Archivi tag: crisi libica

No ad un altra guerra per il petrolio

Per anni Gheddafi ha rappresentato un muro di contenimento dei migranti africani che tentavano di entrare nella fortezza Europa, ora siamo sul bordo di un altro conflitto per il petrolio dopo i baciamani di Berlusconi e l’harem romano che ha suggellato il patto di amicizia Italia-Libia , dopo che il capitale libico ha acquisito azioni dell’Eni, dell’Enel, della Fiat, di Mediobanca e dell’Unicredit, cinque aziende che insieme fanno più del 30% del PIL italiano annuo.
In palese violazione dell’art. 11 della Costituzione che afferma “l’Italia ripudia la guerra come mezzo di risoluzione dei conflitti internazionali” il Governo ed il Parlamento con voto bipartisan dei guerrafondai del PDL e del PD (già sponsor della guerra contro la Serbia) ha messo a disposizione 7 basi militari per bombardare la Libia: Amendola, Gioia del Colle, Sigonella, Aviano, Trapani, Decimomannu e Pantelleria. Il ministro fascista LaRussa già delira di interventi diretti della nostra aviazione mentre Sarkozy, interessato al petrolio libico annuncia l’intervento militare, spalleggiato da Gran Bretagna e USA. La scusa umanitaria è solo un’ennesima ipocrita menzogna, come dimostra il fatto che in queste stesse ore assistiamo al massacro della popolazione del Bahrein e dello Yemen nel silenzio dell’ONU e della Nato che invece hanno costruito un percorso per legittimarsi l’intervento militare per il controllo del petrolio libico.
Alla notizia dell’intervento francese alcune decine di cittadini ternani si sono ritrovati spontaneamente sotto la Prefettura per manifestare la totale condanna di questa ulteriore guerra di rapina.
Dal presidio è partita la proposta di una pubblica assemblea che si terrà Lunedì alle ore 21 presso la Sala Laura in via Carrara 2, per organizzare e coordinare iniziative contro la guerra.

Comitato spontaneo contro la guerra- Terni