Archivi tag: agricoltura

“GROW THE FUTURE”: a scuola con Syngenta, protagonisti oggi dell’agricoltura di domani

Docenti, Personale ATA, Studenti, Genitori ? Restate aggiornati sul mondo della scuola sulla nostra pagina Facebook o su Twitter. Invitate colleghi e amici a partecipare alle discussioni.

Il progetto didattico promosso da Syngenta porta nelle classi degli istituti tecnici e professionali di tutta Italia le sfide dell’agricoltura di domani. Premi per i progetti più innovativi.

Syngenta, l’unico Gruppo interamente dedicato all’Agribusiness, ha lanciato GROW THE FUTURE – Protagonisti oggi dell’Agricoltura di domani, un percorso didattico che si rivolge agli studenti degli istituti tecnici del settore tecnologico (indirizzo chimica, biotecnologie ambientali, agraria, agroalimentare e agroindustriale) e degli istituti professionali per l’agricoltura e lo sviluppo rurale. Il progetto, unico nel suo genere, intende spingere i ragazzi a confrontarsi con le questioni legate al rapporto tra agricoltura e ambiente, stimolandone altresì la produzione di idee innovative.

Il progetto prevede un percorso che approfondisce quattro diverse colture del comparto agricolo italiano – il frumento, la vite, il pomodoro e il mais – in una prospettiva di Agricoltura ResponsabileTM attraverso delle schede didattiche disponibili sul sito www.growthefuture.it .

Dopo aver approfondito le schede didattiche presenti nel sito, le classi aderenti dovranno svilupparne una nuova (secondo lo schema descrizione-sfide-soluzioni) proponendo nuove idee per la gestione di una coltura in un’ottica di Agricoltura Responsabile.

Una Giuria di esperti Syngenta si riunirà alla fine dell’anno scolastico per esaminare gli elaborati e scegliere i tre migliori progetti, tenendo in considerazione criteri di originalità, credibilità e coerenza con il percorso. I migliori elaborati vinceranno dei buoni da spendere per l’acquisto di materiale didattico.

Per l’anno scolastico 2013/ 2014 è prevista inoltre la possibilità di invitare in classe un tecnico Syngenta che organizzerà una lezione su un tema o una coltura a richiesta secondo la modalità della “formazione on demand”. I ragazzi potranno così interagire attivamente con gli esperti aziendali discutendo degli argomenti di loro interesse.

Grow The Future si ispira al progetto internazionale Thought for Food di Syngenta Global partito nel 2011 e rivolto alle Università di tutto il mondo con l’obiettivo di stimolare un brainstorming di idee innovative finalizzate a contrastare le crescenti problematiche riguardanti la produzione di cibo per la popolazione mondiale in continua crescita.

“Grow The Future nasce dall’esigenza di creare una modalità di collaborazione con gli studenti degli istituti tecnici professionali”, ha dichiarato Luigi Radaelli, amministratore delegato di Syngenta Italia. “Questi ragazzi rappresentano la prossima generazione di agricoltori, imprenditori e consumatori. Attraverso questa iniziativa, vogliamo incoraggiarli a sviluppare idee che possano veramente fare la differenza. In Syngenta, riteniamo che liberare l’energia e la passione dei giovani sia fondamentale per trovare le soluzioni alle sfide che stiamo affrontando oggi, come la necessità di produrre cibo secondo i principi dell’agricoltura responsabile. Con questa iniziativa intendiamo diventare un interlocutore privilegiato dei futuri agronomi di domani”.

Il progetto è realizzato e gestito dall’agenzia di comunicazione multicanale per le scuole D&F, ed è promosso da Syngenta Crop Protection S.p.A. La partecipazione è gratuita. Per ulteriori informazioni si prega di visitare il sito www.growthefuture.it.

Un futuro nell’agricoltura per i giovani dopo la scuola?

“L’ agricoltura è l’unico settore produttivo in cui – nonostante la crisi economica ed il calo delle imprese – cresce il numero degli occupati”. Lo sottolinea Confagricoltura commentando i dati dall’ Istat sull’occupazione nel 2010. E l’Organizzazione degli imprenditori agricoli stima che si siano avute due milioni di giornate lavorative in più.

Solo nel quarto trimestre dell’anno scorso, per l’occupazione totale, si è avuta una modesta crescita (+0,1%) che ha segnato però l’attesa inversione di tendenza, dal momento che era stato sempre in calo il numero dei posti di lavoro. “A questo risultato importante si è giunti – osserva Confagricoltura – proprio grazie all’agricoltura che ha guidato la crescita occupazionale (+2,5% nel quarto trimestre)”.

Situazione ancor più confermata, ad avviso di Confagricoltura, analizzando l’andamento complessivo dell’occupazione dipendente nel 2010 che è diminuita dell’1%, mentre in agricoltura è aumentata del 3,3%.

“I dati Istat – commenta il presidente dell’Organizzazione Mario Guidi – confermano che l’agricoltura ha grandi potenzialità economiche ed occupazionali anche se le difficoltà con cui devono confrontarsi le imprese del settore restano tante e gravi”.

“Il settore primario – conclude Guidi – garantisce occupazione a circa un milione di lavoratori. Una cifra rilevante, sia in termini assoluti, sia in relazione ai livelli occupazionali degli altri comparti produttivi. E non va dimenticato che in Italia assorbe anche 100 mila immigrati regolari originari di diverse aree del globo; a dimostrazione di quanto essa può fare, anzi già fa concretamente, in termini di coesione sociale e integrazione multietnica”.