Archivi tag: collaboratori scolastici

Scuola, appalti per la pulizia: ecco come si spreca il denaro pubblico

Ha ragione il ministro Gelmini quando dice che le ditte appaltatrici non puliscono le scuole. Lo diciamo anche noi genitori da più di dieci anni, ma nessuno ci ha mai dato ascolto. E non è solo un’impressione nostra, perché le scuole non sono per nulla contente del servizio.
Ora che però anche il ministro se n’è accorto, vorremmo sapere perché dobbiamo tenercele ancora. Proprio il ministro Gelmini nella direttiva 103 del 30 dicembre dice chiaramente che non c’è alcun obbligo di legge di rinnovare gli appalti e tutti lo sanno che le ditte costano ben più degli 11.800 collaboratori scolastici lasciati a casa.

In Toscana sono stati accantonati ben 608 posti di collaboratore scolastico in 227 scuole a fronte di una spesa per gli appalti che per il solo semestre gennaio/giugno 2011 supera gli 8,5 milioni di euro. C’è chi ha avuto il taglio di un bidello, chi invece di tre o quattro oppure anche di dodici, ma non in tutte le scuole: in Italia solo 4.000 su oltre 10.000. E perché, chiediamo noi, forse che i bambini non sono tutti uguali e non hanno tutti lo stesso diritto di stare in una scuola pulita?

Il meglio però deve ancora venire con l’a.s. 2011/12, perché con il terzo anno consecutivo di tagli all’organico del personale ATA quei bidelli accantonati farebbero proprio comodo. Non lo sa il ministro che le scuole con tanti plessi rischiano di non poter più garantire la sorveglianza dei nostri figli per l’intera giornata? I dirigenti scolastici già ce lo dicono: a partire dal prossimo anno alcune scuole resteranno senza collaboratore scolastico per una parte della giornata per carenza di organico. Ci siamo informati ed è vero: come si fa a coprire la sorveglianza di 11 scuole a orario lungo con solo 20 collaboratori scolastici? Altro che bidello al piano come sarebbe invece necessario per assicurare un adeguato livello di sicurezza…

Insomma le ditte di pulizie puliscono meno, costano di più e non assicurano quel servizio insostituibile di cura degli alunni che da sempre svolgono i bidelli. Se quello che preme è rispettare il dettato legislativo di razionalizzazione della spesa tramite la “revisione dei criteri e dei parametri vigenti per la determinazione della consistenza complessiva degli organici del personale docente ed ATA, finalizzata ad una razionalizzazione degli stessi” (L. 133/08), allora conviene togliere le ditte e riassumere i collaboratori scolastici e si deve fare adesso, in quanto “a legislazione vigente non è prevista alcuna proroga per l’anno 2011 e seguenti delle attività di pulizia” e la mancanza della copertura dei posti “comporterebbe l’impossibilità di garantire i livelli minimi di igiene nei locali scolastici e pertanto l’interruzione del pubblico servizio dell’istruzione, ivi inclusa quella obbligatoria”.

Associazione Genitori A.Ge. Toscana

Bologna, organici scuola: non solo non si danno i posti necessari ma si taglia ancora alle elementari

 

Bologna, organici scuola: non solo non si danno i posti necessari ma si taglia ancora alle elementari

FLC Cgil e CISL Scuola di Bologna e Imola
Comunicato stampa

La beffa degli organici scuola a Bologna:
non solo non si danno i posti necessari ma si taglia ancora alle elementari
Prima si è visto il maldestro tentativo di spacciare per “posti in più” una miserevole e tardiva stabilizzazione di precari della scuola: 8.000 docenti a livello nazionale, contro i 25.000 dello scorso anno e i 50.000 di quello precedente, e 8.000 ATA, la qual cosa per Bologna significa ad esempio n. 6 (!) assunzioni a tempo indeterminato nella scuola superiore e complessive 107 figure di non docenti a fronte di grandi scuole senza neppure un dipendente stabile nelle segreterie o tra i collaboratori scolastici.

Ora siamo ai tagli dell’ organico di fatto, ovvero a quell’operazione che deve garantire le risorse umane realmente necessarie – al di là del blocco o addirittura del taglio del personale stabile com’è successo quest’anno – alle esigenze delle classi che devono aprire a settembre.

I ragazzi aumentano, la domanda di scuola dell’infanzia e di tempo pieno restano inevase, insegnamenti previsti per legge non sono ancora garantiti così come il rispetto delle norme di sicurezza, ma per la prima volta nella storia della scuola bolognese le risorse calano rispetto all’ organico di diritto. Si era già denunciato un saldo negativo di 9 posti (che pagherà la scuola superiore), ma in realtà è l’intera scuola bolognese ad essere tagliata.

Nella primaria soprattutto, per recuperare 24 posti di lingua inglese (contro una necessità stimata in 64 unità che lo Stato è obbligato a dare) li si tolgono alle scuole cosiddette “ricche” a tempo pieno, per le quali la garanzia di legge, a salvaguardia di un preciso modello didattico, di 2 insegnanti per classe evidentemente non vale più. Queste scuole “ricche” sono ad esempio l’IC 11 al Pilastro che aveva già visto una decurtazione di 2 insegnanti, il l’XI Circolo Didattico a Borgo Panigale con più del 20% di ragazzi stranieri, o l’IC di Crespellano che con quasi le stesse risorse dello scorso anno deve aprire due classi prime in più a tempo pieno.


Non è “il lusso” delle ore di compresenza ad essere tagliato in una situazione di crisi, ma è l’intera organizzazione didattica di queste scuole ad essere sfasciata, in una logica puramente contabile che considera opzionali la continuità e la progettualità della relazione educativa, ovvero il senso stesso della scuola. Per quanto invece riguarda il personale ATA, nessuna deroga ai “bitagli” (in base ai parametri previsti dal nuovo Regolamento ed a quello ulteriore di 89 unità): l’operazione fatta con i docenti di togliere ai ricchi per dare ai poveri non poteva funzionare perché le scuole erano già tutte troppo povere. Con la seconda dose di tagli dell’anno prossimo i dirigenti scolastici consegneranno le chiavi delle scuole ai Sindaci e non ci pensiamo più. La nostra regione, evidentemente, non è la Lombardia che è stata in questi giorni beneficiata con un minore taglio di 1.040 unità da destinarsi al tempo pieno, all’infanzia, all’alfabetizzazione degli stranieri, all’inglese nella scuola primaria che ci risulta non se la passino benissimo anche in casa nostra. Non solo lo smantellamento storico della buona scuola pubblica, ma anche le clientele elettorali: una vergogna completa. Com’è noto, è già stato indetto dai sindacati regionali CGIL CISL UIL e SNALS lo stato di agitazione di tutto il mondo della scuola e siamo certi che le famiglie che con tanta convinzione si sono spese lo scorso anno, così come le Istituzioni locali, non staranno semplicemente a guardare. Un avvio molto caldo dell’anno scolastico è assicurato. Bologna, 11 agosto 2009

Organici ATA, anche le RSU si mobilitano contro i tagli

 

Via: www.flcgil.it

Organici ATA, anche le RSU si mobilitano contro i tagli

La denuncia che pubblichiamo di seguito dei pesanti tagli agli organici del personale ATA e delle conseguenze sul servizio scolastico arriva direttamente dai componenti la RSU di una scuola superiore di Piacenza.

Nella lettera viene evidenziato che a fronte di un aumento delle attività da svolgere, si è assistito negli anni ad una progressiva diminuzione dei posti in organico del personale ATA. Se l’amministrazione non revocherà tali provvedimenti, si legge nella lettera, “detti tagli non potranno consentire il supporto alle attività “esterne”, l’apertura dell’Istituto in orario pomeridiano e l’attivazione dei laboratori non censiti”.

Tra le forme di protesta che saranno messe in campo, la RSU indica quella di invitare i colleghi a non rendersi disponibili per lo svolgimento di attività aggiuntive.

Roma, 20 luglio 2009


Testo della lettera

Al Dirigente scolastico
Al Consiglio di Istituto
All’Ufficio Scolastico Provinciale di Piacenza
All’Amministrazione provinciale di Piacenza
Alle OO.SS.
Le R.S.U. .…….. di Piacenza, ricevuta l’informazione relativa alla determinazione dell’organico di fatto relativo al personale A.T.A. per l’a.s. 2009/10, valuta in modo estremamente negativo i tagli operati a carico di detto personale che prevedono la riduzione di 2 unità per gli assistenti tecnici, di 2 unità per i collaboratori scolastici e di 1 unità per gli assistenti amministrativi.

Nonostante che il complesso delle attività svolte da detto personale sia negli ultimi anni progressivamente aumentato sia in termini quantitativi che di competenze e responsabilità, risulta che dall’a.s. 2003-04 all’a.s. 2009-10 si è registrata una diminuzione da 28 a 19 posti di assistente tecnico, da 32 a 23 posti di collaboratore scolastico e da 17 a 13 posti di assistente amministrativo.

In questi anni l’Istituto ha continuato a garantire, oltre all’attività ordinaria, anche tutta una serie di impegni extrascolastici a sostegno di iniziative e progetti esterni da parte di Istituzioni ed Enti pubblici e privati, favorendo altresì l’accesso dell’utenza per almeno tre pomeriggi settimanali, attivando numerosi laboratori “non censiti” a disposizione degli allievi, nonché attivando i corsi di istruzione serale.
Tutto ciò senza che fosse attribuito organico aggiuntivo.

Si chiede pertanto all’Amministrazione scolastica l’annullamento dei tagli operati nel nostro Istituto e si ritiene che in caso contrario detti tagli non potranno consentire il supporto alle attività “esterne”, l’apertura dell’Istituto in orario pomeridiano e l’attivazione dei laboratori non censiti.

Inoltre, particolare attenzione dovrà essere prestata alle condizioni di sicurezza nelle quali verranno svolte le varie attività di competenza del personale A.T.A..

Infine, tale personale verrà sollecitato a non rendersi disponibile allo svolgimento di attività straordinaria.

Piacenza, 16/07/2009
Le R.S.U.

 

Se ti è piaciuto questo articolo potresti essere interessato ai nostri blog dedicati ai Giovani e all’Università.


Organico di fatto 2009-2010: il Miur emana la circolare. La scuola è in ginocchio!

 

Via: www.flcgil.it

 

Il Miur ha emanato la circolare n. 63 del 6 luglio 2009 con cui vengono fornite indicazioni per la definizione dell’organico di fatto per il prossimo anno scolastico. Come era già chiaro nell’incontro della scorsa settimana con i sindacati, non cambia la sostanza di queste disposizioni. Come denunciato dalla FLC Cgil, non c’è alcun riscontro positivo rispetto alle dichiarazioni e agli impegni del ministro Gelmini ad attenuare il taglio agli organici, non c’è nessuno sconto rispetto all’ammontare complessivo della riduzione, né sul personale docente (-42.000 posti) né sul personale Ata (-15.000 posti). Questa ulteriore riduzione, pari a 5.000 unità, da effettuare in organico di fatto rispetto a quella pesantissima già fatta nell’organico di diritto comporterà che saranno attivate meno deroghe dello scorso anno, a prescindere dalle esigenze aggiuntive che porranno le scuole, rispetto alle deroghe di posti in più autorizzate ed attivate nello scorso anno nel passaggio dall’organico di diritto a quello di fatto. In sostanza per il prossimo anno dovranno essere autorizzate 5.000 deroghe in meno. A ciascuna regione è attribuita la quota di posti da contenere rispetto a quelli aggiuntivi autorizzati nell’organico di fatto dello scorso anno.

Saranno le singole Direzioni Scolastiche Regionale a dover individuare le modalità per ottenere tale risultato, mentre il Miur, su questo, si è limita solo a fornire, a mò di esempio, alcune piste di lavoro. Il taglio sul personale Ata è ancor più intollerabile perché mette a rischio, nelle scuole, oltre alla funzionalità degli uffici amministrativi, la chiusura dei laboratori e di numerosi plessi. Molte scuola hanno avuto assegnati meno collaboratori scolastici rispetto al numero di plessi che dovranno funzionare. E’ inaccettabile che il MIUR, pur conoscendo bene il problema, si limiti a scrivere nella circolare che “l’attivazione di ulteriori posti nell’adeguamento dell’organico di diritto alle situazioni di fatto non deve comportare, a livello provinciale, incrementi di posti del medesimo organico. Qualora necessario, le SS.LL., sulla base delle indicazioni e delle richieste formulate dai dirigenti scolastici, possono autorizzare eventuali incrementi di posti esclusivamente a mezzo di compensazione, a livello provinciale”. Si tratta di una circolare che tenta disperatamente di nascondere la drammatica realtà dei fatti.

Per la FLC Cgil l’adeguamento dell’organico alle situazioni di fatto non può essere limitata solo a casi eccezionali (sicurezza e inidonei), ma va estesa a tutte quelle situazioni dove è necessario almeno un collaboratore scolastico per ogni plesso e per ogni turno.

Nel testo finale della circolare, su pressante richiesta da parte della FLC Cgil, questo passaggio è stato inserito cosi come il rispetto dovuto agli obblighi del Ccnl. Non si può imporre al personale, come già accade oggi, orario straordinario e turni di lavoro massacranti.

Nei confronti delle decisioni che ora dovranno assumere i Direttori Regionali occorre rivendicare almeno un collaboratore scolastico per ogni plesso e per ogni turno per tutte quelle situazioni dove è necessario.

Sintesi dei punti principali trattati nella circolare
Per effetto della L. n. 14 del 24/2/2009, tutte le operazioni per l’anno prossimo vanno concluse entro il 31 agosto (e non più 31 luglio).
I parametri relativi al numero massimo di alunni per la costituzione delle classi per l’anno prossimo sono quelli previsti dal nuovo regolamento sul dimensionamento della rete scolastica, norma che ha sostituito i precedenti del DM 331/98 e 141/99. Ovviamente rispetto al numero di alunni per classe è obbligatorio il rispetto delle norme sulla sicurezza e sulle dimensioni delle aule.
La ripartizione dell’ulteriore riduzione di 5.000 posti, non rispetto all’organico di diritto ma rispetto alle deroghe autorizzate nello scorso anno regione per regione, è contenuta nella tabella G (colonna C) allegata alla circolare.
Le richieste di adeguamento dell’organico da parte delle singole scuole, cosi come la comunicazione dei posti e/o spezzoni disponibili, va comunicata ai singoli USP entro la data definita da ciascuna Direzione Regionale e comunque non oltre il 20 luglio 2009.


Lo sdoppiamento delle classi o l’attivazione di nuove classi deve essere autorizzata, per effetto delle disposizioni contenute nella finanziaria 2007, dal Direttore Regionale (o Usp se delegato).
Dopo il 31 agosto non sono più consentiti sdoppiamenti di classi, fatta eccezione per la scuola secondaria di secondo grado qualora la scuola abbia programmato la verifica sul recupero dei debiti scolastici ai primi giorni di settembre. Tale eventuale variazione va comunicata entro il 10 settembre.
Va mantenuta in organico di fatto la stessa composizione delle cattedre definita in organico di diritto. Solo in caso di aumento di ore nella scuola in cui si è titolari, si ha diritto a lasciare le ore esterne per completare nella stessa scuola. Questo vale anche per i docenti di religione cattolica.
Scuola dell’infanzia: è la prima volta che non si attribuirà nemmeno un posto in più e nemmeno in presenza di liste d’attesa.
Scuola primaria.

Le ore necessarie per il servizio mensa, oltre le 30 ore, dovranno essere ricavate dalle eventuali e residue ore di compresenza dovute al docente aggiunto per la religione cattolica, oppure le l’insegnamento dell’inglese, oppure utilizzando le 4 ore di compresenza nella classi a tempo pieno. Dunque non si garantisce il tempo mensa in tutte le scuole perché non è detto che ci siano le ore necessarie.
Le ore in più in organico di fatto per l’insegnamento della lingua inglese potranno essere date solo se sono stati completamente utilizzati i docenti in possesso del titolo e già in servizio nella scuola. Su questo deve però essere anche ben chiaro che a nessun docente, titolare di posto comune, può essere imposto di operare di fatto come specialista. Quindi l’insegnamento della lingua inglese è dovuto esclusivamente nelle classi in cui si opera anche come docente comune.
Nella circolare, su richiesta dei sindacati, è stato scritto chiaramente che, date a ciascuna scuola le risorse di organico, poi è la scuola che decide, in piena autonomia, come utilizzarle. Quindi nessun presunto maestro unico, né prevalente, può essere obbligatorio né imposto.

 
Scuola secondaria di primo grado.

Su richiesta della FLC Cgil viene chiarito una volta per tutte (a differenza della circolare n. 38 del 2 aprile 2009 carente su questo) che sono possibili anche cattedre inferiori a 18 ore (es. 15 per lettere, 16 o 17 per le altre classi di concorso) quando non si può abbinare tutte le ore a 18. Ad esempio in tutte quelle scuole che hanno classi a tempo prolungato per le quali, nelle terze, si è mantenuto ancora per un anno il precedente quadro orario. Una conferma, se ce ne fosse bisogno, dell’illegittimità di tutte quelle cattedre che in organico di diritto sono state costituite oltre le 18 ore settimanali, per “risparmiare”, anche nei casi non previsti dagli ordinamenti.
Per il tempo prolungato si precisa che l’eventuale disattivazione di tale modello, per mancanza delle condizioni necessarie per effettuare almeno 2 rientri pomeridiani, deve assicurare comunque la prosecuzione delle scelte operate negli anni passati dalla famiglie e pertanto opererà sole nelle nuove prime classi.

 
Scuola secondaria di secondo grado. Rispetto alla costituzione delle cattedre a 18 ore vale quanto detto sopra per la scuola media e dunque rimane la possibilità di costituzione di cattedre inferiori a 18 ore come previsto dalla precedente normativa, quando non è possibile abbinare a 18 ore esatte.
Posti di sostegno. Viene confermata, tra dotazione di diritto e quota aggiuntiva nel fatto, la stessa dotazione complessiva dello sorso anno.
Istruzione degli adulti. Si ribadisce il rinvio all’anno prossimo dell’attivazione dei nuovi CPIA. Pertanto sono confermati gli attuali CTP e serali.
Progetti. Possono essere assegnati posti per progetti, se richiesti dalle scuole, nel limite di quelli attivati nello scorso anno.
Personale educativo. Si rinvia ad una successiva comunicazione.
Personale Ata. E’ data la possibilità di consentire deroghe “motivate”, non solo previa compensazione da scuola a scuola, ma anche in deroga alla dotazione complessiva già assegnata in organico di diritto, nei casi in cui non sia assicurata la funzionalità del servizio nelle singole scuole (cioè se, ad esempio, ci sono meno collaboratori rispetto alle sedi oppure nel caso siano necessari doppi turni), oppure per garantire la sicurezza degli allievi e del personale della scuola (ad esempio per il personale tecnico nei laboratori), nonché per fare fronte a situazioni di difficoltà nel servizio per la presenza di più unità di personale inidoneo alle mansioni per motivi di salute.
Roma, 7 luglio 2009