Archivi tag: Harry Potter

Conoscete Harry Potter? di Rosalinda Gianguzzi

Io sono una grande appassionata di questa saga, ho letto tutti e 7 i libri.
Lo scenario principale è una scuola di magia in un regno di maghi.
Racconta di un “uomo oscuro” Valdemort (colui che che non si può nominare per le sue malefatte), che in periodi a fasi alterne governò nel regno della magia, con i suoi servitori chiamati “mangiamorte”.
Erano tutti marchiati, e grazie a questo marchio, colui che non si può nominare entrava e controllava i loro pensieri.
Loro lo aiutavano con “prodigi terribili” a governare il regno del male!
Erano intransigenti, e anche razzisti, accettavano solo i “purosangue”!
I babbani erano gli uomini senza magia, ignari del male oscuro.
A lui si opponeva il regno della magia bianca, con l’esercito deli auror.
Per un po’ Valdemort dovette andare in esilio, ma poi si trovò a combattere con gli unici che potevano contrastarlo, una squadra di giovani studenti capeggiati per l’appunto da Harry Potter.
Ovviamente non erano solo loro studenti che combattevano il signore oscuro, c’erano anche gli auror, divenuti per lo più insegnanti della scuola di magia, ma il loro grandissimo lavoro era spesso invisibile.
LA MAGGIOR PARTE DI LORO CAMBIAVANO OGNI ANNO, nella scuola di magia di Howards.
A coordinare gli auror, e gli insegnanti c’era il saggio Albus Silente, che aveva grande esperienza di auror e magia bianca.
C’erano anche le famiglie di molti di questi ragazzi, che malgrado temessero colui che non si può nominare, aiutano i ragazzi e gli auror nella loro battaglia (a volte sono auror a loro volta, celati da casalinghe)!
Ad aiutare i mangiamorte c’erano invece gli studenti adepti del regno del male, che con la scusa di volere studiare contrastavano il lavoro degli auror e degli studenti che si opponevano a Valdemort!
C’era anche il “capo del ministero”, figura rappresentativa senza poteri, che sebbene dovesse essere garanzia di legalità, spesso era legato mani e piedi a Valdemort senza essere mangiamorte.
Altri che aiutavano Valdemort erano i dissennatori, creature terrificanti che come fantasmi erano ovunque ed entravano nei pensieri e nelle anime della gente fino a togliere loro ogni pensiero autonomo, ogni gioia di vita e ogni slancio.
Altre creature del male erano i mollicci, innoqui animaletti, anche carini, che davano la sensazione di essere affidabili, ma poi si nutrivano delle paure dei malcapitati, lasciandoli in GRAVE CRISI.
Uno dai modi un po’ rudi, e dall’aspetto poco affidabile, CHE NON RIESCE A DIRE 2 PAROLE SENZA SBAGLIARE IL LESSICO, è invece un mezzo gigante che aiuta veramente i ragazzi e gli auror, nella loro battaglia.
Come finisce?
Che dopo varie peripezie, e caduti eccellenti, l’esercito dei ragazzi e degli auror, diventa un’onda, che travolge Valdemort e i mangiamorte sconfiggendolo DEFINITIVAMENTE il male oscuro e riuscendo a salvare la loro scuola!
E’ una lettura molto interessante, magari da fare con i ragazzi!

Citazioni:

• La felicità si può trovare anche negli attimi + tenebrosi….se solo qualcuno si ricorda di accendere la luce.

• Tutti hanno sia luce che oscurità dentro di sé, l’ importante e’ da che parte scegliamo di agire.

• Se vuoi sapere com’è un uomo, guarda bene come tratta i suoi inferiori, non i suoi pari.

• Non sono io che vado in cerca di guai, sono i guai che trovano me.

• Anche i migliori di noi, talvolta, dovrebbero rimangiarsi le parole.

• Ogni cosa è possibile se si hanno i nervi sufficientemente saldi

• Dove si trova il tuo tesoro, lì sarà il tuo cuore!(sll tomba di ariana)

voldemort stesso ha creato il suo peggior nemico come fanno ovunque i tiranni!

• L’ultimo nemico che sarà sconfitto è la morte

•…Ma finalmente capiva quello che Silente aveva cercato di dirgli. Era, si disse, la differenza fra l’essere trascinato nell’arena ad affrontare una battaglia mortale e scendere nell’arena a testa alta. Forse qualcuno avrebbe detto che non era una gran scelta, ma Silente sapeva -e lo so anch’io, pensò Harry con uno slancio di feroce orgoglio- e lo sapevano i miei genitori, che c’era tutta la differenza del mondo.
• Momenti bui e difficili ci attendono. Presto dovremo affrontare la scelta fra ciò che è giusto e ciò che è facile.

•”Sono le scelte che facciamo che dimostrano quel che siamo veramente, molto più delle nostre capacità!”

• Non serve a niente rifugiarsi nei sogni, e dimenticarsi di vivere!

•Harry alla Umbridge: sì Raptor era un grande insegnante…peccato per quel piccolo difetto di avere Lord Voldemort che gli spuntava dalla nuca

Rosalinda Gianguzzi

Insegnante precaria della scuola primaria siciliana.
Mamma e docente per vocazione, scrittrice per diletto
Collaboro col Forum Precari Scuola