Archivi tag: firenze scuola

Firenze, 3 giugno: sindacati in piazza contro i tagli alla scuola pubblica

FLC CGIL – CISL Scuola – UIL Scuola – GILDA Unams
Scuola: noi intendiamo reagire
La scuola è l’istituzione in cui gli alunni, si formano per diventare “cittadini consapevoli”; pertanto dovrebbe essere il luogo del buon governo e del rispetto di regole democratiche, stabili e chiare.

Viceversa è diventata, negli ultimi due anni, luogo di crescente instabilità e illegittimità:

•non esiste certezza su entità e tempi dei finanziamenti delle spese per il funzionamento: talvolta non è possibile garantire neppure il sapone;
•il mancato finanziamento delle supplenze ha determinato sparpagliamento degli alunni in classi diverse dalle loro, ingressi posticipati e uscite anticipate: pratiche che garantiscono la vigilanza ma non il diritto allo studio;
•l’aumento del numero degli alunni per classe, fino a 33, contrasta con le norme vigenti in materia di sicurezza e di edilizia scolastica;
e inoltre, per quanto riguarda la scuola primaria,

•il tetto sugli organici impedirà le scelte delle famiglie su tempo scuola e tempo pieno;
e per quanto riguarda le scuole superiori:

•gli studenti che escono dalla scuola media vengono iscritti a classi con nuovi ordinamenti giuridicamente inesistenti: il riordino della secondaria di secondo grado non è infatti ancora legge dello Stato; inoltre non sono stati emanati i nuovi programmi, né gli indicatori per la valutazione e l’autovalutazione dei percorsi;
•negli istituti tecnici e professionali, trattati di fatto come scuole di serie B, viene attuata una riduzione oraria, “ad ordinamento vigente”, nelle classi successive alla prima, con evidente violazione del patto educativo che le scuole hanno sottoscritto con le famiglie all’atto dell’iscrizione alle classi prime;
•in molte scuole sono stati “regolarmente” adottati libri di testo per le prime classi superiori, realizzati in assenza delle necessarie indicazioni nazionali.
La nuova normativa sulla valutazione, che consente l’ammissione agli esami di stato solo a chi ha raggiunto la sufficienza in tutte le discipline – metafora, insieme agli spot del grembiulino, della maestra unica e delle ore di 60 minuti, di un presunto ripristino della serietà degli studi – sta generando comportamenti, pur “a fin di bene”, ma improntati a scarsa trasparenza e dunque funzionali ad alimentare sfiducia nelle regole e ipocrisia.

Bisogna infine aggiungere il comportamento irresponsabile del MIUR nei confronti dei lavoratori, ai quali si è negato quel rinnovo contrattuale su cui nemmeno un anno prima era stato preso da parte del governo un preciso e solenne impegno.

Questo clima di precarietà e di incertezza sta producendo nelle scuole demotivazione e abbandono delle buone pratiche.

A tutto questo si aggiungono i pesanti tagli a classi, organici e tempo scuola imposti dalla manovra finanziaria triennale inaugurata dalla l. 133/08.

Noi intendiamo reagire a questa situazione, che rischia di raggiungere il punto di non ritorno.

Di fronte a un governo che è determinato a ridurre al minimo l’impegno economico e il ruolo dello Stato nell’istruzione pubblica, favorendo l’espansione del settore privato e privatizzando di fatto le stesse scuole statali, non ci resta che appellarci alla Costituzione, che prevede l’istituzione e il buon funzionamento delle scuole “per tutti gli ordini e gradi” come compiti della Repubblica,
la quale “è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città Metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato”.

Ci rivolgiamo dunque agli Enti Locali, e prima di tutto alla Regione Toscana, perché le scuole statali abbiano di mira “il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”. Vogliamo anche ricordare i principi generali, a cui si ispira lo Statuto regionale, di “libertà, giustizia, uguaglianza, solidarietà, rispetto della dignità personale e dei diritti umani”.

Ci appelliamo a tutti coloro – cittadini, associazioni, istituzioni – che condividono le ragioni della Scuola della Repubblica e li invitiamo a aderire e a partecipare alla

manifestazione/corteo Firenze
P.zza Strozzi
giovedì 3 giugno, ore 17