Archivi categoria: domande per la scuola

Disoccupazione scuola

Indennità ordinaria di disoccupazione scuola con requisiti ridotti. Termine ultimo di presentazione della domanda: 31 marzo 2010

Il personale precario della scuola (docente ed ATA) può presentare – entro mercoledì 31 marzo 2010 – alle competenti sedi territoriali dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS) la domanda per ottenere l'”indennità di disoccupazione con requisiti ridotti”.

Consulta e “scarica” dai sottoevidenziati “links” (a cura della Segreteria Nazionale della CISL Scuola):

•una —–> scheda relativa alla suddetta indennità di disoccupazione;
•un’analoga —–> scheda relativa all'”indennità di disoccupazione con requisiti ordinari” (pubblicata, per completezza d’informazione). La domanda concernente quest’ultima indennità può essere presentata dagli interessati, sempre all’INPS, entro 68 giorni dal licenziamento o dalla cessazione del rapporto di lavoro.
* * *

Per l’espletamento della pratica – e per ogni dubbio/chiarimento in materia – rivolgiti alla sede territoriale della CISL Scuola a te più vicina ovvero alla sede più facile da raggiungere dell’INAS CISL, il patronato che da quasi 60 anni assiste, tutela ed offre consulenza a tutti i cittadini, dentro e fuori i luoghi di lavoro.

* * *

Per informazioni istituzionali e la “modulistica” (che, ad ogni buon conto, si riporta anche di seguito) vai al —> sito web dell’INPS

* * *

Modulistica necessaria per la domanda di “indennità di disoccupazione con requisiti ridotti”:

•Modello “DS 21”: il “modello domanda”, a cura del lavoratore (su originale a lettura ottica);
•Modello “DL 86/88 bis”: dichiarazione, a cura del datore di lavoro (anche su copia);
•Modello “ANF/PREST”: modello per la fruizione dell’assegno per il nucleo familiare;
•Modello “DETRAZIONI”: modello concernente il diritto alle detrazioni di imposta.
* * *

Modulistica necessaria per la domanda di “indennità di disoccupazione con requisiti ordinari”:

•Modello “DS 21”: il “modello domanda”, a cura del lavoratore (su originale a lettura ottica);
•Modello “DS 22”: dichiarazione, a cura del datore di lavoro (anche su copia). In alternativa, è possibile presentare una “dichiarazione sostitutiva” con la quale autocertificare le informazioni relative all’ultimo rapporto di lavoro (su apposito modello “autocertif.DSO”);
•Modello “ANF/PREST”: modello di fruizione dell’assegno per il nucleo familiare;
•Modello “DETRAZIONI”: modello concernente il diritto alle detrazioni di imposta.

Andate a dare un’occhiata al sito della Cisl Scuola e alla Modulistica necessaria per la domanda scolastica

Domande personale ata

Passaggi verticali personale ATA: le domande personale ata sono possibili dal 12 marzo al 2 aprile

È stato firmato il decreto direttoriale che dà il via alle procedure di selezione del personale ATA con contratto a tempo indeterminato per il passaggio di profilo da Collaboratore scolastico ad assistente amministrativo e tecnico e da Assistente amministrativo a Direttore dei servizi. La FLC aveva chiesto l’ammissione anche del personale a tempo determinato.

Le domande di partecipazione
Le domande di partecipazione al concorso si potranno presentare dal 12 marzo al 2 aprile esclusivamente per via telematica.

La richiesta di registrazione per presentare la domanda on line potrà essere fatta a partire dal 3 febbraio. Per dare le istruzioni utili a facilitare l’accesso alle operazioni di accreditamento, il ministero emanerà una circolare che preciserà anche i criteri di valutazione dei titoli.

Le fasi del concorso
Il concorso è articolato in tre fasi:

1.una prova con domande a risposta multipla;
2.un corso di formazione organizzato dall’amministrazione;
3.l’esame finale.


Concorrono a determinare la posizione nell’elenco degli ammessi alla seconda fase il punteggio dei titoli culturali, di servizio, altri crediti e l’esito della prova.
La FLC Cgil ha chiesto che quanto prima siano pubblicati i materiali di studio e i test per dare ai partecipanti al concorso la possibilità di prepararsi adeguatamente.

Le disposizioni e la nostra scheda di lettura
In allegato pubblichiamo in file zip i seguenti documenti:

•la circolare di trasmissione;
•il decreto direttoriale e i due allegati: l’Allegato C (corrispondenza titoli-laboratori) e l’Allegato 1 (numero dei destinatari ai corsi di formazione per provincia; si ricorda che il numero degli ammessi ai corsi di formazione è il doppio rispetto al contingente previsionale per i passaggi verticali e ha validità per un biennio);
•una scheda di lettura del bando.
Roma, 29 gennaio 2010

Domanda mobilità

Domanda Mobilità, attivazione delle procedure via web: la nostra guida. Una guida della FLC Cgil per aiutare nelle procedure per la registrazione alle istanze on-line.

La scorsa settimana il Ministero dell’Istruzione ha emanato una nota specifica sulle modalità obbligatorie di presentazione della domanda mobilità via web per l’anno prossimo per tutti i docenti “nell’ambito” e “per” la scuola primaria e secondaria di primo grado.

In allegato, pubblichiamo una nostra “Guida” con le indicazioni sulla procedura da seguire per la registrazione on line che debbono effettuare tutti i docenti interessati poi a presentare domanda di mobilità.

La registrazione, infatti, è propedeutica alla successiva presentazione della domanda vera e propria di mobilità.

A questo link trovate gli allegati per sapere tutto della domanda mobilità da effettuare via web.


Graduatorie d’istituto docenti. Entro il 31 luglio la compilazione on-line del modello B per la scelta delle scuole

 

Via: www.flcgil.it

Graduatorie d’istituto docenti. Entro il 31 luglio la compilazione on-line del modello B per la scelta delle scuole

Per la compilazione va utilizzata l’ applicazione delle istanze on-line del Miur

La compilazione on-line del modello B per la scelta delle scuole ai fini delle graduatorie d’istituto dei docenti deve essere completata entro il 31 luglio 2009.

Abbiamo predisposto una guida alla compilazione del modello B nella quale sono indicate le varie fasi della procedura. Nella guida sono anche illustrate le modalità di convocazione per le supplenze e le sanzioni previste.
E’ stato anche predisposto, dalla FLC Cgil di Palermo, un video che illustra le principali fasi della procedura.

Roma, 30 luglio 2009

 

Se ti è piaciuto questo articolo potresti essere interessato ai nostri blog sull’ Innovazione e sul Lavoro.


Modello B: per la provincia di Bari è possibile indicare più di 2 circoli didattici

 

Via: www.cislscuola.it

 

Modello B: per la provincia di Bari è possibile indicare più di 2 circoli didattici

L’USP, con avviso urgentissimo del 27 luglio 2009 ha comunicato che fermo restando il termine del 31 luglio 2009 (e il limite di 10 scuole), gli aspiranti all’ inserimento nelle graduatorie di circolo/istituto nella provincia di Bari possono indicare più di due circoli didattici.

Il MIUR con la nota prot. n. 11395, emanata il 24 luglio 2009 ma trasmessa alle OO.SS. solo nella tarda mattinata di oggi, è intervenuto sull’indicazione nel modello B delle scuole dell’infanzia e primaria per la provincia di Bari nella quale sono presenti solo 12 istituti comprensivi a fronte di 124 circoli didattici.

Una situazione che pur consentendo di rispettare il dettato del regolamento, determinava di fatto il sovraffollamento di supplenti negli istituti comprensivi e, per contro, la carenza degli stessi nei circoli didattici (per tali ordini di scuola si prevede la possibilità di chiedere l’inserimento nelle graduatorie di massimo 10 istituzioni di cui massimo 2 circoli didattici). Un risultato esattamente contrario a quello che con il regolamento l’Amministrazione si proponeva.


La CISL Scuola, nel corso del confronto con il MIUR, ha ripetutamente sollevato la questione e sollecitato l’estensione alla provincia di Bari della deroga al vincolo di indicazione di massimo due circoli didattici, già prevista nel D.M. 56 all’art. 5, comma 1 per quelle province in cui sono presenti meno di otto istituti comprensivi.

L’Amministrazione, che ha sempre manifestato un atteggiamento rigidamente burocratico al riguardo, con la nota emanata ha solo ora delegato il Direttore regionale a “valutare, nello specifico quadro di contesto, se ricorrano le condizioni per adottare la deroga richiesta, tenuto conto, ovviamente, della presenza di controinteressati, del rispetto dei tempi tecnici e del principio della tutela della buona fede”.

L’intervento dell’USP, pur se auspicato, è sicuramente intempestivo in quanto giunge sul filo di lana della scadenza dei termini per la presentazione del modello B e rischia perciò di determinare elementi di confusione.

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo ti potrebbero interessare i nostri blog dedicati alla Formazione e al Marketing.


Presentazione delle domande di utilizzazione. Precisazioni e chiarimenti

 

Via: www.cislscuola.it

Presentazione delle domande di utilizzazione. Precisazioni e chiarimenti

In relazione a dubbi sorti in merito alla presentazione delle domande di utilizzazione/assegnazione provvisoria verso altro ruolo/grado di scuola (con particolare riferimento alla diversa tempistica prevista per la scuola secondaria di I grado), nell’incontro di ieri pomeriggio la CISL Scuola ha sollecitato l’Amministrazione a precisare il termine a cui i docenti interessati si debbano attenere.

E’ stato concordato che si dovrà fare riferimento, in ogni caso, alle scadenze delle domande relative al proprio ruolo di appartenenza.

Conseguentemente, dovrann essere inviate:

entro il 10 luglio anche le domande di utilizzazione/assegnazione provvisoria per la scuola secondaria di I grado presentate da docenti di scuola dell’infanzia, di scuola primaria e di scuola secondaria di II grado;
entro il 24 luglio anche le domande di utilizzazione/assegnazione provvisoria per la scuola dell’infanzia, per la scuola primaria e per la scuola secondaria di II grado presentate da docenti della scuola secondaria di I grado
Nella nota in corso di predisposizione, il MIUR preciserà, inoltre, che le date di scadenza delle domande di utilizzazione e di assegnazione provvisoria riguardanti l’Abruzzo saranno determinate in sede del previsto apposito accordo integrativo regionale.