso fatto di grinta, attese , impegno, sacrificio e forse, gioie per il raggiungimento di un sogno.
Il nostro progetto mira a far capire ai bambini che chiunque può scrivere ma per farlo deve impegnarsi, deve lottare, deve studiare, soffrire proprio come metafore del sacrificio che aspetta ognuno di noi per raggiungere un traguardo nella vita .
In fondo siamo tutti un po’ bambini e anche noi stiamo lottando per distribuire questo cortometraggio, lottiamo perché crediamo nel prodotto, sappiamo che è un ottimo mezzo , comprensibile e di piacevole visione, per portare per mano gli spettatori tra le pagine in bianco e nero dal tipico profumo di tipografia.
Il nostro obiettivo è portare virtualmente i ragazzi tra le pagine scritte con la speranza di appassionarli a quel mondo così importante per loro nella fase della crescita ma anche una volta adulti. Sarà un breve film senza velleità documentariste ma avrà solo la pretesa di aprire loro una finestra , 22 minuti circa tra sogno e realtà, la libreria non sarà più per loro la il deposito dei libri scolastici ma un vero e proprio parco a tema.
Insieme a noi , per questo breve ma intenso viaggio , anche Andrea Balestri si proprio lui il piccolo pinocchio di Comencini! Sarete voi a scoprire in quale ruolo …
Il cortometraggio ha la durata di circa 22 minuti, il titolo è “L’inSEGNA-LIBRO” E’ stato girato tra Latina e Pontinia (LT) .
In breve:
• sceneggiatura e soggetto Luca Albanese e Giulio Guardati
• regia: Maurizio Manduzio
• Protagonisti: Mauro D’addia, Andrea Balestri, Piermario De Dominicis, Nicoletta Bartolini,
• Co- protagonisti : Giorgio Manduzio, Maria Di girolamo, Anna Maria Giorgi
• Direttore della Fotografia : Maurizio Manduzio
• Montaggio : Stefano Amici
Una produzione: Ass. Cult. “L’ultimo banco” in collaborazione con Associazione Teatro dei ragazzi di Pontinia e con il patrocinio del comune di Pontinia

Nel mare ci sono i coccodrilli

Pubblichiamo la scheda di questo libro che sta avendo un bel risalto sui media. Si chiama “Nel mare ci sono i coccodrilli” ed è edito da Baldini Castoldi Dalai Editore.

Se nasci in Afghanistan, nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, può capitare che, anche se sei un bambino alto come una capra, e uno dei migliori a giocare a Buzul-bazi, qualcuno reclami la tua vita. Tuo padre è morto lavorando per un ricco signore, il carico del camion che guidava è andato perduto e tu dovresti esserne il risarcimento. Ecco perché quando bussano alla porta corri a nasconderti. Ma ora stai diventando troppo grande per la buca che tua madre ha scavato vicino alle patate. Così, un giorno, lei ti dice che dovete fare un viaggio. Ti accompagna in Pakistan, ti accarezza i capelli, ti fa promettere che diventerai un uomo per bene e ti lascia solo.
Da questo tragico atto di amore hanno inizio la prematura vita adulta di Enaiatollah Akbari e l’incredibile viaggio che lo porterà in Italia passando per l’Iran, la Turchia e la Grecia. Un’odissea che lo ha messo in contatto con la miseria e la nobiltà degli uomini, e che, nonostante tutto, non è riuscita a fargli perdere l’ironia né a cancellargli dal volto il suo formidabile sorriso.
Enaiatollah ha infine trovato un posto dove fermarsi e avere la sua età. Questa è la sua storia.

Fabio Geda è nato nel 1972 a Torino, dove vive. Si occupa di disagio minorile e animazione culturale. Scrive su «linus» e su «La Stampa» circa i temi del crescere e dell’educare. Collabora stabilmente con la Scuola Holden, il Circolo dei Lettori di Torino e la Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura. Ha pubblicato i romanzi Per il resto del viaggio ho sparato agli indiani (selezionato per il Premio Strega, Miglior Esordio 2007 per la redazione di Fahrenheit, vincitore del Premio Marisa Rusconi e, in Francia, del Prix Jean Monnet des Jeunes Européens) e L’esatta sequenza dei gesti (vincitore del Premio dei Lettori di Lucca). Gioca nell’Osvaldo Soriano Football Club, la Nazionale Italiana Scrittori.

Quanto a Enaiatollah Akbari, la sua biografia è nelle pagine di questo libro.

La Casa Editrice BUR compie 60 anni e propone iniziative dedicate alla scuola

 

-Si chiama BUR (Biblioteca Universale Rizzoli) Sottobanco il progetto che, per tutto il 2009, coinvolgerà
studenti e docenti in iniziative didattiche, incontri e dibattiti sul tema “lettura e tecnologia digitale”.
– Attraverso l’adesione al progetto “Io Studio” del Ministero della Pubblica Istruzione gli studenti potranno accedere ad un anno di sconti e vantaggi attraverso la card erogata dal MIUR.
 -La Casa editrice BUR festeggia il sessantesimo anniversario e per l’occasione coinvolge le scuole secondarie superiori in 365 giorni di iniziative dedicate a studenti e docenti, alcune delle quali realizzate attraverso l’adesione al progetto “Io Studio” – La carta dello studente – erogata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
 -Il progetto, intitolato BUR Sottobanco, si articola in 3 attività indipendenti: BUR VideoClassic, BUR Lab e BUR Promo, il cui leit motiv è il legame tra testo scritto e nuove tecnologie, due realtà di cui si vogliono sfatare false contrapposizioni e approfondire, invece, potenzialità e sinergie.
 -BUR VideoClassic è un’iniziativa che invita gli studenti a leggere un classico e ad interpretarlo creando un breve video della durata massima di 5 minuti. I migliori 20 video selezionati da una giuria interna saranno lanciati su You Tube e votati dalla comunità dei navigatori. I 3 video più votati si aggiudicheranno una biblioteca completa di 180 titoli per l’Istituto di provenienza e altri premi tecnologici per i ragazzi primi classificati.
 -Seconda attività 2009 è BUR Promo: grazie all’ adesione al progetto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Bur offre agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado la possibilità di accedere a un anno di vantaggi utilizzando la card “Io Studio” erogata dal MIUR. L’attività prevede uno sconto del 30% su tutti i titoli a catalogo acquistati on line attraverso il sito del Ministero e una promozione in libreria che, dal 15 maggio al 15 giugno, regalerà un titolo BUR in edizione speciale a fronte di ogni libro Bur acquistato, previa presentazione alla cassa della Carta dello Studente. A partire da settembre avranno invece inizio i BUR Lab: una serie di incontri per docenti e studenti che avranno luogo nelle librerie di 5 città italiane, durante  i quali autori BUR approfondiranno il rapporto tra lettura e nuove tecnologie.
 
Per maggiori informazioni  http://www.bursottobanco.it/