Archivi tag: age

Scuola: Preoccupati i Genitori toscani

Rimani sempre aggiornato sulla scuola: iscriviti alla nostra pagina facebook e twitter! Diffondi fra i colleghi.

Segnali inquietanti quelli che provengono dal mondo della scuola: altri tagli in arrivo (come se non fosse bastata la severa forbice precedente) e una proposta di legge, la 953, che ridisegna gli organi collegiali dando diritto di voto alle aziende e cancellando i rappresentanti di classe. A preoccuparsi sono i genitori delle Associazioni toscane impegnate nella scuola (AGe, AGeSC e CGD), che, riuniti in Forum, hanno deciso di lanciare un grido di allarme.

In verità il Ministro Profumo aveva promesso che altri tagli non ci sarebbero stati e si era anche in parte sbilanciato rispetto al mantenimento dei posti ridotti a causa del protrarsi dell’effetto della manovra Gelmini. Le classi che concludono il ciclo della scuola primaria funzionano infatti a 30 e 33 ore, mentre le classi in ingresso sono di norma a 27 ma, invece di reinvestire in tempo scuola il risparmio ottenuto, si ricusano le nuove richieste di tempo pieno e si parla addirittura di fare manovre al limite del collasso amministrativo, come accorpare le segreterie di più scuole e rimandare in classe i docenti distaccati, che sostengono una parte non trascurabile del lavoro degli Uffici scolastici, ormai in penuria cronica di organico.

“Indubbiamente si risparmia a non fare manutenzione -commenta Claudio Borghesi- ma l’esperienza insegna che poi i nodi fanno presto ad arrivare al pettine e allora son dolori. A nostro avviso da troppo tempo la scuola è stata oggetto di tagli in modo eccessivo e proseguire ulteriormente in questa direzione appare a noi Associazioni del Forum della Toscana una politica miope e poco produttiva, che in prospettiva può portare al collasso dell’intero sistema scolastico”. Borghesi è vicepresidente dell’associazione AGe Firenze e da pochi giorni ricopre anche il ruolo di coordinatore del Forum regionale delle Associazioni dei genitori toscani impegnati nella scuola.

“Con i colleghi di AGeSC e CGD anche noi dell’AGe siamo molto preoccupati perla Proposta di legge n. 953 sul rinnovo degli organi collegiali -prosegue Borghesi- Ci pare pericoloso che ditte private possano partecipare al Consiglio d’istituto con diritto di voto, mentre i rappresentanti di genitori e studenti vengano estromessi dai consigli di classe. Quanti interessi potranno scatenarsi intorno a un istituto tecnico o a un professionale? quanto resteranno abbandonate le scuole primarie che sono universalmente riconosciute essere il fiore all’occhiello della scuola italiana?  Se l’ottica è quella di far entrare i privati per ridurre ulteriormente il finanziamento dello Stato, allora c’è davvero di che preoccuparsi“.

L’altra battaglia comune delle Associazioni toscane dei genitori è quella in difesa del rappresentante di classe che, genitore o studente, sta per essere spazzato via dalle scuole di ogni ordine e grado. “Noi siamo per un rilancio del ruolo dei genitori nella scuola -conclude Borghesi- Lo abbiamo dimostrato con il nostro impegno gratuito e volontario di anni dedicati alla formazione, informazione e consulenza a favore di chi altrettanto gratuitamente si pone al servizio delle comunità scolastiche del nostro territorio”.

Per informazioni:

AGe – agetoscana@age.it – 338 3331488

AGeSC – toscana@agesc.it – 335 284572

CGD – cgdfirenze@genitoridemocratici.it – 335 8398232

Adolescenza e disagio scolastico

Un ragazzo che presenta un disagio scolastico viene spesso considerato inferiore dal punto di vista cognitivo, ma non sempre è così. Spesso il disadattamento altro non è che la conseguenza di uno svantaggio latente o manifesto di ordine affettivo, cognitivo e relazionale. Per fornire un’adeguata informazione in materia e strumenti efficaci di prevenzione, l’ Associazione Genitori A.Ge. Toscana e la Consulta Provinciale dei Genitori di Arezzo hanno organizzato l’incontro “Adolescenza e disagio scolastico”, con la psicologa Veronica Andreini in veste di esperta. Il corso, gratuito e aperto a tutti, si terrà sabato 21 Maggio 2011 ore 10.00 presso l’ITC “Buonarroti” in Piazza della Badia 2 ad Arezzo.

Con il termine disagio s?intende un malessere esistenziale, inerente problematiche di carattere psicologico e/o psicopatologico. Nell’ambito scolastico i ragazzi a volte mostrano difficoltà psicopedagogiche di vario genere che, se non fronteggiate in tempi brevi, possono dare l’avvio a forme di disadattamento e/o di disagio scolastici.
La condizione sociale di svantaggio non sempre è legata ad un disturbo fisico e/o psichico, ma potrebbe trarre origine da occasioni di mancanza economica, affettiva, culturale e sociale. Solitamente, questa collocazione poco vantaggiosa relega il soggetto in una posizione gregaria e subalterna anche nei confronti del gruppo classe.

Strettamente correlati con il disagio scolastico è il fenomeno della dispersione. Questa è un fenomeno complesso, oltre che per la pluralità di cause che lo determinano, anche per il modo in cui si manifesta. Con il termine “dispersione” ci si riferisce all’insieme dei fattori che prolungano o interrompono il normale percorso scolastico come: mancati ingressi; evasione dell’obbligo; frequenze irregolari; bocciature; ripetenze; abbandoni, vale a dire tutti quei fenomeni che modificano il normale svolgimento del percorso scolastico di uno studente. Quindi non sempre “dispersione” è sinonimo di “abbandono”, ossia di “interruzione di frequenza”. Tuttavia, gli insuccessi scolastici (il cui indicatore primario è rappresentato da bocciature e ripetenze), specie se reiterati, sono spesso una delle cause dell’allontanamento dei ragazzi dalla scuola.

Per informazioni: arezzo@consultagenitori.it  – 338 2427381

Arcipelago Toscano: studiare il bilancio per capire la scuola

È un appuntamento non consueto, quello che l’Associazione Genitori A.Ge. Arcipelago Toscano ha organizzato per il 1° giugno alle 16,30 presso il Teatro del Liceo Foresi, in via Carlo Bini a Portoferraio. Già il titolo, “Tutto quello che avresti voluto sapere sul conto consuntivo”, è assolutamente intrigante per chi si occupa di scuola. In veste di relatrice Rita Manzani Di Goro, presidente dell’Associazione Genitori A.Ge. Toscana nonché autrice dei manuali “Come rappresentare i genitori …e vivere felici” e “Come coinvolgere i genitori”, entrambi editi da Bignami.

“L’A.Ge. Arcipelago Toscano –afferma il presidente Jachen Gaudenz- crede fermamente che le famiglie e gli alunni debbano conoscere i diritti e i doveri nei rapporti e nella vita della scuola. Mentre chi opera nel mondo della scuola ha i propri referenti e i propri canali di comunicazione, i genitori sono spesso soli e non hanno la possibilità di far sentire correttamente la loro voce nelle sedi istituzionali, deputate ad ascoltarli e a ricevere le loro istanze”.

”Con questa iniziativa –prosegue Gaudenz- si riapre un percorso di conoscenza e di contatti che già aveva avuto successo all’inizio di quest’anno scolastico sul tema dell’attività dei rappresentanti di classe. L’obbiettivo specifico dell’incontro è quello di illustrare il bilancio delle scuole, informare su come si legge, quali informazioni possono essere fatte in sede di approvazione e rispondere ai quesiti dei partecipanti”.

Un ulteriore incontro di formazione, realizzato grazie alla collaborazione fra Forum delle Associazioni dei Genitori di Grosseto e l’A.Ge. Toscana, si terrà giovedì 3 giugno alle ore 16,30 presso l’Aula magna dell’Istituto Agrario “Leopoldo II di Lorena”, in via de’ Barberi a Grosseto.
La tematica affrontata da Rita Di Goro sarà “Il ruolo del presidente nel Consiglio di circolo/istituto”.

In entrambi gli incontri sarà dato ampio spazio al dibattito e sarà distribuito del materiale di approfondimento.

Per informazioni:
www.agetoscana.it – agetoscana@age.it