Archivi tag: Dichiarazione sostitutiva unica

La visura catastale fra i documenti per la Dichiarazione sostitutiva unica e l’ISEE

Per fruire di servizi sociali agevolati, i cittadini devono presentare il Modello ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) 2017 e, dal 16/1/2017, i documenti per la Dichiarazione sostitutiva unica e le relative facilitazioni.

 

Dichiarazione sostitutiva unica

La Dichiarazione sostitutiva unica può essere compilata online, sul sito dell’Inps, o fisicamente presso i Centri di assistenza fiscale e i patronati, le sedi comunali e quelle degli enti che offrono la prestazione sociale agevolata.

 

Dsu e ISEE: visura catastale e altri documenti

Per compilare la Dichiarazione sostitutiva unica bisogna presentare alcuni documenti:

  • Lo stato di famiglia;
  • Il codice fiscale;
  • Un documento d’identità valido;
  • L’ultima dichiarazione dei redditi;
  • L’ultima certificazione dei redditi (l’Unica, che sostituisce il CUD);
  • Il contratto di locazione (se si è in affitto) e la prova del pagamento dell’ultimo mese versato;
  • Il saldo contabile dei depositi postali e bancari;
  • L’estratto conto con indicazione della giacenza media annua dei depositi postali e bancari al 31/12/2016;
  • Le azioni o le quote possedute in società d’investimento collettivo del risparmio;
  • La visura catastale da cui risultano le proprietà immobiliari;
  • Il contratto di assicurazione sulla vita, se presente;
  • I documenti che provino l’esistenza di borse o assegni di studio, assegni per il mantenimento della moglie/marito e dei figli, compensi (anche quelli per attività sportive dilettantistiche), indennità, trattamenti di assistenza o previdenza, redditi esenti-Irpef e redditi percepiti all’estero.

 

Handicap

Se ci sono persone disabili all’interno del nucleo familiare, è necessario fornire la certificazione dell’handicap, con esplicitati il nome di chi l’ha rilasciata e quando e il numero del documento. In più, servono anche le spese sostenute per il ricovero (quando fatto) in strutture residenziali nell’anno prima a quello della presentazione della Dichiarazione sostitutiva unica, o quelle pagate per avere un’assistenza personale, detratte nella dichiarazione dei redditi di due anni prima rispetto a quello della presentazione della Dichiarazione sostitutiva unica.

 

Le agevolazioni ISEE

Sono costituite da:

  • L’assegno statale di maternità. Per questo bisogna presentare domanda sei mesi prima della nascita o dell’ingresso di un eventuale figlio adottivo in famiglia;
  • L’assegno comunale di maternità. Per questo bisogna presentare domanda sei mesi prima della nascita o dell’ingresso di un eventuale figlio adottivo in famiglia;
  • Assegni familiari;
  • Sconti per il pagamento dell’asilo o altri servizi educativi equivalenti e per la mensa;
  • Borse di studio o riduzioni delle tasse universitarie;
  • Bonus per comprare libri;
  • Servizi socio-sanitari a domicilio;
  • Riduzioni sulle bollette domestiche grazie al bonus luce e gas;
  • Bonus bebè;
  • Bonus per gli acquisti delle famiglie;
  • Diminuzione del Canone Rai;
  • Nuovo reddito d’inclusione sociale Carta Sostegno Inclusione Attiva (per contrastare la povertà);
  • Carta acquisti per cittadini over 65 e under 3 anni;
  • Agevolazioni e detrazioni sulle spese scaricabili dell’affitto di un immobile usato come abitazione principale.