Autismo, come aiutare i genitori ad intervenire

Pubblicato da Edizioni Psiconline un agile volume che affronta concretamente il tema dell’autismo e la possibilità di intervenire attraverso la terapia comportamentale. Un testo rivolto sia ai genitori che agli operatori.

Quando i genitori dei bambini autistici comprendono che nei loro piccoli c’è qualcosa che non va, oltre a sperimentare paura e angoscia, attraversano momenti di crisi in cui devono mobilitare risorse e strategie di coping per fronteggiare una situazione che coinvolge sia il piano affettivo che il piano cognitivo. Inoltre, i genitori incontrano difficoltà nella scelta del trattamento, nell’instaurare un rapporto con il figlio e nella gestione dei suoi comportamenti.
Grazie ad internet, alle associazioni e alle informazioni che giungono dagli specialisti queste famiglie trovano dinnanzi a loro diverse vie da perseguire… ma quale sc Leggi tutto

Appello per l’Abruzzo, offerta di ospitalità per famiglie di ragazzi autistici abruzzesi che hanno perduto la casa

 

URGENTE, FARE GIRARE:

AIUTO ALLE FAMIGLIE CON AUTISMO NELLA ZONA TERREMOTATA DELL’ABRUZZO.

INVITO CHI AVESSE AMICI O CONOSCENTI A FARGLI AVERE QUESTA INFORMAZIONE

Giovanni Coletti Presidente dell’Associazione AGSAT di Trento chiede di comunicare la disponibilità di alloggio Temporaneo in una delle loro Strutture in Trentino, per ospitare Famiglie di Ragazzi Autistici Abruzzesi della Zona dell’Aquila che hanno perduto la casa e si trovano in situazione di grande disagio.

Chi avesse amici o conoscenti che abitano nella Zona terremotata in Abruzzo è pregato di avvisarli e di mettersi in Contatto con Giovanni alle mail : manuelachini@alice.it  oppure alla mail coletti@tama.it  . Leggi tutto

Disegno di legge Aprea sulla scuola

Brucia tutte le tappe l’onorevole Valentina Aprea, presidente della Commissione Cultura della Camera, con la presentazione di una proposta di legge dal titolo “Norme per l’autogoverno delle istituzioni scolastiche e la libertà di scelta educativa delle famiglie, nonché per la riforma dello stato giuridico dei docenti”.

L’analisi della situazione attuale, nella relazione di presentazione della relatrice, individua nel formalismo burocratico, nell’ossessione procedurale e nella iper regolazione dello Stato che soffoca autonomia e responsabilità dei docenti, le cause dei mali della nostra scuola.

Per ridare slancio, efficacia e autorevo Leggi tutto

Scuola: sciopero in tutta Italia!

I lavoratori dei comparti pubblici e privati della scuola, dell’università e delle accademie scioperano oggi per protestare contro i tagli del governo al mondo dell’istruzione in una manifestazione organizzata dalla Cgil, con momenti di tensione all’università di Roma “La Sapienza” dove si sono verificati scontri tra studenti e polizia.

“Le forze dell’ordine hanno impedito agli studenti universitari di raggiungere il presidio organizzato dalla Flc-Cgil a piazza Santi Apostoli questa mattina, caricando i manifestanti che ora sono chiusi all’interno dell’edificio senza possibilità di uscire”, si legge in una nota di Rete degli studenti medi che definisce “inaccattabile la violenza delle forze dell’ordine”.

 Stamani a Palermo, diverse centinaia di persone si sono radunate al tea Leggi tutto

Dove vanno i conservatori italiani?

Uno dei problemi di fondo della cultura musicale italiana, rispetto a ciò che avviene in Europa centrale e orientale e negli Stati Uniti, è il livello relativamente basso dell’istruzione musicale, praticamente sparita dalle scuole generaliste di ogni ordine e grado. Questa situazione ha prodotto una serie di conseguenze a cascata: pullulano le iniziative da parte di associazioni locali sul territorio (“amici della musica” o simili), spesso di scarsa qualità e con pochi ascoltatori; molti teatri d’opera ostentano, quasi tutte le sere in cui si fa spettacolo, file vuote in platea e nei palchi; i giovani scarseggiano alle esecuzioni di musica “colta”, tranne in occasione di programmi dove viene praticata una politica di bassi prezzi di biglietti; il comparto, in generale, attira molti meno finanziamenti privati di quanto non avvenga in paesi come la Francia e la Gran Bretagna (per non parlare degli Usa), anche a ragi Leggi tutto

“La scelta delle famiglie sconfessa la Gelmini” – La Toscana aveva visto giusto, ora il governo riveda le sue scelte. L’assessore Simoncini interviene sulle iscrizioni scolastiche

«Le famiglie hanno scelto in maniera netta e inequivocabile e questa scelta equivale a una sconfessione dell’operato e dei provvedimenti del ministro Gelmini». Così l’assessore all’istruzione, formazione e lavoro Gianfranco Simoncini commenta, intervenendo in occasione delll’incontro organizzato oggi a Sarteano sul tema “Bambini e bambine al centro”, i primi dati sulle iscrizioni al primo anno delle scuole elementari, che hanno visto prevalere nettamente la scelta di un orario scolastico lungo, di 30 e 40 ore, mentre solo una esigua minoranza si è orientata sul tempo corto (di 24 ore). «Questa situazione – prosegue l’assessore – rafforza quanto sia la Regione che i sindacati vanno dicendo da mesi sull’opportunità di non ridurre quantità e qualità della scuola in nome di un ritorno, che abbiamo giudicato fin dall’inizio negativo, al maestro unico. Una scelta che, Leggi tutto