Archivi tag: composizione delle cattedre

Organico di fatto 2009-2010: il Miur emana la circolare. La scuola è in ginocchio!

 

Via: www.flcgil.it

 

Il Miur ha emanato la circolare n. 63 del 6 luglio 2009 con cui vengono fornite indicazioni per la definizione dell’organico di fatto per il prossimo anno scolastico. Come era già chiaro nell’incontro della scorsa settimana con i sindacati, non cambia la sostanza di queste disposizioni. Come denunciato dalla FLC Cgil, non c’è alcun riscontro positivo rispetto alle dichiarazioni e agli impegni del ministro Gelmini ad attenuare il taglio agli organici, non c’è nessuno sconto rispetto all’ammontare complessivo della riduzione, né sul personale docente (-42.000 posti) né sul personale Ata (-15.000 posti). Questa ulteriore riduzione, pari a 5.000 unità, da effettuare in organico di fatto rispetto a quella pesantissima già fatta nell’organico di diritto comporterà che saranno attivate meno deroghe dello scorso anno, a prescindere dalle esigenze aggiuntive che porranno le scuole, rispetto alle deroghe di posti in più autorizzate ed attivate nello scorso anno nel passaggio dall’organico di diritto a quello di fatto. In sostanza per il prossimo anno dovranno essere autorizzate 5.000 deroghe in meno. A ciascuna regione è attribuita la quota di posti da contenere rispetto a quelli aggiuntivi autorizzati nell’organico di fatto dello scorso anno.

Saranno le singole Direzioni Scolastiche Regionale a dover individuare le modalità per ottenere tale risultato, mentre il Miur, su questo, si è limita solo a fornire, a mò di esempio, alcune piste di lavoro. Il taglio sul personale Ata è ancor più intollerabile perché mette a rischio, nelle scuole, oltre alla funzionalità degli uffici amministrativi, la chiusura dei laboratori e di numerosi plessi. Molte scuola hanno avuto assegnati meno collaboratori scolastici rispetto al numero di plessi che dovranno funzionare. E’ inaccettabile che il MIUR, pur conoscendo bene il problema, si limiti a scrivere nella circolare che “l’attivazione di ulteriori posti nell’adeguamento dell’organico di diritto alle situazioni di fatto non deve comportare, a livello provinciale, incrementi di posti del medesimo organico. Qualora necessario, le SS.LL., sulla base delle indicazioni e delle richieste formulate dai dirigenti scolastici, possono autorizzare eventuali incrementi di posti esclusivamente a mezzo di compensazione, a livello provinciale”. Si tratta di una circolare che tenta disperatamente di nascondere la drammatica realtà dei fatti.

Per la FLC Cgil l’adeguamento dell’organico alle situazioni di fatto non può essere limitata solo a casi eccezionali (sicurezza e inidonei), ma va estesa a tutte quelle situazioni dove è necessario almeno un collaboratore scolastico per ogni plesso e per ogni turno.

Nel testo finale della circolare, su pressante richiesta da parte della FLC Cgil, questo passaggio è stato inserito cosi come il rispetto dovuto agli obblighi del Ccnl. Non si può imporre al personale, come già accade oggi, orario straordinario e turni di lavoro massacranti.

Nei confronti delle decisioni che ora dovranno assumere i Direttori Regionali occorre rivendicare almeno un collaboratore scolastico per ogni plesso e per ogni turno per tutte quelle situazioni dove è necessario.

Sintesi dei punti principali trattati nella circolare
Per effetto della L. n. 14 del 24/2/2009, tutte le operazioni per l’anno prossimo vanno concluse entro il 31 agosto (e non più 31 luglio).
I parametri relativi al numero massimo di alunni per la costituzione delle classi per l’anno prossimo sono quelli previsti dal nuovo regolamento sul dimensionamento della rete scolastica, norma che ha sostituito i precedenti del DM 331/98 e 141/99. Ovviamente rispetto al numero di alunni per classe è obbligatorio il rispetto delle norme sulla sicurezza e sulle dimensioni delle aule.
La ripartizione dell’ulteriore riduzione di 5.000 posti, non rispetto all’organico di diritto ma rispetto alle deroghe autorizzate nello scorso anno regione per regione, è contenuta nella tabella G (colonna C) allegata alla circolare.
Le richieste di adeguamento dell’organico da parte delle singole scuole, cosi come la comunicazione dei posti e/o spezzoni disponibili, va comunicata ai singoli USP entro la data definita da ciascuna Direzione Regionale e comunque non oltre il 20 luglio 2009.


Lo sdoppiamento delle classi o l’attivazione di nuove classi deve essere autorizzata, per effetto delle disposizioni contenute nella finanziaria 2007, dal Direttore Regionale (o Usp se delegato).
Dopo il 31 agosto non sono più consentiti sdoppiamenti di classi, fatta eccezione per la scuola secondaria di secondo grado qualora la scuola abbia programmato la verifica sul recupero dei debiti scolastici ai primi giorni di settembre. Tale eventuale variazione va comunicata entro il 10 settembre.
Va mantenuta in organico di fatto la stessa composizione delle cattedre definita in organico di diritto. Solo in caso di aumento di ore nella scuola in cui si è titolari, si ha diritto a lasciare le ore esterne per completare nella stessa scuola. Questo vale anche per i docenti di religione cattolica.
Scuola dell’infanzia: è la prima volta che non si attribuirà nemmeno un posto in più e nemmeno in presenza di liste d’attesa.
Scuola primaria.

Le ore necessarie per il servizio mensa, oltre le 30 ore, dovranno essere ricavate dalle eventuali e residue ore di compresenza dovute al docente aggiunto per la religione cattolica, oppure le l’insegnamento dell’inglese, oppure utilizzando le 4 ore di compresenza nella classi a tempo pieno. Dunque non si garantisce il tempo mensa in tutte le scuole perché non è detto che ci siano le ore necessarie.
Le ore in più in organico di fatto per l’insegnamento della lingua inglese potranno essere date solo se sono stati completamente utilizzati i docenti in possesso del titolo e già in servizio nella scuola. Su questo deve però essere anche ben chiaro che a nessun docente, titolare di posto comune, può essere imposto di operare di fatto come specialista. Quindi l’insegnamento della lingua inglese è dovuto esclusivamente nelle classi in cui si opera anche come docente comune.
Nella circolare, su richiesta dei sindacati, è stato scritto chiaramente che, date a ciascuna scuola le risorse di organico, poi è la scuola che decide, in piena autonomia, come utilizzarle. Quindi nessun presunto maestro unico, né prevalente, può essere obbligatorio né imposto.

 
Scuola secondaria di primo grado.

Su richiesta della FLC Cgil viene chiarito una volta per tutte (a differenza della circolare n. 38 del 2 aprile 2009 carente su questo) che sono possibili anche cattedre inferiori a 18 ore (es. 15 per lettere, 16 o 17 per le altre classi di concorso) quando non si può abbinare tutte le ore a 18. Ad esempio in tutte quelle scuole che hanno classi a tempo prolungato per le quali, nelle terze, si è mantenuto ancora per un anno il precedente quadro orario. Una conferma, se ce ne fosse bisogno, dell’illegittimità di tutte quelle cattedre che in organico di diritto sono state costituite oltre le 18 ore settimanali, per “risparmiare”, anche nei casi non previsti dagli ordinamenti.
Per il tempo prolungato si precisa che l’eventuale disattivazione di tale modello, per mancanza delle condizioni necessarie per effettuare almeno 2 rientri pomeridiani, deve assicurare comunque la prosecuzione delle scelte operate negli anni passati dalla famiglie e pertanto opererà sole nelle nuove prime classi.

 
Scuola secondaria di secondo grado. Rispetto alla costituzione delle cattedre a 18 ore vale quanto detto sopra per la scuola media e dunque rimane la possibilità di costituzione di cattedre inferiori a 18 ore come previsto dalla precedente normativa, quando non è possibile abbinare a 18 ore esatte.
Posti di sostegno. Viene confermata, tra dotazione di diritto e quota aggiuntiva nel fatto, la stessa dotazione complessiva dello sorso anno.
Istruzione degli adulti. Si ribadisce il rinvio all’anno prossimo dell’attivazione dei nuovi CPIA. Pertanto sono confermati gli attuali CTP e serali.
Progetti. Possono essere assegnati posti per progetti, se richiesti dalle scuole, nel limite di quelli attivati nello scorso anno.
Personale educativo. Si rinvia ad una successiva comunicazione.
Personale Ata. E’ data la possibilità di consentire deroghe “motivate”, non solo previa compensazione da scuola a scuola, ma anche in deroga alla dotazione complessiva già assegnata in organico di diritto, nei casi in cui non sia assicurata la funzionalità del servizio nelle singole scuole (cioè se, ad esempio, ci sono meno collaboratori rispetto alle sedi oppure nel caso siano necessari doppi turni), oppure per garantire la sicurezza degli allievi e del personale della scuola (ad esempio per il personale tecnico nei laboratori), nonché per fare fronte a situazioni di difficoltà nel servizio per la presenza di più unità di personale inidoneo alle mansioni per motivi di salute.
Roma, 7 luglio 2009