Archivi tag: caro scuola

Avvio regolare dell’anno scolastico? Solo nel paese dei sogni

Nella conferenza stampa presieduta questa mattina dal Ministro Mariastella Gelmini abbiamo assistito alla solita sequela di slogan e false promesse a cui da anni siamo stati abituati.
Parole che fanno realmente arrabbiare sono quelle con cui la Gelmini dichiari che ci siano le condizioni per cui l’anno comunci regolarmente.

L’avvio regolare dell’anno scolastico avviene solo nel paese dei sogni – tuona il coordinatore nazionale dell’UdS Mariano di Palma – stiamo assistendo a come in questi giorni il caro libri e il caro scuola stiano portando gli studenti e le loro famiglie con l’acqua alla gola. Questo sarebbe un avvio regolare?
Siamo scandalizzati – continua Di Palma – dal fatto che il Ministero rivendichi il fatto che le classi pollaio, con più di 30 alunni, siano allo 0,6% mentre appena un anno fa erano allo 0,4%. è possibile rivendicare positivamente un dato del genere facendo finta che gli stessi dati del ministero non esistano?

Argomento totalmente evasa nella conferenza stampa del Ministero è stata la drammatica condizione dell’edilizia scolastica, che vede i fondi stanziati in diminuzione da anni e che ora si sono assestati solo per il fatto che non è possibile diminuirli ancora, anche se da questo governo possiamo aspettarci qualunque cosa.
Attestiamo infine che le dichiarazioni di pochi giorni fa sul comodato d’uso per i libri di testo sono cadute nel dimenticatoio e che la nostra richiesta di convocazione da parte del Ministero per discutere di una legge quadro nazionale sul dirittto allo studio, questione che poniamo da anni, è stata totalmente ignorata.

Confermiamo quindi la mobilitazione nazionale che abbiamo indetto per venerdì 7 ottobre intitolata “Ora i conti li fate con noi!”, durante la quale circa cento cortei riempiranno le piazze e bloccheranno le strade di tutto il paese. Non accettiamo – continua di Palma – che gli unici conti che la Gelmini prenda in considerazione per la scuola siano quelli di Tremonti, da ora i conti li faranno con noi studenti!

UNIONE DEGLI STUDENTI