Archivi categoria: libri

Stampa digitale o stampa offset?

Prima o pi capita a tutti di avere a che fare con una tipografia, magari per la stampa di brochure e volantini, o per quella dei propri biglietti da visita. Il primo problema che un neofita si trova davanti è quello di decidere se stampare tutto con stampa offset o stampa digitale.

Conoscere le due tipologie di stampa si rivela quindi fondamentale per fare la scelta giusta: quali sono quindi gli svantaggi e i vantaggi della stampa digitale? E quali quelli della stampa offset? Ma soprattutto, dovendo stampare un alto numero di brochure, quale sarà la soluzione migliore per me?

Gettiamo un po’ di luce su questo argomento per aiutarvi a decidere quale metodo di stampa da utilizzare.

Il metodo tradizionale per la stampa offset è stato inventato dal tedesco Johannes Gutenberg nel corso dell’anno 1450. Originariamente in questo processo l’inchiostro è steso su una superficie che viene poi appoggiata alla carta, finché essa non assorbe l’inchiostro. Oggi il processo è un po’ più complicato ma più efficace: in pratica, utilizzando la repulsione naturale fra olio e acqua, sull’immagine da stampare viene passato l’inchiostro da alcuni rulli appositi, mentre l’area in cui non si deve stampare viene ricoperta da una pellicola di acqua, in modo tale che l’inchiostro non vi possa stampare.

La stampa digitale è stata progettata per emulare i risultati finali di macchine da stampa offset offrendo ai clienti un’idea di quale sia il loro progetto finale stampa. Un sacco di persone favorevoli alla stampa digitale perché hanno più familiarità con il processo: quasi tutti infatti sono proprietari di una stampante a colori, e il processo di stampa in tipografia è il medesimo di quello a casa, anche se ovviamente le strumentazioni sono molto più tecniche, precise e affidabili, per avere un risultato davvero professionale.

È chiaro che, per un risultato professionale, dovrete affidarvi sempre a tipografi esperti, evitando il fai-da-te che può essere più allettante per via del risparmio ma sicuramente meno efficiente dal punto di vista della comunicazione (per via della diversa qualità dei materiali, delle stampe etc).

La stampa offset ha pro e contro. Eccovi i pro: consente colori più accurati e coerenti, consente una stampa accurata su molti supporti differenti per peso, qualità, dimensioni e texture, permette di stampare inchiostri chiari su supporti scuri (es bianco su sfondo nero), ha inchiostri di qualità migliore, consente una gamma di colori più ampia, stampe più veloci sopra i 20.000 pezzi e soprattutto un notevole risparmio per alte tirature.

I contro della stampa offset sono principalmente rappresentati da: necessità di tempo per l’asciugatura degli inchiostri, alti ingombri dei macchinari, costo della stampa per piccole quantità (meno di 500 copie) più alto.

I pro della stampa digitale consistono invece nell’asciugatura degli inchiostri velocissima, nella convenienza economica per tirature ridotte (sulle 1000 copie), nella varietà dei supporti su cui è possibile stampare (carta, vetro, metallo, marmo etc…) e sull’ampiezza del formato.

I contro invece sono rappresentati dalla scarsa consistenza del colore, dall’impossibilità di stampare inchiostri chiari su supporti scuri, dal fatto che i colori PANTONE non possano essere riprodotti, dalla difficoltà di avere colori veramente fedeli in caso di stampa, da una limitazione del peso dei supporti e della finitura ottenibile (in genere lucida o semi-lucida) e soprattutto dal costo davvero elevato per una tiratura ampia.

A questo punto dovete solo scegliere la soluzione più adatta a voi: se volete un risultato davvero imprescindibile e se le copie di cui necessitate sono più di 1000 vi consigliamo però la stampa offset, più economica, affidabile e professionale per la stampa di riviste, cataloghi, libri, brochure, giornali, opusculi, volantini e guide turistiche.

L’innovazione passa dai libri: University Book System

Lavori nella scuola? Resta aggiornato sulla nostra pagina Facebook o su Twitter.

Libreriauniversitaria.it costituisce da anni il punto di riferimento di tutti coloro che operano nel mondo universitario dialogando ogni giorno con studenti, docenti e ricercatori. E’ su questo solido presupposto che nasce il nuovo progetto “University Book System” che risponde concretamente ad una duplice necessità delle università italiane. Da una parte consente loro di evolversi per fornire agli studenti servizi innovativi ad alto valore aggiunto, dall’altra aiuta gli Atenei ad aumentare la visibilità del loro operato per un miglior posizionamento sia a livello nazionale che internazionale.

I 3 livelli del Sistema basati su diversificazione, innovazione e ottimizzazione.
Unico nel panorama italiano, questo sistema si articola su tre livelli. Il primo è costituito dall’attivazione di una libreria online personalizzata presente direttamente sul sito dell’Ateneo. A questa può essere affiancata una libreria digitale di nuova concezione, uno spazio fisico tecnologico che può fungere da luogo di consultazione, di acquisto e da “pick up point” dei libri comprati online. Questa formula dà anche la possibilità di restituire i libri usati, che possono essere poi valutati e quotati, e l’importo risultante essere utilizzato per l’acquisto di nuovi testi. Inoltre, il sistema prevede l’organizzazione della fornitura di servizi di redazione e pubblicazioni ad hoc per i docenti, come la stampa di manuali, dispense e monografie o la pubblicazione di ebook in formato e-pub, con la conseguente possibilità di inserirli nel circuito globale delle digital libraries per la vendita. L’impianto del progetto passa attraverso tre principi. Il primo è quello della diversificazione dell’offerta. L’Ateneo è in grado di mettere a disposizione dei propri studenti una libreria online che consente l’accesso a oltre 12 milioni di titoli italiani, inglesi e tedeschi di oltre 14 mila editori e di usufruire dell’acquisto dei libri di testo suddivisi per facoltà. Il secondo principio è quello dell’innovazione. Infatti, la realizzazione di una libreria personalizzata presente sul sito dell’università consente di rispondere sempre e da qualsiasi luogo alle esigenze specifiche di ricerca, studio e approfondimento dell’intera comunità accademica. Infine, il sistema rispecchia il principio dell’ottimizzazione delle risorse web già utilizzate e della gestione ambientale ed economica degli atenei. Sono questi gli aspetti rendono il progetto inedito per il mercato italiano.

University Book System è già realtà
Sul territorio al momento il sistema completo è stato realizzato dall’Università degli Studi di Padova. “Nella mission di Padova University Press (PUP) occupa un ruolo centrale la valorizzazione dei risultati delle ricerche dei nostri docenti e la diffusione capillare delle nostre pubblicazioni. Per realizzare questo obiettivo, ci serviva un partner leader nel segmento della didattica universitaria e ben posizionato sugli altri segmenti. Abbiamo fatto un benchmark e Libreriauniversitaria.it si è dimostrato il partner ideale per la nostra strategia di sviluppo”, afferma Paolo Gubitta, docente di Organizzazione aziendale e Imprenditorialità che coordina le attività della PUP, “la collaborazione con Libreriauniversitaria.it ci permette di abbattere i tempi e i costi per penetrare il mercato. E per dirla tutta, lavorare con una delle aziende che ha contribuito a ripensare le modalità di vendita dei libri nel settore scolastico e universitario in Italia, per noi è anche un modo per accedere a un patrimonio di competenze gestionali che noi non possiamo e non vogliamo sviluppare internamente”. Mentre, con il contributo del Centro Stampa, all’Università degli Studi di Salerno è in corso la collaborazione con la Fondazione dell’Ateneo per la progettazione preliminare della realizzazione della Libreria digitale all’interno del campus. “Con dieci Facoltà all’attivo, l’Ateneo di Salerno costituisce sempre di più uno snodo accademico di eccellenza e non solo per il Sud d’Italia e conta oltre 40.000 iscritti. L’implementazione costante dell’intera struttura è ispirata alla filosofia di un mantenimento del polo come centro all’avanguardia non solo dal punto di vista didattico, ma anche nell’erogazione di servizi innovativi per l’intera comunità. E’ in questo contesto che prende corpo il progetto con Liberiauniversitaria.it. Gli studenti passano molte ore all’interno del campus e per questa ragione è necessario che incontrino il miglior supporto possibile.” sottolinea Giorgio Donsì, Presidente della Fondazione. Infine, presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia gli studenti possono già sperimentare i servizi e i benefici del nuovo punto vendita della libreria digitale.


Per tre lune: esce il libro di Elisabetta Maltese

Elisabetta Maltese

Elisabetta Maltese sa trovare le parole che servono fin dall’inizio, guidata dalla luce misterica delle sue “tre lune”. […]
Non a caso le occorrenze più frequenti nella raccolta sono due: “parole” e “note”. Perché poesia e musica nascono insieme (…) E l’attenzione di Elisabetta alla musica, il suo amore per la musica, traspare ad ogni pagina […]
Non è una musica facile. La punteggiatura è quasi assente. Dovrete cercarla voi. A una seconda e terza lettura. Non è Mozart che si dà subito. È Debussy, che vi incanta a poco a poco: e poi non vi lascia. Come non vi lasceranno certe immagini, certi pensieri. Vi rimarranno dentro, vi scaveranno con la difficoltà della comprensione, come una risacca, fino al lascito dell’illuminazione: della luccicanza.
Una luccicanza angelica: perché non ha sesso. L’autrice rivela cose che solo una donna può sapere, ma lo fa con la brusca evidenza di un uomo, senza sentimentalismi, come farebbe la bambina terribile dei fumetti.
Vi troverete in un inverno pieno di attese e rivelazioni (…) Troverete poche rime, ma quelle che ci sono, sono baciate dalle labbra di un aforisma; verità crudeli come una lama, come certe fiabe nordiche, asciutte come proverbi ebraici; poesie che iniziano con il genitivo perché «Delle donne è la pazienza»: di dire e generare; ripetizioni, perché certe parole bisogna ripeterle (la lezione di Sereni agisce nel profondo) per arrivare a dire le cose come stanno, senza compromessi.

dalla presentazione di Rodolfo Cernilogar

SCHEDA DEL LIBRO

autore: Elisabetta Maltese
editore: La Vita Felice]
pagine:  72
pubblicazione 2012
ISBN/EAN
9788877994776

E’ possibile ordinarlo online qui.

Libreriauniversitaria.it: la classifica libri di gennaio 2013

A gennaio prendono piede la grande narrativa e l’intrattenimento
Libreriauniversitaria.it svela la classifica dei libri più venduti nel primo mese del 2013. Ecco come le nuove uscite balzano subito ai primi posti, seguite dai best seller natalizi e dall’inamovibile Gramellini.

Complici le feste appena finite, il primo mese dell’anno è il momento ideale per aggiornarsi sui libri che hanno dominato durante il Natale e sulle novità appena pubblicate. Dal proprio osservatorio privilegiato, Libreriauniversitaria.it stila dunque una classifica dei libri più venduti, mostrando le prime tendenze del 2013. Tra le novità che segnano uno spartiacque rispetto alle normali scelte editoriali, il sito rileva come le grandi case editrici abbiano deciso di lanciare sul mercato, già nelle prime due settimane dell’anno, i lavori di autori di consolidato successo come Camilleri, Gimenez-Bartlett e Grisham, guadagnandosi poi, di fatto, i primi posti della classifica.

IL PODIO
Approda al primo posto il nuovo romanzo nato dalla penna di Andrea Camilleri e ispirato liberamente alla nota vicenda di cronaca dei marchesi Casati Stampa. “Il tuttomio” indaga, infatti, attraverso gli occhi della protagonista femminile, il delicato equilibrio di una coppia costruita sull’eros, sulla perdita dell’inibizione e sulla sottile linea che separa il gioco dalla realtà. A quattro anni dall’ultimo romanzo, Alicia Giménez Bartlett si attesta in seconda posizione con il giallo “Gli onori di casa”. Questa nuova avventura ha come personaggi principali Petra Delicado, ispettore della polizia di Barcellona, e il vice ispettore Fermin Garzon, suo fedele aiutante, questa volta alle prese con un “caso freddo” che li accompagnerà in intricate vicende attraverso la città di Roma. E’ stabile in classifica, invece, Massimo Gramellini con “Fai bei sogni” che, da marzo dello scorso anno, ha sempre mantenuto alte le vendite diventando il vero e proprio caso editoriale del 2012.

AL CENTRO DELLA CLASSIFICA
Rimangono saldi, in quarta e quinta posizione, altri due libri che si sono trovati ai vertici della classifica per l’intero periodo natalizio quali “Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico” di Luis Sepúlveda e il primo romanzo di J.K. Rowling che esula dalla saga di Harry Potter, “Il seggio vacante”: una storia corale, quest’ultima, che racconta cosa si nasconde dietro l’idilliaca facciata di una piccola comunità qualunque della provincia inglese. Sulla scia di “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”, la narrazione del maestro cileno continua dunque ad attirare l’attenzione di adulti e bambini, grazie ad una storia incentrata sulla profondità dell’amicizia, capace di superare ogni confine di genere. Entra invece, in sesta posizione, “L’ex avvocato”: l’ultimo attesissimo legal thriller di John Grisham che, uscito proprio nel mese di gennaio, conquista i lettori a suon di ingegnosi colpi di scena.

LE ULTIME POSIZIONI
A un soffio di distanza l’uno dall’altro, in settima e nona posizione, troviamo i primi due volumi della trilogia di E. L. James, “Cinquanta sfumature di grigio” e “Cinquanta sfumature di nero” che, dalla scorsa estate, hanno invaso il mercato riportando in auge il genere erotico. Questi ultimi sono intervallati dal nuovo caso del commissario Montalbano descritto da Camilleri in “Una voce di notte”, libro pubblicato lo scorso autunno e, da quel momento, stabilmente in classifica. A seguire, entra in gioco, in decima posizione, un’altra novità presentata a gennaio: “Entra nella mia vita”, il romanzo famigliare raccontato in chiave femminile da Clara Sanchez, già autrice de “Il profumo delle foglie di limone”. Merita infine una menzione particolare, il libro per ragazzi di Jeff Kinney “Diario di una schiappa. Si salvi chi può!” che, all’undicesimo posto, costituisce il sesto capitolo della fortunata serie di libri pubblicata in 40 Paesi e tradotta in 35 lingue.

La classifica in sintesi
1^
Il tuttomio
Andrea Camilleri
2^
Gli onori di casa
Alicia Giménez Bartlett
3^
Fai bei sogni
Massimo Gramellini
4^
Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico
Luis Sepúlveda
5^
Il seggio vacante
J. K. Rowling
6^
L’ ex avvocato
John Grisham
7^
Cinquanta sfumature di nero
E. L. James
8^
Una voce di notte
Andrea Camilleri
9^
Cinquanta sfumature di grigio
E. L. James
10^
Entra nella mia vita
Clara Sanchez
11^
Diario di una schiappa. Si salvi chi può!
Jeff Kinney

Libreriauniversitaria.it – Fondata nel 2000 a Padova, libreriauniversitaria.it è la libreria on-line leader in Italia nel settore accademico e professionale con oltre 1.5 milioni di clienti. La sua offerta comprende oltre 12 milioni di libri nuovi e usati sia italiani che stranieri (oltre a DVD e videogiochi) e garantisce un servizio di elevata qualità ed efficienza unitamente a prezzi convenienti.

UDS: MIUR AVVANTAGGIA LOBBY EDITORIALI

Con la circolare n. 378 del 25 gennaio il MIUR ha cancellato l’obbligo di adozione sessennale nelle scuole. Uno strumento che provava a mantenere i costi dei libri sotto una certa soglia, evitando cambi annuali di edizioni identiche, contenendo parzialmente il fenomeno del caro-libro. Un attacco spudorato al diritto allo studio.

“E’ uno scandalo che il Ministero abbia cancellato così in sordina l’obbligo di adozione per sei anni dei libri – dichiara Roberto Campanelli, coordinatore nazionale Unione degli Studenti – per quanto ritenessimo questo strumento insufficiente a combattere il caro-libri, era pur sempre una forma di contenimento. Con questo gesto il ministro Profumo si è schierato apertamente dalla parte delle lobby editoriali e contro il diritto allo studio degli studenti”

“Siamo stati rintronati per un anno dal Ministro che parlava di digitalizzazione dei libri di testo e modernizzazione – prosegue nella nota l’Unione degli Studenti – ed ora ci troviamo nella stassa situazione di un anno fa, senza aver fatto un solo passo avanti, anzi compiendone indietro. In tempi di crisi è inammissibile che si sdoganino in questo modo le minime garanzie per chi studia!”

UNIONE DEGLI STUDENTI

Narrativa ragazzi: Giocherò nel Barça!

Iscriviti e diffondi la pagina Facebook di ScuolaMagazineTwitter.

Mabale vorrebbe giocare nel Barcellona e anche Amadou ha un sogno da realizzare. Entrambi vogliono aiutare le loro famiglie a uscire dalla povertà. Per riuscirci sono pronti ad attraversare l’oceano e sfidare i pericoli.

Senegal. Amadou è un ragazzo di diciassette anni che deve lasciare gli studi e mettersi a fare il pescatore per aiutare la famiglia: è orfano, ha due fratelli, quattro sorelle e una nonna. La miseria è tanta e le prospettive così poche che Amadou sposa il sogno del suo amico Mabale: “Barcellona o morte!”.
Amadou e Mabale, dopo mesi di preparativi, salpano a bordo di un barcone insieme ad altri ragazzi con il loro stesso sogno. Fra questi c’è Noolamala, una splendida ragazza di cui Amadou si innamora a prima vista e che lo ricambia. Noolamala è incinta e spera di far nascere la sua bambina in Europa, in questo modo non sarà rimpatriata e potrà dare alla figlia un futuro migliore.
Il viaggio è difficile e tormentato. L’imbarcazione è una vecchia carretta, sprovvista anche di medicine. Molti non resistono alle condizioni di viaggio disumane; anche Mabale si ammala e muore, e con lui il sogno di giocare nel Barcellona e aiutare la sua famiglia e gli amici con i soldi guadagnati.
Durante la traversata Noolamla entra in travaglio e la piccola Africa viene al mondo in acque internazionali, infrangendo le speranze della ragazza di far nascere la figlia in Europa. Neanche Noolmla riesce a superare la traversata e Amadou decide che si prenderà cura della bambina. Il viaggio è ancora lungo, ma quando tutto sembra perduto, ecco finalmente i soccorsi e la prospettiva di una nuova vita.

L’autrice

Gemma Pasqual i Escrivà è una scrittrice catalana e vive a Valencia. Prima di dedicarsi al giornalismo e alla letteratura per ragazzi ha lavorato nel campo della finanza e presso l’IBM. Ha maturato una lunga esperienza di corsi di lettura e di animazione nelle scuole. Ha scritto numerosi romanzi e collaborato con varie riviste specializzate fra le quali «CLIJ-Cuadernos de Literatura Infantil i Juvenil», prediligendo temi di attualità e di carattere sociale. Inoltre è membro del consiglio dell’Associazione degli Scrittori Catalani e membro del consiglio di amministrazione e del comitato consultivo dell’Istituto Catalano di Lettere. Presso le Edizioni San Paolo ha dato alle stampe La ballerina di Baghdad (2010 e Giocherò nel Barça (2012).