Archivi categoria: esami di maturità

Esami di Maturità: il 62% degli studenti sfida i radar anticellulare


infografica_maturita_2012

Iscriviti alla nostra pagina sulla scuola su Facebook:
http://www.facebook.com/pages/Scuola-Magazine/117995511584868

Ecco l’ultima infografica di Studenti.it pubblicata ieri: contiene consigli su come fronteggiare la pressione degli ultimi giorni tra riti scaramantici, tecniche di relax, preghiere ai santi protettori degli studenti ed i consigli per realizzare mappe mentali efficaci. Sono riportati inoltre interessanti dati relativi all’utilizzo dei cellulari in sede d’esame.
Secondo il sondaggio realizzato da Studenti.it, in collaborazione con SWG, che da oltre 30 anni si occupa di ricerche di mercato, di opinione e studi di settore in ambito politica e società, il 62% dei maturandi 2012 cercherà, in sede di esame, di avere un cellulare nonostante la minaccia del radar ministeriale. Di questi il 47% ammette che lo utilizzerà per cercare risposte sul web. Tra i metodi di copiatura più tradizionali, invece formule su righelli, etichette di bottiglia e bigliettini in scarpe e stivali.
I Santi più ”ricercati” a cui rivolgersi in fase pre-esame sembrano essere San Girolamo, San Giuseppe da Cupertino, San Luigi Gonzaga e San Espedito da Militene. Come andrà a finire l’esame? Abbiamo creato un test dedicato agli studenti incluso nell’infografica.

Maturità 2012: addio al plico cartaceo. Ma se internet fallisce? Pronto il piano B

La novità più importante di questa maturità 2012 sta, molto probabilmente, nel plico elettronico che andrà a sostituire le care vecchie buste con le tracce, andate ormai in pensione. Tuttavia, sebbene questa innovazione è bene accolta da tutti, si pensa a cosa potrebbe accadere qualora qualcosa andasse storto. Si sa che con le cose tecnologiche c’è sempre un minimo di margine e per questo motivo si è pensato a un piano B, o meglio ci ha pensato il Ministero dell’Istruzione. Sebbene la procedura sia stata già abbondantemente testata e tutti i presidi delle scuole italiane concordano nel dire che si tratta di una buona innovazione e che i test sono stati un vero e proprio successo, qualcosa potrebbe andare storto: un server, ad esempio, potrebbe saltare e qualche istituto rimarrebbe senza tracce. Cosa accade in quel caso? Ci sono i plichi cartacei pronti nelle cassaforti delle Regioni che, all’occorrenza, possono essere inviati dove serve. In caso di abbandono del mezzo tecnologico, verranno rispolverate le care vecchie buste che hanno accompagnato tante generazioni negli esami di maturità. Staremo a vedere, incrociando le dita affinché tutto vada per il meglio e che le nuove tecnologie non abbandonino nessuna scuola nel momento del bisogno. Si tratta di un’innovazione importante ed è bene che tutto vada per il verso giusto.

Esami di Maturità: una infografica su problemi e soluzioni

Non sei ancora fan di Scuola Magazine su Facebook? Clicca MI PIACE e diffondi fra i tuoi contatti!

In occasione degli esami di maturità 2012, infatti, Studenti.it ha deciso di proporre un contenuto esclusivo che vi inoltro in anteprima: il Salva Maturità 2012, un’utile e divertente guida rapida alla maturità.

Oltre a piccoli consigli su come prepararsi agli esami e come gestire al meglio lo stress, il Salva Maturità 2012 CONTIENE interessanti dati relativi all’orientamento degli studenti terminato il percorso di studio (lavoro, università, estero): la risorsa ideale per un articolo ad hoc o per integrare un vostro articolo tema maturità già online!


infografica_maturita_2012

Miur: la maturità deve viaggiare in rete

Non sei ancora fan di Scuola Magazine su Facebook? Clicca MI PIACE e diffondi fra i tuoi contatti!

Nei giorni scorsi, il ministro Profumo aveva sottolineato l’importanza dell’orientamento, tanto da dire che si dovrebbe anticipare quel momento, molto importante al fine della scelta della facoltà giusta, al quarto anno di scuola superiore. Il ministro si era spinto oltre, sottolineando anche l’importanza dei nuovi mezzi di comunicazione, tra cui i social network, per fare orientamento. Oggi il Miur va oltre, specificando che anche la maturità dovrebbe correre in rete. Entrando nel dettaglio, a partire dalla prossima sessione ordinaria degli Esami di Stato l’invio delle tracce non sarà più fatta con un fascicolo cartaceo, ma attraverso invio telematico. Tutto questo entra in un progetto di semplificazione più ampio. Quello che si vuole fare è snellire la burocrazia, velocizzando e tecnologizzando il tutto.


Gli errori di grammatica più frequenti durante l’esame di maturità in un’indagine

Iscriviti alla nostra pagina sulla scuola su Facebook:
http://www.facebook.com/pages/Scuola-Magazine/117995511584868

Gli elaborati della prima prova di italiano degli esami di maturità dell’anno 2009/2010 sono stati analizzati dall’Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione, che ha voluto mettere insieme tutti quelli che sono gli errori di grammatica più frequenti che i nostri ragazzi fanno. Da un primo sguardo, gli studenti italiani non fanno per nulla bella figura, facendo degli errori davvero imperdonabili che a volte sono veramente degli orrori. Sembra quasi che scrivere in maniera corretta sia qualcosa di molto lontano dai ragazzi dei nostri giorni, troppo abituati, forse, a scrivere sms abbreviati e tweet un po’ sgrammaticati. Per mettere a punto lo studio, si sono mossi non pochi esperti del settore che hanno valutato 499 elaborati, ossia un piccolo campione se si pensa che i diplomati di quell’anno furono ben 500.000. i testi sono stati valutati in base a quattro aree: quella testuale, quella grammaticale, quella lessicale-semantica e quella ideativa.


Inoltre, sono stati usati anche 34 indicatori, tra cui l’uso appropriato della punteggiatura e dei verbi e delle parole. Il quadro che ne esce fuori è davvero nero e in molti sottolineano che è inammissibile che gli studenti arrivino alle superiori facendo ancora degli errori di grammatica e ortografia così gravi.

Siamo quello che mangiamo? I maturandi si sono interrogati su questo

MATURITA’: “SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO?” LA TRACCIA DI ITALIANO PIACE AI GIOVANI DI CONFAGRICOLTURA. “SIAMO QUELLO CHE PRODUCIAMO NELLE CAMPAGNE, QUALITA’, SALUBRITA’ E AMBIENTE”

Siamo quello che mangiamo?” I maturandi nel saggio breve per la prova di italiano si sono interrogati su questo dilemma. “Noi risponderemmo di sì – dice senza esitazione l’Anga, l’Associazione che riunisce i giovani di Confagricoltura – siamo d’accordo con il filosofo Ludwig Feuerbach, siamo quello che mangiamo perché siamo situati all’interno della natura”. “La traccia di italiano alla maturità è un argomento che ripropone con forza il tema dell’alimentazione e della sostenibilità – confermano i Giovani di Confagricoltura -. Cibarsi, necessità primaria dell’uomo, è intimamente legato con la produzione delle campagne, con un modello produttivo adeguato ai nostri tempi, che sia attento alla qualità, alla salute, all’ambiente”. “La traccia della maturità strettamente correlata all’agricoltura, unita alla crescita delle iscrizioni alle facoltà di Agraria, è una bella presa di coscienza del ruolo economico e sociale del nostro settore – conclude l’Anga -. La campagna italiana è antica, “naturale”, scandita da ritmi millenari, ma al tempo stesso modernissima per l’innovazione e la competizione sui mercati. Vitale è continuare a dare l’attenzione e l’importanza, nell’insegnamento, nelle riflessioni politiche e sui media ad una visione completa dell’agricoltura”.

Non sei ancora fan di Scuola Magazine su Facebook? Clicca MI PIACE e diffondi fra i tuoi colleghi!