Archivi tag: alunni per classe

Scuola primaria tra muffa e oscurantismo

A due anni dall’introduzione della riforma Gelmini, come procede l’opera di screditamento della scuola pubblica? Bene! Grazie alle migliorie apportate, la scuola ha raggiunto il massimo punto di involuzione dalla legge Casati in poi. L’aspetto più esecrabile delle scelte adottate risiede nel considerare legittimo che l’organizzazione scolastica non sussegua ad una visione scientifica della didattica , ma possa subire l’adeguamento coatto ad un regime di ristrettezze economiche sopraggiunto, e che anzi le possa essere addebitata, con interpretazione arbitraria di dati, la responsabilità di sprechi e di una gestione irrazionale delle risorse umane. Lasciando intatto l’impianto degli obiettivi da perseguire, appartenenti alla precedente formulazione teorica, il ministro ha potuto affermare che, tagliando i fondi, si può allo stesso modo -e meglio – perseguire la compiuta realizzazione delle personalità dei discenti.
Nei fatti , agli appelli sull’importanza della scuola rivolti ai governi, in documenti come il libro bianco Cresson, gli art. 149 e 150 di Maastricht, la Costituzione Europea, le Raccomandazioni del 2006 e la Strategia di Lisbona, la scuola italiana risponde tagliando i viveri e facendo mostra di adeguamento formale a certi parametri , innalzando per esempio il valore del rapporto insegnanti / alunni, senza migliorare la qualità della vita scolastica; che anzi peggiora proprio in seguito all’aumento degli alunni per classe.
Nel contempo si conferma la velleità che l’istituzione raggiunga gli standard europei, senza i quali i nostri titoli di studio non avranno validità nei paesi dell’Unione.
Il risultato finale dell’opera è così tendente al pessimo che anche le recenti note e leggi sui disturbi specifici e sull’ADHD, nella cornice di un quadro simile, rischiano di rimanere lettera morta. Si introducono precisi luoghi prescrittivi nel momento in cui , crescendo il numero degli alunni , aumentano le possibilità di trovare più casi di bambini con quelle difficoltà nella stessa classe , che vanno a sommarsi alla percentuale sempre più alta di stranieri. E’ una situazione contraddittoria, che vanifica la serietà di leggi che presumono che l’insegnante debba intervenire in maniera individualizzata, in una classe dai 25 ai 28 alunni.
E’ oltremodo incredibile che non ci si avveda che i rilevamenti delle prove INVALSI, o i sondaggi forniti da istituti di ricerca, in mancanza di una seria politica sulla scuola , non monitorano il grado di efficacia dell’istituzione scolastica, ma fotografano il mero dato socio-economico che discrimina il nord e il sud, la periferia e il centro, e il ceto sociale, che a quelle performance è collegato; e a maggior ragione si attendono negativi se le possibilità di intervento a favore di un miglioramento delle prestazioni calano drasticamente, a seguito dell’aumento del numero degli alunni per classe.
Alla base delle determinazioni adottate c’è più di una considerazione assunta acriticamente.
La prima riguarda l’ incriminato rapporto 1:10 ( un insegnante ogni dieci alunni ) che la legge alza di un punto; esso è un’ astrazione ottenuta sulla base di una media aritmetica che comprende gli insegnanti di sostegno, di inglese e gli insegnanti di religione. Il suo ritocco verso l’alto ha prodotto l’aumento del numero di alunni per classe fino a 28 , senza che questa decisione abbia potuto trovare un argine da parte degli addetti ai lavori, e nonostante il parere negativo di organizzazioni di genitori. Se questo rapporto fosse reale come propagandato, quale ragione impedirebbe a una riforma di portare le classi di scuola primaria al numero di undici alunni con un insegnante? Quando poi i sindacati trasformano la questione dei 28 alunni per classe in un problema di sicurezza- al quale lo stato facilmente ha potuto rimediare stanziando soldi per l’edilizia e per allargare le porte- il discorso sulla scuola può esaurirsi nella questione dei metri quadrati per alunno e della messa in sicurezza degli edifici .
Il secondo assunto è che in Italia non esista più lo svantaggio culturale, e che, sopravvenendo da una situazione ambientale più stimolante rispetto al passato, l’alunno sia in grado di sistemare organicamente il suo sapere già nella scuola primaria senza l’intervento dell’insegnante.
In verità l’educazione scolastica non gode più di grande considerazione da parte dell’opinione pubblica e di riflesso non ne gode da parte di chi sulla base di quegli umori costruisce i suoi consensi elettorali.
Riuscire a far passare per riforma pedagogica quella che è tecnicamente una controriforma, con tutte le caratteristiche tipiche di azzeramento, ripristino delle condizioni passate e di insensibilità alle esperienze, bollate come scelte sbagliate di precedenti governi, è indice dell’approccio superficiale e della disattenzione generale al tema.
Ora bisognerebbe dire che il ritorno del maestro unico, contestualmente all’ innalzarsi del rapporto numerico, non diminuisce l’efficacia educativa in senso assoluto, ma riduce drasticamente le probabilità di intervento, ne annienta la sistematicità , rendendo inefficace qualsiasi azione a favore di chi manifesta difficoltà. “Ma i maestri di prima come facevano?” : questa è la domanda che si pone il nuovo pedagogo quando paragona in modo scorretto la vecchia scuola – dove lo svantaggiato passava dai banchi al bracciantato agricolo- alla nuova- dove egli deve pervenire, per dettato costituzionale, ad una soddisfacente alfabetizzazione culturale dai livelli sempre più alti, e le cui prestazioni vengono rilevate e sbattute in prima pagina a riprova dei bassi livelli della scuola italiana.
Tuttavia, volendo andare a ritroso, oltre la congiuntura negativa che ha indotto a relegare in secondo ordine la spesa scolastica rispetto ad altra spesa pubblica, notiamo che un problema di rappresentatività delle istanze della scuola in seno alle istituzioni c’è da anni.
A che cosa sia dovuto è presto detto: la scuola è un sistema gerarchico, attraverso il quale le pretese ministeriali, divenute legge, anche senza dibattiti democratici e grazie a maggioranze ottenute con leggi elettorali di seconda scelta , ridiscendono in scioltezza la china dei sottoposti privi di facoltà di veto. E siccome oltre al danno c’è la beffa, questa stessa scuola è denominata “dell’autonomia”, volenteroso prodotto della legge Bassanini , che declama che le scuole pervengono all’ “autonomia organizzativa didattica e di ricerca e di sviluppo”. Invece esse sono rimaste allocate all’interno di un sistema verticistico, dove le decisioni nel dettaglio delle problematiche amministrative sono imposte dal ministero, e da esse non può che scaturire l’impossibilità di decidere autonomamente. Chi deve stimolare l’applicazione di una qualche teoria scientifica che motivi l’assetto organizzativo della scuola così che essa possa mettere in pratica gli obiettivi europei ? Chi la deve adeguare al territorio ? Attualmente vengono calate dall’alto direttive; ma chi è capace di rappresentare dal basso le esigenze della scuola italiana? Gli uffici scolastici regionali sono presìdi di burocrati; i dirigenti scolastici relegati al ruolo di esecutori di disposizioni; il sindacati per anni appiattiti sulle questioni occupazionali; istituti di ricerca dove non si sa che cosa si ricerchi. E gli insegnanti? La perdita di prestigio sociale della categoria è andata di pari passo con la perdita di potere decisionale. Il loro parere non vincolante soccombe davanti alla larga discrezionalità di dirigenti e dei burocrati. In questo senso l’impreparazione dei docenti, spesso attribuita alla volontà o alla qualità dei singoli ma che è invece logica conseguenza di un sistema che non ha saputo adeguarsi alle esigenze culturali della società moderna, diventa un problema secondario, e forse, a questo punto, un dato da salvaguardare.
La perdita di potere decisionale è una perdita di potere politico, e di consapevolezza di categoria. A gettarvi ulteriore discredito sta per arrivare la normativa sul merito, che con un colpo di mano il ministro Gelmini ha introdotto nel “Milleproroghe”, approvato ricorrendo alla fiducia. Ancora una volta una visione unilaterale si impone, sposta l’attenzione dai veri problemi che sono quelli strutturali e addossa la responsabilità di disfunzioni e problemi alla categoria dei lavoratori, per punirla e demotivarla. La scuola avrebbe bisogno di ben altro: prima di tutto di una riforma degli organismi democratici, che comporterebbe l’affermazione di una vera autonomia. Quando gli operatori non possono decidere della struttura organizzativa nei suoi aspetti significativi essi non prendono mai consapevolezza dell’importanza del proprio ruolo e delle conseguenze dei propri gesti. Una scuola in cui le decisioni sulla qualità degli interventi a favore dell’integrazione, delle opportunità, dell’apprendimento vengono prese da entità che operano al di fuori del contesto scolastico e senza nessuna relazione con esso, non è autonoma . Purtroppo per giungere a queste consapevolezze ci vorrebbero soggetti politici culturalmente più dotati. Soprattutto occorrerebbe che l’opinione pubblica e l’elettorato si ravvedano rispetto alle funzioni della scuola nel nostro paese.

Maddalena Rotundo

Scuola e classi affollate

Di Menna (UIL Scuola) : classi troppo affollate,
è una condizione da superare per il prossimo anno scolastico
Avviato oggi il confronto sugli organici.
La Uil ribadisce: numero di alunni per classe secondo legge
Gli effetti sugli organici
Il numero degli alunni per classe è conseguenza del modo in cui vengono definiti gli organici. – spiega Massimo Di Menna, segretario generale della Uil scuola.
In questi anni abbiamo assistito alla ‘logica delle medie’ per cui ci sono contemporaneamente classi con pochi alunni, per esempio nei paesi di montagna, e classi che superano i limiti fissati dalla legge. Il modo in cui il Miur determina l’organico, tutto burocratico, con la calcolatrice alla mano, ha come presupposto un ‘tetto’ predefinito assegnato a ogni regione.
Abbiamo sempre proposto di procedere al contrario – continua Di Menna – fare una fotografia precisa dell’esistente, individuare le situazioni di criticità, quelle dove è necessario intervenire e solo a quel punto passare alla definizione dell’organico.

Gli effetti sulla qualità della didattica
Le norme sulla costituzione delle classi sono regolate da un decreto del 2009 (n. 81) che prevede un ‘tetto massimo’ di alunni per classe:

Scuola dell’infanzia: Fino a 26 alunni elevabili in casi eccezionali a 29
Scuola primariaFino a 26 alunni elevabili in casi eccezionali a 27
Scuola secondaria di primo grado Fino a 27 alunni elevabili in casi eccezionali a 30
Scuola secondaria di secondo grado: Fino a 27 alunni elevabili in casi eccezionali a 30
Classi con alunni disabili:  Fino a 20 alunni

La presenza di un numero di alunni superiore a quello fissato dalla legge è – ribadisce il segretario della Uil Scuola – non soltanto un problema ‘giuridico’ ma anche una condizione da superare assolutamente perché incide direttamente sulla qualità della didattica e sui risultati.
La sentenza del Tar di oggi, ribadisce proprio questo: le classi che superano il numero massimo di alunni sono fuori legge.

La questione edilizia
La situazione degli edifici e delle aule in Italia è molto differenziata – spiega ancora Di Menna.
Ci sono aule dove, proprio per problemi di spazio, di metri quadrati disponibili, per legge non ci può essere ‘affollamento’ di alunni.
Abbiamo più volte segnalato al Miur situazioni limite, presentato il risultato di monitoraggi effettuati nelle diverse province italiane, il nodo resta: l’anagrafe dell’edilizia scolastica,istituita da una legge del 23 gennaio 1996, finanziata ogni anno con 200 milioni di vecchie lire, rifinanziata in euro, ancora non è stata completata.
In base a quanto disposto dalla sentenza del Tar, entro 120 giorni il ministero dell’Istruzione e il ministero dell’Economia dovranno emanare il Piano generale di edilizia scolastica.
Sarebbe opportuno – conclude Di Menna – che in sede di definizione dell’organico (oggi si è svolta la prima riunione tra ministero e sindacati sugli organici del prossimo anno) questo fosse definito nel rigoroso rispetto del numero di alunni per classe.
Neanche una classe, per nessuna ragione, fuori dai limiti imposti dalla legge.
E ancora, attraverso l’anagrafe dell’edilizia scolastica la garanzia di spazi adeguati.

Incontro Miur – Sindacati scuola

 

 

In questo blog trovera, fra gli altri argomenti, notizie su graduatorie scuola

 

Via: www.uil.it

 

In questo blog troverai notizie, frai vari argomenti, su graduatorie scuola.

Incontro Miur – Sindacati scuola

Funzionamento delle scuole, alunni per classe, apertura delle sezioni distaccate, interventi a sostegno dei precari, direttiva alle scuole del primo ciclo sugli aspetti didattici

I temi della scuola al centro dell’incontro di oggi al ministero dell’istruzione

Di Menna: non servono soluzioni generiche,
ma risposte concrete per garantire la qualità della scuola e le persone

Funzionamento delle scuole
La verifica della situazione concreta nelle scuole, il punto sul personale precario, la pubblicazione della direttiva di avvio anno scolastico per il primo ciclo: sono stati questi i temi al centro dell’incontro, fissato all’inizio del mese, che si è svolto oggi pomeriggio al Miur tra i dirigenti del dicastero di Viale Trastevere e i sindacati scuola.
Abbiamo chiesto al ministero di effettuare un monitoraggio e una verifica del funzionamento delle scuole, a seguito della riduzione di organico in atto – ha detto Massimo Di Menna al termine della riunione. Abbiamo segnalato situazioni concrete di classi sovraffollate sulle quali abbiamo sollecitato l’intervento urgente del Miur.
Il Miur ha assicurato di verificare le situazioni segnalate e, nel caso di intervenire.


Ci sono due elementi di particolare preoccupazione: il numero di alunni per classe e la presenza adeguata di collaboratori scolastici per dare garanzia di apertura delle succursali e delle sezioni staccate delle scuole.
La contrazione di organico – ha continuato Di Menna – effettuata sulla base di parametri tutti matematici e burocratici può creare difficoltà e disfunzioni nell’organizzazione delle scuole.

Precariato
Ora, mentre si stanno facendo le nomine – ha messo in evidenza il segretario generale della Uil Scuola – ci sono molte persone che hanno avuto questo anno l’incarico annuale che rischiano di rimanere senza lavoro. La Uil sta sostenendo la protesta e le legittime preoccupazioni di queste persone. Va assolutamente trovata una soluzione per questi lavoratori.
Abbiamo dato atto all’amministrazione e al ministero che sta continuando ad operare nella direzione di intesa con le Regioni (il ministero ce ne ha segnalate oggi, Abruzzo, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia), nella intesa con l’Inps per l’anticipazione dell’indennità di disoccupazione e di un provvedimento legislativo nazionale per la nomina delle supplenze e per il riconoscimento del servizio.
L’insieme di questi interventi deve essere chiaramente definito con urgenza in modo da dare certezza alle persone di una indennità di lavoro.
E’ previsto un ulteriore incontro tecnico giovedì prossimo.

Direttiva alle scuole del primo ciclo sugli aspetti didattici
Mancano pochi giorni all’avvio del prossimo anno scolastico – ha continuato Di Menna – abbiamo sollecitato l’emanazione della direttiva sugli aspetti organizzativi e didattici per consentire alle scuole di operare in quadro di riferimento chiaro.
Il ministero ha assunto impegno a inviare la direttiva relativa alle scuole del primo ciclo il prossimo 3 settembre, subito dopo aver recepito il parere del Cnpi previsto per il 2 settembre.

Nel corso dell’incontro il Miur ha dato comunicazione che per le zone terremotate dell’Abruzzo è stato emanato il decreto che consente l’utilizzo di 19 milioni di euro per il funzionamento delle scuole e il sostegno delle attività didattiche. L’inizio delle lezioni è previsto per il 21 settembre.


Tagli agli organici: dilaga la protesta nei territori

 

Tagli agli organici: dilaga la protesta nei territori

Proclamo lo stato di agitazione in Emilia Romagna ed in Sicilia

Si diffonde la protesta contro i pesanti tagli agli organici nella scuola denunciati dalla FLC Cgil.

Sempre più numerose le prese di posizione e le mozioni da parte degli EE.LL. e in tre intere e grandi regioni, come l’Emilia Romagna, la Sicilia e il Piemonte si è già arrivati a proclamare unitariamente lo stato di agitazione del personale.

Roma, 30 luglio 2009
_________________

FLC CGIL – CISL SCUOLA – UIL SCUOLA – SNALS CONFSAL
EMILIA ROMAGNA
Al Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale
Emilia-Romagna
Oggetto: dichiarazione stato di agitazione comparto scuola dell’Emilia-Romagna

Le Scriventi OO.SS. della Regione Emilia-Romagna,

considerata
la situazione intollerabile che si è venuta a creare con la definizione degli organici docente e Ata per il prossimo anno scolastico, nonostante il considerevole aumento degli alunni,

valutato
lo stato di diffuso disagio segnalatoci dalle istituzioni scolastiche in merito alle forti riduzioni di organico che potranno comportare negative ricadute sulla programmazione delle attività, sulla piena funzionalità delle scuole, sulle misure di sicurezza e di diritto allo studio, ai ritardi nella definizione degli adempimenti di inizio anno,

proclamano
lo stato di agitazione della categoria con l’indizione di ogni forma di mobilitazione, se da parte del MIUR non perverranno risposte urgenti alle richieste sindacali.

Distinti saluti.
Bologna, 22/07/09

Le Segreterie

FLC CGIL Paolo Tomasi
CISL SCUOLA Anna Cicognani
UIL SCUOLA Domenico Cassino
SNALS CONFSAL Gianfranco Samorì

______________

FLC CGIL – CISL SCUOLA – UIL SCUOLA – SNALS CONFSAL
SEGRETERIE REGIONALI
Comunicato stampa
“ ANCORA TAGLI NELLA SCUOLA IN SICILIA“
Si continuano a tagliare posti nella scuola in Sicilia: dopo i drastici tagli operati sull’organico di diritto per il personale docente (MENO 5.020 POSTI) e per il personale ATA (MENO 1.633 POSTI) annunciati dall’USR altri pesanti tagli che ricadono quasi interamente sul sostegno (MENO 693 POSTI) e sui progetti “dispersione scolastica“ (MENO 52 POSTI).

Le OO.SS. regionali della scuola Flc-Cgil, Cisl-Scuola, Uil-Scuola, Snals-Confsal, nel merito,

RITENGONO IRRICEVIBILE la scelta operata dall’Amministrazione che rende inesigibili i ‘diritti di cittadinanza‘ degli alunni diversamente abili, in una regione dove persistono fortissime carenze di interventi socio-sanitari-assistenziali da parte degli EE.LL. (passando dai 12.789 posti del 2007/08 agli 11.909 del 2008/09 agli attuali 11.216 con una perdita secca di 1.573 posti nel triennio a fronte di un incremento del numero di alunni ‘ H che nel prossimo anno scolastico sono 21.000;
VALUTANO INSOSTENIBILE per la scuola pubblica statale siciliana questo ulteriore taglio degli organici che penalizza oltre ai diritti degli alunni, le aspettative e le richieste delle famiglie, l’organizzazione delle attività didattiche, la stessa qualità del servizio pubblico statale di istruzione;
GIUDICANO INTOLLERABILI le politiche di tagli indiscriminati conseguenti a scelte governative solo economiche/finanziarie ed indifferenti rispetto alle necessità di maggiori interventi di istruzione in una regione in forte ritardo di sviluppo;
ESPRIMONO preoccupazione per le INSOPPORTABILI ricadute occupazionali in un contesto di forte tensione per gli oltre 7.000 precari che stanno perdendo il posto di lavoro e per i quali si richiedono interventi di sostegno e tutela.
Le OO.SS, proclamano lo stato di agitazione della categoria, chiedono un urgente incontro con l’Assessore regionale della PI, richiedono la più ampia collaborazione solidale con tutti i soggetti istituzionali e politici e con il mondo dell’associazionismo, promuovono per i prossimi giorni, sit-in presso le Prefetture delle città siciliane e annunciano una iniziativa regionale per il mese di settembre.

Palermo, 29 luglio 2009
_____________________


FLC Cgil CISL Scuola UIL Scuola SNALS GILDA
del Piemonte
Torino, 29 luglio 2009
Alla Presidente della Regione Dott.sa Mercedes Bresso
Al Prefetto di Torino Dott. Paolo Padoin
All’Assessore dell’Istruzione e Formazione Dott.sa Gianna Pentenero
Al Presidente dell’Anci Piemonte Dott.sa Amalia Neirotti
Al Direttore Scolastico Regionale Dott. Francesco De Sanctis
Al Presidente del tavolo regionale “Riprendiamoci la Scuola “
Prof. Domenico Chiesa
Alla Istituzioni Scolastiche
loro sedi
Agli organi di stampa
Gravi preoccupazioni e molta incertezza sul nuovo anno scolastico

Abbiamo preso visione della proposta dell’Ufficio Scolastico Regionale di ripartizione dei posti, al momento disponibili ma chiaramente insufficienti, per le necessità dell’Organico di Fatto delle scuole del Piemonte.

Con tali disponibilità si coprono le numerose richieste di sdoppiamento delle classi, inevitabili alla luce di numeri insostenibili, nonostante le nuove norme che hanno innalzato il numero massimo di alunni per classe, comprese quelle con la presenza di alunni diversamente abili.

Si assegnano inoltre i posti necessari per assicurare l’ insegnamento della lingua straniera nella scuola primaria e si consolidano le sezioni di scuola dell’Infanzia, assegnate lo scorso anno scolastico in organico di fatto ma non confermate in diritto dallo stesso ministero.

Con le poche decine di posti ancora disponibili si assicura solo in alcune realtà la continuità su alcune progettualità da anni presenti nella nostra regione- sui corsi Polis, sui progetti per le scuole con una forte presenza di alunni stranieri– ovviamente trascurando le richieste di incremento venute dalle diverse realtà; sui CTP si ridimensiona l’organico aggiuntivo da anni assicurato in fatto; si risponde inoltre, ma solo in minima parte, alla pressante richiesta di famiglie, EE.LL. e Regione, di istituzione di nuove scuole dell’infanzia a causa delle liste d’attesa presenti in molte province.

Queste risposte, insufficienti e parziali ed in alcuni casi poco più che simboliche, segnano una svolta molto negativa per la scuola piemontese: per la prima volta si riduce ciò che negli anni , faticosamente , si era costruito per dare risposte all’articolata domanda proveniente dalle famiglie e dalla società piemontese.

Rimane del tutto inevasa la richiesta di incremento di tempo scuola per la primaria e la scuola media che proviene, seppur “filtrata” dagli USP, dalle istituzioni scolastiche della regione: ciò comporterà, oltre alla fine di tante piccole ma importanti progettualità mirate al miglioramento dell’offerta formativa ad al sostegno delle fasce di ragazzi più deboli, lo smantellamento di molti orari “lunghi” che le scuole assicuravano in risposta alla forte domanda sociale; in molti casi non potrà essere assicurata la copertura degli orari di mensa degli alunni.

L’innalzamento del numero di alunni per classe ha causato la formazione di un rilevante numero di classi e pluriclassi molto affollate, anche nei casi di presenza di alunni diversamente abili con inevitabili ricadute negative sul piano della didattica. Ad aggravare la situazione si aggiunge la scomparsa di ogni tipo di flessibilità oraria oltre l’orario frontale di insegnamento che inevitabilmente provocherà l’impossibilità di attuare le molteplici azioni di recupero e sostegno che hanno sempre caratterizzato l’azione delle scuole piemontesi.

Forte anche il rischio di messa in crisi dell’organizzazione didattica del Tempo Pieno della scuola primaria.

Rimane senza risposta la richiesta al MIUR, per altro pienamente condivisa dallo stesso Ufficio Scolastico Regionale, di ulteriori 300 posti di sostegno a fronte dell’incremento di ben 900 alunni diversamente abili iscritti alle scuole statali piemontesi: la mancata risposta su questa tematica sarebbe un fatto gravissimo.

Rimane tuttora senza riscontro formale la nostra richiesta di chiarimenti sui 29 posti di organico di diritto persi dal Piemonte in quanto non utilizzati da alcuni USP e quindi “ripresi” dal Miur: non riteniamo sufficienti le rassicurazioni dateci in sede di informazione e ribadiamo che tali posti devono essere riassegnati al Piemonte in organico di diritto.

Il pesantissimo taglio sul personale Ata, se non compensato dalla concessione di posti su necessità insopprimibili (peraltro già evidenziate con richiesta specifica), rischia di mettere in ginocchio il funzionamento amministrativo e tecnico, di lasciare tantissime scuole, piccole e grandi, senza la presenza di collaboratori scolastici necessari per assicurare la vigilanza, l’assistenza, la pulizia, il sostegno ai tanti alunni diversamente abili inseriti nelle nostre scuole.

Se queste situazioni, frutto dei pesantissimi tagli programmati dal governo -3.500 posti circa tra docenti e ata – non troveranno una risposta concreta nei prossimi giorni, a settembre inizierà il nuovo anno scolastico con una scuola piemontese in grande difficoltà e non più in grado di assicurare i livelli qualitativi e quantitativi assicurati in passato, ed in alcuni casi, non garantendo neanche i servizi minimi come l’apertura dei plessi.

FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS e GILDA rivolgono un pressante appello alla Direzione Scolastica Regionale, alla Regione, all’Anci Regione affinché espongano al MIUR la grave situazione che i tagli causeranno, chiedendo risposte alle evidenti necessità della scuola piemontese.

In assenza di risposte FLC Cgil, CISL Scuola e UIL Scuola, SNALS e GILDA annunciano fin da ora, per settembre, la mobilitazione dei lavoratori della scuola e delle famiglie in difesa della qualità e del futuro della scuola pubblica.

I segretari regionali di:

FLC CGIL R. Aschiero
CISL Scuola E. Pappalettera
UIL Scuola D. Meli
SNALS M. Freni
GILDA UNAMS G. Giusta

_____________________

CONSIGLIO COMUNALE di Colle di Val d’Elsa
Mozione sulle politiche nazionali nella scuola

Premesso:

•che l’istruzione rappresenta un diritto fondamentale di ognuno e un valore primario per l’identità del paese, in quanto permette la crescita delle persone e la diffusione di cultura e conoscenza, fattori essenziali per affermare la democrazia e la giustizia sociale e per lo sviluppo del Paese.
Preso atto:

•che i provvedimenti sulla scuola assunti dal Governo prevedono per il prossimo anno scolastico una riduzione dell’organico del personale docente e non docente (Amministrativo Tecnico Ausiliario) e che tali tagli comporteranno una riduzione dell’estensione e della qualità del servizio;
•che sempre secondo tali provvedimenti nella scuola primaria sono eliminate le compresenze degli insegnanti, utilizzando questi ultimi in altre classi e togliendo spazio al lavoro individualizzato e per piccoli gruppi di alunni;
•che nella Scuola secondaria di primo grado si prevedono cattedre di lettere frammentate con ore d’italiano per classi organizzate, di difficile combinazione e senza possibilità d’intervento per il recupero degli alunni e per la sostituzione di colleghi assenti;
Tenuto conto:

•della gravissima situazione finanziaria in cui versa il comparto della scuola, dove non vi sono certezze sui saldi attesi dal Ministero per gli anni finanziari precedenti, mentre le recenti determinazioni ministeriali hanno diminuito in modo consistente il fondo per il pagamento delle supplenze brevi e saltuarie ed in generale per il funzionamento delle scuole;
•che in conseguenza di tale situazione le famiglie potranno essere chiamate a contribuire alla spesa scolastica, oppure potranno esserci interruzioni nel pagamento dei supplenti o anche nel conferimento stesso delle supplenze, con il rischio concreto di non poter assicurare la normale attività didattica;
•dei vari ricorsi al Tar, alla Corte Costituzionale e alla Corte dei Conti, dalle cui sentenze hanno delle sentenze è risultato chiaro che il Governo ha tagliato gli organici, stravolto l’assetto organizzativo e didattico della scuola primaria in palese violazione delle leggi attualmente vigenti, è sconfinato in aree di competenza delle Regioni come nel caso del dimensionamento scolastico;
Rilevato

•che in tutto il paese e anche nella nostra città cresce la domanda di tempi scolastici prolungati, come dimostra la richiesta prevalente dei genitori di iscrivere i figli alla scuola primaria optando per le 30 o le 40 ore;
•che aumenta in ambito provinciale e locale il numero degli iscritti all’anno scolastico 2009-2010, confermando la tendenza alla crescita costante già rilevata nell’ultimo quinquennio;
•che si consolida la presenza di alunni con maggiori bisogni educativi (disabili, stranieri, ecc..) che richiedono particolari modalità di gestione della didattica, in modo da garantire una completa integrazione;
Considerato

•che nel sistema scolastico sono stati fatti investimenti significativi grazie anche all’intervento degli Enti locali nell’edilizia scolastica e a favore della qualificazione del sistema, come nel caso del Comune di Colle di Val d’Elsa nel precedente mandato e ribadito nelle linee programmatiche da parte del Sindaco per gli anni 2009-2014;
•che il livello di benessere sociale ed economico è profondamente correlato alla qualità del sistema scolastico e formativo e che, pertanto, è utile non indebolire il sistema, soprattutto nella fase attuale, nel pieno di una crisi economica senza precedenti, difendendo i diritti di cittadinanza e preparando un futuro sicuro ai giovani;
Tutto ciò premesso

il Consiglio comunale di Colle di Val d’Elsa
1. Esprime forte preoccupazione per la situazione che si determinerà nelle scuole nel prossimo anno scolastico.
2. Riconferma la convinzione che le modifiche introdotte nel settore scolastico non siano fondate su approfondite riflessioni sul modello educativo e pedagogico, ma solo sulla necessità del contenimento dei costi.
3. Invita il Governo a:

•riconsiderare le attuali politiche scolastiche, che comportano inevitabilmente una riduzione di efficacia e qualità del sistema scolastico;
•avviare un percorso condiviso per una riforma vera e propria del sistema scolastico italiano, partendo dai contenuti e dai principi educativi e non dai tagli;
•garantire risorse adeguate alle autonomie scolastiche per consentire il normale funzionamento degli istituti, procedendo alla risoluzione delle situazioni pregresse;
•individuare soluzioni adeguate rispetto al personale ATA, la cui drammatica riduzione mette a rischio il normale funzionamento delle scuole;
•trovare soluzioni certe alla condizione di precarietà di una parte importante del personale della scuola che sarà espulsa dal lavoro, in conseguenza dei tagli operati.
Gruppo Partito Democratico

Siena, 14 luglio 2009

 

Dai un’occhiata ai nostri blog dedicati all’ Università e ai Giovani.