Archivi tag: costa di lecce

Turismo e internet: una scuola riporterà l’Italia in testa

Hanno adottato il termine “Turismo 3.0”, hanno creato un sito all’indirizzo http://turismo.3punto0.org , stanno lavorando da circa un mese a questo nuovo progetto che segnerà profondamente il modo di fare turismo nel futuro prossimo, molto prossimo. Puntano sulle nuove tecnologie per portare il turismo in Italia di nuovo ai primi posti del mondo. Ora stanno cercando partner in tutta la penisola per fare rete e offrire un servizio globale.

Parliamo di alcuni giovani studenti dell’ Istituto Tecnico Economico per l’Informatica e per il Turismo “Costa” di Lecce i quali stanno studiando a fondo la prossima evoluzione del web, il passaggio dall’attuale Web 2.0 al Web 3.0 o “Web semantico”. In questo studio stanno ponendo particolare attenzione a ciò che questa evoluzione significherà e porterà nel settore del turismo, cercando di capire nel concreto cosa avverrà e soprattutto cosa poter fare per rendere l’offerta turistica italiana all’altezza della situazione.

Il sito appena creato è semplice ed è molto chiaro. La prima sezione cerca di far capire cosa si intende per “Web 3.0” ossia il passaggio dall’uso che facciamo oggi di Internet con i blog, i social network, etc. a ciò che avverrà domani quando il web diventerà “semantico”. Per dirlo in poche parole, mentre oggi tutte le informazioni sono solo parole, nel prossimo futuro esse saranno corredate dal loro “significato”. Se oggi, ad esempio, inseriamo in un motore di ricerca (Google, Yahoo, etc.) le parole “arredamento” e “casa”, ci vengono restituiti siti che contengono, appunto, esattamente queste due parole, mentre se volessimo ipotizzare cosa avverrà in futuro, con il Web 3.0 il sistema “capirebbe” che vogliamo cercare degli arredamenti e ci guiderebbe verso soluzioni appropriate, magari chiedendoci ulteriori dettagli come lo stile, la spesa prevista, i materiali, etc.

La seconda sezione del sito affronta invece il tema di come questa evoluzione coinvolgerà e trasformerà il settore del turismo. L’idea più facile da ipotizzare è che i futuri viaggiatori potranno inserire alcune informazioni base, riguardanti se stessi e le caratteristiche principali di ciò che desiderano per il proprio viaggio, e sarà il sistema che, fungendo da consulente virtuale, proporrà soluzioni complete. Ad esempio, se oggi volessimo aiutarci con il Web per organizzare una vacanza nel Salento, inseriremmo in un motore di ricerca termini come “b&b”, “hotel”, “salento”, “barocco”, “enogastronomia”, “mare” e successivamente visiteremmo i vari siti suggeriti dal motore, leggendo le informazioni pubblicate e cercando di individuare le località, le strutture e gli eventi che meglio soddisfano le nostre esigenze. Quando sarà operativa l’era del Web 3.0, sarà possibile inserire nei motori di ricerca la frase: “vacanza di 7 giorni nel Salento con mia moglie, due figli minorenni e un cane, vicino al mare, amo sagre, vino e musica popolare, con un budget di 2.300 euro”. Ed il sistema fornirà un certo numero di soluzioni complete tra cui poter scegliere quella che meglio ci soddisfa.

La terza sezione sarà utilizzata per informare in tempo reale sullo “stato dell’arte” in Italia. Oggi, oltre ad alcuni interventi da parte di illustri esperti del Web (tra i quali Danilo Pontone, Francesco Caccavella, Matteo Stagi, Marco Montemagno, etc), in Italia non si riscontrano particolari attività relative allo studio e all’approfondimento del “Turismo 3.0”. Negli USA vi è il sito “Tripbase” che offre una visione d’insieme sull’industria del turismo e guarda già verso il web 3.0 ed in Spagna si hanno notizie di studi particolari effettuati dal “Grupo Almia”, soprattutto per quanto concerne applicazioni per telefoni cellulari (iPhone, Android).

Si è voluto qui comunicare gli estremi di questo nuovo progetto in maniera molto semplificata e comprensibile, ma il lavoro da svolgere è piuttosto complesso e molto “scientifico”. Gli studenti stanno approcciando il linguaggio RDF (Resource Description Framework), stanno studiando ed analizzando le applicazioni che si basano sul GIS – Geographic Information System (Scienza della geografia informatica), stanno approfondendo le caratteristiche e le potenzialità di Panoramio e di Google Maps e delle diverse applicazioni di Augmented Reality (la realtà aumentata) quali Layar, Wikitude, Mixare e così via. Un lavoro non da poco.

Ora la scuola cerca partner in ogni provincia d’Italia, preferibilmente altre scuole ad indirizzo turistico. L’obiettivo è quello di fare rete e coprire l’intera area nazionale. Fino a quando non sarà pienamente operativo e funzionale il Web 3.0, i ragazzi hanno intenzione di implementare in maniera “umana” i servizi da rendere. Questo significa che dovranno costituirsi dei data-base con ventagli di offerte turistiche (ricezione, ristorazione, shopping, eventi, servizi, …) e formulare risposte e proposte turistiche rispondenti alle richieste dei viaggiatori. Nello specifico, i ragazzi leccesi utilizzeranno i loro nuovi portali su http://salento.3punto0.org per la sperimentazione che riguarderà il territorio del Salento.

Nessuna meraviglia che questo progetto sia nato nell’Istituto “Costa” di Lecce, in quanto già da diversi anni la scuola salentina opera nella ricerca e nell’implementazione di sperimentazioni in campo turistico, oltre ad essere la scuola più premiata d’Italia per progetti relativi al web e all’informatica.

Alcuni riferimenti utili:
Il progetto Turismo 3.0: http://turismo.3punto0.org
 L’applicazione sperimentale nel Salento: www.3punto0.org/come.html  Conoscere il Web 3.0: http://it.wikipedia.org/wiki/Web_3.0