Archivi categoria: rsu

USB Scuola: PER UNA VERA DEMOCRAZIA SINDACALE

PER UNA VERA DEMOCRAZIA SINDACALE USB propone  agli altri sindacati un atto d’impegno sul regolamento RSU

Il 17 novembre l’USB ha scritto una lettera alle organizzazioni sindacali, proponendo un impegno per una consultazione diretta tra i lavoratori con cui aprire il confronto sul regolamento elettorale RSU. Se davvero a marzo finalmente verranno rinnovate le RSU, è necessario modificarne il regolamento elettorale in modo da realizzare una reale rappresentanza delle istanze dei lavoratori.

Per questo l’USB propone una consultazione volta a restituire la parola ai lavoratori che nelle scuole dovranno esprimersi sulle questioni centrali della rappresentanza sindacale.

Nella stessa lettera si invitano le organizzazioni sindacali ad un incontro fissato per il 30 novembre nel quale concordare la costruzione della consultazione.

Attendiamo ora le risposte degli altri sindacati, che dovranno esprimersi di fronte ad una chiara richiesta di presa di posizione e ad una proposta che riporta nelle mani dei lavoratori la possibilità di esprimere i propri bisogni e le proprie aspirazioni in tema di rappresentanza e democrazia sindacale.

I risultati della consultazione saranno portati all’ARAN come rivendicazioni della categoria.

In allegato potete trovare il testo della lettera inviata alle altre organizzazioni sindacali e la proposta di atto d’impegno, sulla cui base chiediamo il contributo di tutte le forze sinceramente democratiche.

UGL Scuola Palermo: campagna per le elezioni rsu del prossimo marzo

Le candidature saranno raccolte entro il 15 Gennaio 2011, per ottenere una
rappresentatività sindacale che valorizzi la professionalità dei Docenti e
degli ATA, dopo l’appiattimento e la complicità mostrati dalle altre OO. SS.
in
questi tre anni.

Programma della lista UGL per l’elezione delle RSU.

Le elezioni delle R.S.U. che si terranno nel marzo prossimo rivestono una
importanza fondamentale per la nuova organizzazione delle Scuole e per il
rinnovamento delle relazioni sindacali, dopo la sospensione per tre anni
(2009-
2012) della misurazione della rappresentatività delle sigle sindacali
ammesse
ai tavoli contrattuali, imposta dal Governo ai lavoratori. La scuola dell’
autonomia ha difficoltà crescenti nell’amministrare risorse sempre più
ridotte
che lo Stato assegna, e vede le proprie prerogative mortificate dal potere
sanzionatorio del MIUR, impegnato a condannare il malcontento dell’intera
categoria, piuttosto che a risolverne il disagio.
L’UGL si impegna a dare rappresentanza ai lavoratori del settore dell’
Istruzione difendendone i diritti, promuovendone l’immagine sociale,
valorizzandone lo status professionale e la funzione culturale strategica
per
il sistema Italia. Per questi obiettivi, chiediamo il sostegno del personale
docente e A.T.A. Nel prossimo triennio, con il tuo sostegno realizzeremo un’
azione sindacale di stile nuovo, in grado di riportare la discussione sui
temi
propri della scuola. Ti chiediamo di votare il/i candidato/i della lista UGL
a
rappresentante/i sindacale/i nella tua scuola, per contribuire, a:
* riportare l’istruzione al centro dell’azione politico-sindacale a livello
territoriale, nazionale ed europeo;
* valorizzare la professionalità di docenti ed A.T.A., in termini di
opportunità lavorative, maggiori risorse economiche, tutela sindacale contro
il
blocco degli stipendi, la riconversione professionale, la cassa integrazione
e
i licenziamenti;
* trasformare la Scuola in un centro permanente di sperimentazione
didattica,
educativa e di ricerca;
* discutere proposte da inserire nei Contratti collettivi nazionali di
lavoro
e in quelli regionali integrativi per rivalutare il ruolo della comunità
educante ed estendere le prerogative sindacali a tutte le OO. SS. anche non
rappresentative;
* inserire la voce della tua Scuola nel dibattito di politica scolastica, su
temi quali la mobilità, le riforme, la carriera, le aree di contrattazione,
il
reclutamento senza cedere ai ricatti dei tagli e del dimensionamento-
accorpamento;
* ripristinare dignità e giustizia nel settore della scuola, perché torni ad
essere cardine, volano e faro della società del tuo territorio;
* eliminare il precariato, riconoscendo al personale a tempo determinato i
diritti stessi di cui fruisce il personale a tempo indeterminato,
promuovendone
la stabilizzazione;
* utilizzare la professionalità di chi ha assolto alla funzione di tutor o
di
supervisore nei corsi di formazione, e garantire la giusta retribuzione anche
a
chi ha esercitato le indennità di funzioni superiori, di direzione e di
reggenza riconoscendone il ruolo;
* sbloccare gli scatti di anzianità per il personale di ruolo e il diritto
alla firma di un contratto collettivo nazionale, contro l’abolizione degli
automatismi di carriera e la loro sostituzione con un merito possibilmente
deciso soltanto dal ministro pro tempore, ai sensi dell’intesa del 4
febbraio
2011 raggiunta dagli altri sindacati;
* assicurare il salario accessorio individuale e generale per coprire il
costo
della vita a tutto il personale e non al solo 75%, lasciando il restante 25%
per tutta la vita allo stipendio del 2010, qualora, comunque, siano
conservate
quelle risorse ad oggi non ancora certificate;
* ripristinare la mobilità del personale neo-assunto e i primi gradoni
stipendiali cancellati dal CCNL 2011-2013 sottoscritto dalle OO. SS. di
categoria della CISL, UIL, SNALS, GILDA-FGU il 4 agosto 2011.

Tutti i possibili candidati che condividono tale progetto e vogliono
candidarsi nella lista UGL possono inviare una mail a uglscuola.
palermo@libero.
it riceveranno le istruzioni per proporre la propria candidatura. Insieme
possiamo cambiare la scuola.

Non sei ancora fan di Scuola Magazine su Facebook? Clicca MI PIACE e diffondi fra i tuoi contatti!


Elezioni rsu scuola: ecco le date

Sul sito Uil Scuola il calendario elettorare stabilito oggi per scuola e pubblico impiego.

Accordo Aran – sindacati
5 – 6 – 7 marzo 2012: elezioni Rsu scuola
Si voterà nel pubblico impiego e nella scuola

Finalmente definito un percorso chiaro e certo, così come da sempre sostenuto dalla Uil.
Con l’accordo sottoscritto da tutti i sindacati, tranne USB, e Aran si evitano elezioni inutili e si definisce un calendario certo.
Entro dicembre 2011 si definiranno i nuovi comparti.
L’8 febbraio è la data di scadenza per la presentazione delle liste.
Dal 5 -6 e 7 marzo 2012 le date delle votazioni.

Elezioni RSU: Secondo Uil scuola serve un accordo fra Aran e sindacati per garantire tempi certi per le elezio

Ecco il comunicato di Uil Scuola sulle elezioni RSU:

L’appuntamento elettorale deve essere rispettoso dei lavoratori, bisogna evitare elezioni inutili.

Il commissario dell’Aran ha riassunto le posizioni espresse nel corso dell’ultimo incontro dai sindacati. La UIL – presenti Pirani per la confederazione, Di Menna per la UIL scuola – confermando le valutazioni più volte rappresentate, finalizzate a dare efficacia alle elezioni delle Rsu, evitando elezioni inutili, da ripetere, che sarebbero davvero non rispettose nei confronti dei lavoratori, dei candidati, degli eletti, ha proposto un protocollo di intesa tra Aran e Sindacati, nel quale fissare tempi certi entro cui rinnovare le rsu, tempi utili sia all’esercizio del ruolo contrattuale nei luoghi di lavoro, sia ai fini della certificazione della rappresentatività per il prossimo contratto 2013 – 15.
In tale periodo prevedere un percorso concordato e certo riguardante la definizione dei comparti e i regolamenti elettorali. Tutto il percorso, comprese le elezioni delle rsu deve concludersi entro maggio 2012.
In tal modo si rinnovano le rsu decadute, si dà certezza di rinnovo generalizzato e di verifica della rappresentatività, si evitano elezioni inutili,da ripetere.

Tale proposta potrebbe rappresentare un punto di sintesi delle diverse posizioni espresse, e soprattutto favorire un rapporto negoziale chiaro e trasparente in grado di salvaguardare la positività di un sistema sindacale democratico davvero partecipato.
Il commissario dell’Aran ha preso impegno di formulare una proposta di testo, da definire in una riunione fissata per lunedì 11 aprile.

Proroga delle RSU

Riportiamo una nota di Gilda degli Insegnanti sulla Proroga delle RSU.

Lo chiarisce l´Aran che con la nota n. 10700 del 26 novembre richiama quanto disposto dall´art. 65, comma 3, del D.Lgs n. 150/2009 e, con riferimento al termine del 30 novembre 2010, precisa che non sembra assumere carattere perentorio, in quanto condizionato dalla definizione dell´Accordo Quadro sui nuovi comparti e aree di contrattazione.

Poiché tale Accordo è ancora in fase di negoziazione e rappresenta comunque uno strumento essenziale per l´individuazione dei nuovi ambiti di riferimento per la prossima competizione elettorale, l´Aran ritiene che le RSU tuttora vigenti non debbano decadere alla data del 30 novembre, ma debbano proseguire nello svolgimento delle proprie funzioni fino al prossimo rinnovo elettorale. E dovranno inoltre mantenere invariate tutte le prerogative a loro riconosciute dalle disposizioni legislative e contrattuali vigenti.

Elezioni Rsu scuola: il parere di Cisl Scuola

Riportiamo le dichiarazioni sulle elezioni Rsu scuola, del segretario generale di Cisl scuola:

Non abbiamo paura del voto, né bisogno di richiami alla coerenza: il nostro pensiero non cambia. Si definisca il quadro dei nuovi comparti contrattuali, così come quello dei poteri e delle prerogative delle RSU, e poi si voti. Farlo in una situazione ancora incerta e indefinita avrebbe infatti ben poco senso, mentre non ne ha affatto denunciare attacchi alla democrazia semplicemente inesistenti.

Nelle nostre scuole le RSU sono una realtà viva e presente, molte sono state rinnovate da pochi mesi, secondo regole chiare che assicurano in ogni momento la possibilità di votare, laddove necessario.

Oggi siamo impegnati a salvaguardare attribuzioni delle nostre RSU che molti vorrebbero limitare o sottrarre.

Ci preme infatti che possano funzionare, e funzionare bene, esercitando efficacemente il loro compito di rappresentanza, contrattazione e tutela.

A questo deve essere finalizzato con chiarezza anche il voto, non piegandolo a esigenze diverse, più politiche che sindacali.

Roma, 24 settembre 2010

Francesco Scrima, Segretario Generale CISL Scuola