Archivi tag: genitori scuola

Genitori e partecipazione a scuola: Tavola rotonda

Partecipazione dei genitori e organi collegiali: un evento imperdibile si terrà sabato 4 maggio a Livorno con la tavola rotonda “Scuola e Famiglia: elementi di base per la partecipazione”, organizzata dall’Ufficio scolastico regionale in collaborazione con il Forum delle associazioni dei genitori FoRAGS (AGe, Agesc, Cgd e Moige) e la Provincia di Livorno. L’appuntamento è per sabato 4 maggio alle ore 10.00, presso il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di Livorno, in via Roma 234.

Nell’occasione sarà presentato il vademecum “Scuola e Famiglia – Gli Organi collegiali”, realizzato dal FoRAGS Toscana e stampato a cura della Provincia di Livorno.
Si discuterà, poi, della partecipazione attiva dei genitori alla vita scolasticaanche in relazione alle recenti “Linee d’indirizzo” per la partecipazione dei genitori e della corresponsabilità educativa(documento del Ministero dell’Istruzione del 22 novembre 2012).

Alla tavola rotonda, moderata da un giornalista, parteciperanno rappresentanti delle Associazioni dei genitori del Forum, degli studenti e la dott.ssa Laura Paolucci, dell’Avvocatura di Stato di Bologna.

”Intendiamo ringraziare l’Ufficio Scolastico Regionale per l’aver coadiuvato l’operato delle organizzazioni di genitori con spirito costruttivo e intelligenza organizzativa –dichiara Claudio Borghesi, coordinatore del FoRAGS Toscana nonché tesoriere AGe Toscana- Le Associazioni appartenenti al FoRAGS toscano sono composte da persone che, seppur diverse per nascita, presupposti culturali e storia, sono state spinte da un comune ideale e da una comune finalità di intenti. Tre anni or sono, il FoRAGS ha coordinato e svolto una serie capillare di assemblee e di corsi di formazione, nell’ambito di ogni Provincia della Toscana”.

”La pubblicazione del libretto –prosegue Borghesi- è stata realizzata con l’intento di permettere una sintetica ma fondamentale preparazione su organi collegiali della scuola e partecipazione. Un interessante “vademecum” rivolto soprattutto ai genitori, che costituiscono la parte per certi aspetti più debole (entrano ed escono negli organi collegiali della scuola nel solo periodo di studio dei figli) e hanno, in tempi relativamente ristretti, poche opportunità di informazione o di formazione adeguate. Questo è uno dei motivi dell’esistenza delle Associazioni dei genitori: dare un’adeguata possibilità formativa e una continuità nel tempo su aspetti normativi che troppo spesso subiscono variazioni anche fondamentali”.

Chi desidera partecipare all’evento, per motivi organizzativi, è necessario che si pre-iscriva collegandosi all’indirizzo:

https://docs.google.com/spreadsheet/viewform?formkey=dDdsS3BBM2VleVlFSExOYml0TkdkVnc6MQ

e compilare interamente il modulo, dove sarà possibile indicare anche suggerimenti di discussione relativi al tema, entro e non oltre il 30 aprile 2013.

Il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di Livorno è raggiungibile dalla Stazione FS Livorno Centrale con l’autobus 8 nero, che ha una frequenza di circa 20 minuti e impiega 15’ a raggiungere piazza Matteotti; da qui bastano 5’ a piedi per raggiungere il Museo, situato in via Roma 234.

Per chi fosse impossibilitato a partecipare, il manuale “Scuola e Famiglia – Gli Organi collegiali” è scaricabile gratuitamente dalla rubrica Documenti del sito associativo www.agetoscana.it , come pure il libro di Sara Ruffo “Il Consiglio d’istituto: cosa è, come (non) funziona”.

Per eventuali ulteriori informazioni specifiche è possibile contattare, presso l’USR Toscana:
–  prof.ssa Cristina Benvenuti, tel. 0552725236, e-mail: cristina.benvenuti@istruzione.it

e per l’A.Ge. Toscana:
–  Rita Manzani Di Goro, tel. 328 8424375, e-mail: agetoscana@age.it

Circolare Ufficio scolastico regionale inviata alle scuole

Linee Guida per la partecipazione e la corresponsabilità educativa

Cosa sono i FORUM dei genitori


Unisciti alla Community della Scuola Pubblica

Strategie per una scuola che verrà: itinerari e collaborazioni per dare futuro ai giovani

Genitori a scuola, questi sconosciuti. Eppure questa volta a lanciare un serio confronto sulla scuola che verrà sono proprio i genitori dell’associazione genitori AGe Toscana e del Forum provinciale delle Associazioni dei Genitori (FoPAGS) di Firenze con la collaborazione della Direzione Scolastica Regionale per la Toscana, della rivista Tuttoscuola e il patrocinio della Regione Toscana.

“Itinerari e collaborazioni per dare futuro ai giovani” è una due giorni tutta orientata a studiare il futuro della scuola e le opportunità che si aprono per i nostri giovani. L’appuntamento è a Firenze presso l’ITI Leonardo da Vinci, via del Terzolle 91, venerdì 7 e sabato 8 ottobre (ore 9,30-12,30) a due passi dalla stazione di Firenze Rifredi, che è ben servita dai treni locali e a lunga percorrenza.

L’obiettivo dichiarato è mettere a fuoco punti di forza e disfunzioni della scuola del presente per disegnare un possibile scenario in cui vengano valorizzate le migliori strategie per rendere efficace e competitivo il servizio istruzione. Uno scambio costruttivo a più voci costituito dall’Amministrazione scolastica, dalla Regione, dall’ambito universitario, dai genitori e da Tuttoscuola.

L’intento non secondario è anche quello di rilanciare la partecipazione dei genitori attraverso gli strumenti esistenti, come i consigli di classe e di istituto e i Forum provinciali delle associazioni dei genitori. “Siamo impegnati nella formazione dei genitori eletti negli organi collegiali da molti anni –dichiarano i rappresentanti di AGe Toscana e Fopags Firenze– Non a caso, abbiamo scelto la data tradizionalmente individuata per la Giornata europea dei genitori e della scuola, che si colloca immediatamente prima del rinnovo dei consigli di classe e d’istituto”.

La prima sessione, “Itinerari e collaborazioni per dare futuro ai giovani“, analizza e discute le ricadute dell’attuazione del riordino istituzionale disegnato dalla riforma del Titolo V della Costituzione. Ne parlano: Stella Targetti, assessore alla Scuola, università e ricerca della regione Toscana, che affronta il tema delle “politiche formative territoriali”; Alfonso Rubinacci, coordinatore del Comitato scientifico di Tuttoscuola, che approfondisce la “governance territoriale nella prospettiva federalista”; Annamaria Poggi, docente Istituzioni di diritto pubblico dell’Università di Torino, che affronta il tema dell’ “Individuazione e controllo dei livelli essenziali delle prestazioni del sistema educativo”; Angela Palamone, Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale della Toscana, che analizza “I nuovi sviluppi dell’Istruzione e della formazione (la riforma del sistema educativo, rapporti con IFP/ITS/apprendistato)”.

La seconda sessione, “Genitori a scuola di comunicazione”, mira a disegnare un quadro completo delle forme e modalità di partecipazione dei genitori alla vita della scuola in un’ottica diversa dal passato. Introduce Rita Manzani Di Goro, presidente dell’ Associazione genitori A.Ge. Toscana, con una riflessione su “Genitori a scuola: comunicare per partecipare”; segue l’intervento dell’avv. Giuseppe Pennisi, su “Il rapporto genitori-scuola com’era ieri, com’é oggi, come dovrebbe essere”. Chiude la sessione Giovanni Vischi, coordinatore del Fopags di Firenze.

Hanno aderito all’iniziativa assessori provinciali e comunali; esperti del mondo della scuola; dirigenti scolastici e docenti. È richiesta l’iscrizione presso supportoautonomia@csa.fi.it  (055 6528609). LA PARTECIPAZIONE E’ LIBERA E GRATUITA.

Per i genitori attesi da fuori regione, l’AGe Toscana ha organizzato una visita guidata gratuita del museo degli Uffizi per il pomeriggio di sabato 8 ottobre (è necessario prenotare presso agetoscana@age.it , 328 8424375).

In Sicilia i genitori a scuola contano

Un sano protagonismo dei genitori è elemento essenziale dell’autonomia scolastica: una realtà nota ma ben poco praticata, che viene rilanciata adesso per iniziativa della sezione catanese dell’ASASi, Associazione delle Scuole Autonome della Sicilia, in collaborazione con l’Associazione Genitori A.Ge. Sicilia con due incontri dal titolo “Nella scuola i genitori contano”.

Il primo incontro si terrà a Catania presso l’auditorium “Nicholas Green” dell’Istituto “G. Parini” e avrà luogo Giovedì 3 marzo 2011 alle ore 17,00, mentre il secondo si svolgerà venerdì 4 marzo 2011 alle ore 17,00 presso l’auditorium dell’I.T.C.T. “S. Pugliatti” di Trappitello-Taormina (Me).

“L’ASASi sostiene l’autonomia delle scuole nell’ottica della qualità e dell’efficienza riconoscendo necessaria ed indispensabile la collaborazione dei genitori per un’efficace azione educativa condotta nella convergenza dei valori educativi –dichiara il presidente provinciale Giuseppe Adernò- e mediante una fattiva cooperazione ha promosso alcuni incontri per i genitori nelle province di Catania e Messina con Rita Manzani Di Goro, presidente dell’Associazione Genitori A.Ge. Toscana e autrice del volume: Come rappresentare i genitori e…vivere felici”.

“L’impegno per l’educazione e il bene comune ci chiede di rappresentare pubblicamente quel capitale sociale che si esprime nella quotidianità delle famiglie, delle scuole, dell’attività associativa -aggiunge Salvatore La Rosa, docente universitario e presidente dell’Associazione Genitori A.Ge. Sicilia- Da oltre un quarantennio l’A.Ge. è interprete delle domande e delle attese dei genitori e delle famiglie attraverso le associazioni locali, capaci di cogliere le istanze e richieste di chi quotidianamente si trova a dovere affrontare il complesso mestiere di genitore in una società disattenta se non avversa all’educazione e alla cultura”.

Nel corso dell’incontro si parlerà dei diritti e dei doveri dei genitori a scuola, rivisitando concretamente la normativa sugli organi collegiali, e si affronteranno poi le tematiche che stanno più a cuore ai genitori: contributo volontario, assicurazione, piano dell’offerta formativa, tempo scuola e molto altro ancora. “L’occasione favorirà un’opportunità di dialogo e di confronto con altre realtà scolastiche e territoriali –conclude il preside prof. Adernò- ma con comuni problemi specialmente a proposito del contributo volontario che si è spesso costretti a chiedere ai genitori per la gestione di alcuni servizi scolastici”.

Visite fiscali a carico della scuola: pagheranno i genitori?

Ancora una tegola sui magri bilanci delle scuole: accantonata la tassa sui rifiuti, messe fra parentesi le visite fiscali, ecco che la Corte Costituzionale resuscita la norma che mette a carico della scuola le temute visite fiscali. E visto che il Ministero come al solito non provvede, finirà che a pagare saranno i genitori?

Tutto iniziò nell’estate del 2008, quando il decreto legge n. 112, nell’ambito del contenimento della spesa per il pubblico impiego, pose misure restrittive per i dipendenti assenti, primi fra tutti l’ obbligo di visita fiscale e l’ampliamento della fascia oraria di reperibilità.
Così a scuola iniziarono a piovere fatture della ASL senza che il Ministero mandasse l’ombra di un finanziamento. E questo proprio nel 2009, quando una buona metà delle scuole non ha ricevuto neppure un euro per il funzionamento. Poi quando le scuole -persa ormai ogni speranza- stavano iniziando a pagare di tasca propria, ecco che un altro decreto legge, il n. 78 del 1° luglio 2009, aggiunse un comma prezioso, il 5-bis, che poneva tutte le spese a carico delle Aziende sanitarie locali.

Adesso la Consulta con sentenza n. 207 del 10 giugno 2010 ha stabilito che il comma 5-bis viola gli articoli 117 e 119 della Costituzione. Così le scuole che a suo tempo non hanno pagato le fatture delle ASL, adesso si trovano debiti d’annata per l’a.s. 2008/09, mentre già sta arrivando la resa dei conti per le visite fiscali richieste nell’anno scolastico 2009/10 appena concluso.

Chi può paghi dunque, ma attenzione: memoria insegna che le scuole che non hanno pagato la tassa sui rifiuti sono state premiate, ricevendo i necessari finanziamenti dal Ministero, anche se con anni di ritardo. Chi invece ha pagato ha assottigliato le proprie risorse senza alcun risarcimento.
Meglio allora scrivere all’Ufficio scolastico regionale e anche al Ministero, al Direttore Generale per la politica finanziaria e il bilancio Marco Ugo Filisetti in persona (fax 06 58493799) per chiedere lumi e soprattutto finanziamenti.

E intanto, chi paga? “Tutto lascia supporre che ci sarà di nuovo un assalto al contributo dei genitori –denuncia Rita Manzani Di Goro, presidente dell’ Associazione Genitori A.Ge. Toscana– Sappiamo per certo che alcune scuole se ne sono avvalse di volta in volta per pagare tassa sui rifiuti e il materiale di pulizia, per non parlare dei fondi accantonati a disposizione del Ministero (il famoso aggregato Z01 della circolare 9537 del dicembre 2009) invece di destinarli alla didattica”.

”Questo è assolutamente illegittimo –avverte Di Goro– I genitori debbono essere fermi nel tutelare il contributo volontario e anche i fondi indispensabili per il funzionamento didattico e amministrativo. Per parte nostra continueremo con i corsi di formazione per genitori eletti negli organi collegiali, con i corsi sul bilancio e a fornire consulenza gratuita ai tanti membri dei Consigli d’Istituto che stanno prendendo consapevolezza del proprio indispensabile ruolo nel tutelare la qualità della scuola dei nostri figli”.

agetoscana@age.it  – www.agetoscana.it