Archivi tag: assunzioni a tempo indeterminato

Assunzioni, finalmente!

 

Comunicato stampa via: www.cislscuola.it

 

Assunzioni, finalmente!

L’annuncio dell’avvenuta autorizzazione alle assunzioni in ruolo, di docenti, ATA e dirigenti scolastici, pone fine ad una attesa protrattasi troppo a lungo a causa delle incomprensibili resistenze del MEF.
Pur se in quantità inferiore alle attese e ancor più al fabbisogno, registriamo positivamente un risultato che attenua in parte i disagi di una situazione molto pesante per la scuola e soprattutto per il personale precario.
E’ un risultato che non viene per caso, ma è dovuto alla forte pressione sindacale esercitata in questi mesi. E’ positivo che il MIUR abbia fatto valere alla fine le ragioni della scuola rispetto a logiche puramente ragionieristiche.

Ora attendiamo altre risposte, sull’insostenibile situazione degli organici e sulle misure straordinarie a tutela del personale precario: risposte che ci attendiamo ci siano date nell’incontro col Ministro Gelmini convocato per il prossimo 4 agosto.

Francesco Scrima

 


 

AUTORIZZATA L’ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI 8000 DOCENTI E 8000 ATA

Il Ministero ha reso ufficiali poco fa le indiscrezioni che già da alcuni giorni anticipavano l’autorizzazione per le assunzioni a tempo indeterminato di 8.000 docenti e di 8.000 ATA.
La notizia risulta tra i comunicati pubblicati sul sito del MIUR

 

SE ti è piaciuto questo articolo potresti essere interessato ai nostri blog dedicati all’ Università e ai Giovani.


CISL Scuola, Flc CGIL, UIL Scuola e Snals scrivono al Ministro al fine di essere urgentemente convocati

 

Via: www.cislscuola.it

CISL Scuola, Flc CGIL, UIL Scuola e Snals scrivono al Ministro al fine di essere urgentemente convocati

I sindacati scuola richiedono un ulteriore esame, approfondimento e verifica delle questioni che già hanno costituito oggetto del precedente incontro con il Ministro del 10 giugno scorso (organici del personale docente ed ATA; assunzioni a tempo indeterminato; misure straordinarie per il personale precario).

L’urgenza è motivata dal diffuso disagio segnalato dalle strutture territoriali sindacali in ordine alle pesanti ricadute che le riduzioni di organico comporteranno sulla programmazione delle attività e sulla funzionalità delle scuole; a ciò si aggiunge la preoccupazione per ulteriori ritardi nella definizione degli adempimenti relativi alle assunzioni, con a rischio il regolare avvio dell’anno scolastico.

Altrettanto urgente, infine, è verificare lo stato di attuazione di quanto annunciato nell’incontro del 10 giugno circa le misure straordinarie per il personale precario per le quali devono essere attentamente considerati, oltre agli aspetti di tipo legislativo, anche quelli legati alle procedure applicative, da definirsi in tempi compatibili con le operazioni di avvio d’anno.

 

Se ti è piaciuto questo articolo potresti essere interessato ai nostri blog dedicati all’innovazione e alla tecnologia.


Organici e precariato: lettera unitaria al Ministro Gelmini

 

Organici e precariato: lettera unitaria al Ministro Gelmini

Pubblichiamo la richiesta unitaria con la quale sollecitiamo l’incontro sugli organici di fatto del personale docente e Ata, le misure straordinarie sul personale precario e le immissioni in ruolo.

Alla luce della drammaticità dei tagli, che metteranno in ginocchio le nostre scuole, chiediamo ancora una volta un’assunzione di responsabilità politica rispetto agli effetti che, le disposizioni della legge 133/2008 e le relative norme applicative, stanno provocando per quanto riguarda la qualità dell’offerta formativa, la funzionalità delle istituzioni scolastiche e le condizioni di lavoro del personale docente e Ata.

Inoltre, sul versante del precariato, riteniamo inaccettabile che ad oggi non vi siano atti conseguenti rispetto agli impegni assunti sia sulle immissioni in ruolo che sull’apertura del tavolo tecnico sulle misure straordinarie per tutelare il diritto al lavoro e il sostegno al reddito del personale precario, docente e Ata, della scuola, che rimarrà senza contratto al 1° settembre 2009.

Roma, 17 luglio 2009

 

 

 

Roma, 17 luglio 2009
On. Maria Stella Gelmini
Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca
Viale Trastevere
Roma
Oggetto: richiesta incontro urgente

Le scriventi OO.SS. chiedono di essere urgentemente convocate al fine di un ulteriore esame, approfondimento e verifica delle questioni che già hanno costituito oggetto del precedente incontro del 10 giugno scorso, e precisamente:

Organici del personale docente e ata
Assunzioni a tempo indeterminato
Misure straordinarie per il personale precario
L’urgenza è motivata dal diffuso disagio che le nostre strutture territoriali ci segnalano in ordine alle pesanti ricadute che le riduzioni di organico potranno comportare sulla programmazione delle attività e sulla funzionalità delle scuole; a ciò si aggiunge la preoccupazione per ulteriori ritardi nella definizione degli adempimenti relativi alle assunzioni, che potrebbero compromettere il regolare avvio dell’anno scolastico.
Urgente è infine verificare lo stato di attuazione di quanto annunciato nell’incontro del 10 giugno circa le misure straordinarie per il personale precario, per le quali vanno attentamente considerati, oltre agli aspetti di tipo legislativo, anche quelli legati alle procedure applicative, da definirsi in tempi compatibili con le operazioni di avvio d’anno.

In attesa di riscontro, si porgono distinti saluti

FLC CGIL – Domenico Pantaleo
CISL SCUOLA – Francesco Scrima
UIL SCUOLA – Massimo Di Menna
SNALS CONFSAL – Marco Paolo Nigi


Dare prospettive e tutele ai precari della scuola

 

Via: www.cislscuola.it

Dare prospettive e tutele ai precari della scuola

I provvedimenti sulla scuola assunti nell’ultimo anno si riflettono in modo particolarmente pesante sulle condizioni del personale precario, che vede ridotte in modo drammatico le opportunità e le speranze di lavoro.

 

Per questa ragione la CISL Scuola, che ha ripetutamente manifestato il proprio dissenso per una insensata politica di tagli agli organici e in generale alle risorse destinate alla scuola, ha dato priorità nelle sue iniziative vertenziali alla rivendicazione di adeguate tutele per il personale precario, al quale vanno assicurate:

opportunità di lavoro, a partire dalla tempestiva emanazione dei provvedimenti che autorizzano assunzioni a tempo indeterminato;
adeguate tutele, anche attraverso strumenti straordinari da individuare nel contesto delle misure anticrisi – che non possono escludere la realtà della scuola – per tutti coloro che non ritrovino, il prossimo settembre, un contratto di lavoro di durata annuale o fino al termine delle lezioni;
regole certe e trasparenti, nell’immediato e in prospettiva, per quanto riguarda il reclutamento, che deve essere regolato nel quadro delle garanzie costituzionali previste per l’ accesso al lavoro pubblico.
E’ chiaro che il destino dei lavoratori precari si lega in modo diretto alla qualità delle politiche scolastiche, che devono assicurare forte sostegno alla scuola pubblica, di cui vanno supportate con adeguati investimenti la presenza e la qualità, come fattore di promozione e crescita sociale, ma anche di progresso e sviluppo dell’intero sistema Paese.

In questo quadro la CISL Scuola, che associa e organizza anche migliaia di lavoratori precari, condividendo molte delle motivazioni alla base dell’iniziativa esprime, nel pieno riconoscimento delle rispettive sfere di autonomia, il proprio sostegno alla manifestazione del personale precario indetta a Roma per il 15 luglio p.v..