Archivi categoria: Comunicati del Ministero

Bando borse per la ricerca e buoni formativi per la ricerca

La Presidenza della Regione della Valle d’Aosta informa che nella seduta di oggi della Giunta è stato approvato uno stanziamento di 1.200.000,00 Euro per progetti di specializzazione individuali nel settore della ricerca e dello sviluppo tecnologico.

Si tratta del Bando che prevede la possibilità per residenti Valle d’Aosta laureandi/laureati/dottori ricerca, inoccupati, disoccupati o occupati in aspettativa non retribuita e per giovani neolaureati con profili tecnico-scientifici, individuati da imprese con sede in Valle d’Aosta, di presentare progetti.

Tra le attività finanziabili: le BORSE DI RICERCA, Project Work, Attività di Ricerca, Trasferimento Tecnologico, Stage di Eccellenza, Dottorato di Ricerca, Tesi di Ricerca; ed i BUONI FORMATIVI PER LA RICERCA, come la formazione specialistica, la partecipazione ad eventi formativi, i soggiorni di ricerca all’estero, le Summer Schools per giovani ricercatori.


A ciascuna di queste attività della durata massima di 24 mesi verrà erogata una borsa di studio di entità variabile tra i 1.000 ed i 2.100 euro/mese in relazione alla durata e tipologie di borsa.

Di seguito le aree identificative di progetti considerati prioritari per il territorio regionale :
Valorizzazione e tutela dell’ambiente e del territorio montano, Piattaforme Tecnologiche, Valorizzazione del patrimonio culturale alpino, Sviluppo socio economico delle aree alpine, Coesione sociale, Welfare e Salute, Astrofisica, Modelli di comunicazione per la diffusione della cultura scientifica.

Maggiori informazioni sono reperibili sul sito internet dell’Amministrazione regionale nella sezione lavoro.

Anagrafe studenti: verifica posizioni anagrafiche

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane,
finanziarie e strumentali
Direzione generale per gli studi, la statistica e i sistemi informativi
Ufficio VII – Servizio di Statistica
Roma, 12 maggio 2010
Oggetto: Anagrafe studentiVerifica posizioni anagrafiche.
L’Ufficio di Statistica del Ministero ha da tempo intrapreso azioni volte a rendere l’ Anagrafe Nazionale degli Alunni una banca dati contenente informazioni il più possibile corrette e complete.
Per tale motivo sono state fornite all’Agenzia delle Entrate le posizioni anagrafiche trasmesse dalle
scuole nel periodo ottobre – dicembre 2009 per la consueta verifica dei codici fiscali degli alunni.
A seguito di tale verifica i codici fiscali presenti nel SIDI sono stati aggiornati, riportando
l’indicazione di “non validato” quando l’Agenzia delle Entrate ne ha riscontrato l’inesattezza; in
questo caso le istituzioni scolastiche avranno cura di apportare le necessarie modifiche entro il 31
maggio p.v..
Ai fini della completezza dell’Anagrafe, oltre al controllo sulle posizioni anagrafiche di ciascun
alunno censito nel SIDI, dovrà anche essere effettuato l’aggiornamento dello “stato alunno”, nel
caso di trasferimenti o abbandoni, oppure l’inserimento dei dati anagrafici per gli alunni entrati in
corso d’anno, immettendo la nuova posizione direttamente nel SIDI.
In vista dell’attività di Rilevazione analitica degli Esiti degli Esami di Stato, prevista da quest’anno
per tutte le scuole di I e II grado, statali e paritarie, particolare attenzione dovrà essere riservata al
controllo delle posizioni degli alunni frequentanti l’ultimo anno di corso.
Per le scuole secondarie di II grado statali la trasmissione dei dati avverrà con le stesse modalità
utilizzate lo scorso anno.
Per le scuole secondarie di II grado paritarie e per le scuole secondarie di I grado la rilevazione
analitica degli esiti degli esami finali verrà effettuata quest’anno per la prima volta. Per tale motivo,
con successiva nota saranno fornite specifiche indicazioni.
IL DIRETTORE GENERALE
Maria Domenica Testa

Selezione di personale da utilizzare nella istituenda House of European History

Il Parlamento Europeo intende istituire la House of European History a Bruxelles, nell’Eastman Building in Leopold Park.

A tal fine seleziona personale di staffcon esperienza che risponda ai seguenti profili:

– 1 academic project leader, temporary agent, grade AD 12;

– 9 contratti per staff con compiti ausiliari, Function Group IV, come specificati: 2 storici specializzati nella storia europea dal 1945, 2 storici specializzati nella storia europea nella prima metà del ventesimo secolo; 1 storico specializzato nella storia europea del medioevo e dell’antichità; 1 storico specializzato nella storia europea moderna; 1 storico o specialista di studi culturali sul ventesimo secolo; due museologi;

– 4 contratti per staff con compiti ausiliari, Function Group II, come specificati: 4 assistenti con esperienza nel settore museale.

Le candidature devono essere inviate entro il 23 aprile 2010 al MIUR, Ufficio VI, all’attenzione del dott. Maurizio Piscitelli, V.le Trastevere 76/a-00153 Roma.

Per ogni opportuna informazione è possibile contattare lo European Parliament’s Directorate-General for Personnel, Competitions and Selection procedures unit, Tel. +352430023804, Fax +352430027740, e-mail HEHpleader@europarl.europa.eu (per academic team leader), e-mail HEHselection@europarl.europa.eu (per contract staff).

A SCUOLA NON SI PARLERÀ PIÙ DI ‘RESISTENZA’

IL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE ‘SALTA’ LA PAROLA NEI PROGRAMMI

Nei nuovi programmi di storia che si studieranno dal prossimo anno scolastico nei licei, la parola Resistenza non è citata. Con lei anche Antifascismo e Liberazione. La storia contemporanea con questa nuova articolazione affronterebbe cronologicamente la seconda guerra mondiale passando poi direttamente alla guerra fredda, fino ad arrivare alla costituzione dell’ONU.
E così dove andiamo a ritrovare le fondamenta su cui la nostra Costituzione e la stessa Repubblica sono state costruite?
Il ministero dice che era ‘sottintesa e scontata’.
L’Unione degli studenti si impegna non solo a denunciare la grave mancanza e lavorare affinché si ripristini un programma completo, ma fa partire anche un lavoro verso il 25 aprile.
A meno di un mese dal 65° anniversario della Liberazione dalle truppe nazifasciste, la memoria storica della Resistenza, i valori dell’Antifascismo che hanno fondato la nostra Costituzione rappresentano per noi una priorità su cui investire impegno e pratiche.
È partito così la campagna verso il 25 Aprile.
La Campagna prevede documenti formativi su fascismo, resistenza, antifascismo e neofascismo con bibliografie e filmografie, e l’organizzazione delle seguenti iniziative:

Assemblee di nelle scuole e nelle facoltà dal 1 Aprile al 25 Aprile,
Approvazione e pubblicazione degli odg sull’antifascismo nelle scuole, nelle facoltà o negli atenei,
La settimana del 25 Aprile: coprire le scritte e i simboli fascisti, razzisti e xenofobi, nelle scuole, nelle facoltà e nelle città,
Dossier nazionale sull’avanzata delle destre e le politiche di repressione,
Costruzione di iniziative pubbliche: presidi, cineforum, dibattiti pubblici in collaborazione con soggetti di riferimento come l’Anpi,
Partecipazione ai cortei locali dell’Anpi e delle Reti locali antifasciste o costruzione di mobilitazioni autonome nelle città durante la giornata del 25 Aprile.

UNIONE DEGLI STUDENTI

Valorizzazione delle eccellenze

Disponibili i nominativi degli studenti meritevoli per i risultati raggiunti nelle competizioni stabilite con il D.M. 17 giugno 2009 e ripartito l’ammontare dei premi
(D.D.G. del 25 febbraio 2010)

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’Istruzione
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica
Ufficio VII

Roma, 25 febbraio 2010

IL DIRETTORE GENERALE

VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, che recepisce il Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione;

VISTA la legge 15 marzo 1997, n. 59 recante delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa;

VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, con il quale è stato emanato il Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche ai sensi dell’art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59;

VISTA la legge 28 marzo 2003, n. 53, di delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale;

VISTA la legge 11 gennaio 2007, n. 1, con particolare riferimento all’art. 2, comma 1, lettera d) e all’art. 3, comma 4;

VISTA la legge 10 marzo 2000, n. 62, recante norme per la parità scolastica e disposizioni sul diritto allo studio ed all’istruzione, e le successive modificazioni;

VISTO il decreto legislativo 29 dicembre 2007, n. 262, contenente disposizioni per valorizzare l’eccellenza degli studenti nei percorsi di istruzione;

VISTO il decreto ministeriale del 17 giugno 2009, che definisce per l’anno scolastico 2008/2009 il programma annuale delle eccellenze nei diversi ambiti disciplinari dei percorsi di istruzione secondaria superiore e stabilisce, all’art. 5 i criteri utili alla determinazione del quantitativo massimale di studenti beneficiari della valorizzazione delle eccellenze per ciascuna competizione;

VISTO il decreto direttoriale del 5 novembre 2009, con il quale è stato affidato all’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica (ANSAS) il compito di effettuare, in collaborazione con l’Amministrazione, un monitoraggio al fine di individuare i nominativi degli studenti dei corsi di istruzione superiore delle scuole statali e paritarie, che siano risultati vincitori nelle compitizioni individuate con il sopra citato decreto ministeriale del 17 giugno 2009;

CONSIDERATO che alla predetta Agenzia sono state assegnate apposite risorse finanziarie, pari ad euro 1.237.700,00 (unmilioneduecentotrentasettemilasettecento), con imputazione al capitolo 1512 – piano gestionale 1 – del bilancio di questo Ministero per l’anno finanziario 2009, da destinare alle istituzioni scolastiche per la premiazione degli studenti risultati vincitori delle eccellenze già individuate e, in via residuale, per la premiazione degli studenti che, nell’anno scolastico 2008/2009, abbiano superato l’esame di Stato a conclusione del secondo ciclo con la votazione di 100 e lode;

TENUTO CONTO dell’esito del monitoraggio effettuato al fine di rilevare i nominativi degli studenti meritevoli per ciascuna tipologia di eccellenza individuata con il citato decreto ministeriale del 17 giugno 2009, nonché le istituzioni scolastiche frequentate dai medesimi;

RITENUTO, pertanto, di poter individuare i quantitativi di beneficiari e le entità dei premi da assegnare agli studenti meritevoli;

DECRETA:

Articolo 1

Ai fini della determinazione del numero di beneficiari per ciascuna delle competizioni individuate nell’allegato al decreto ministeriale del 17 giugno 2009, sulla base dei criteri riportati nell’art. 5 di detto decreto, si stabilisce di ripartire le stesse competizioni, o sezioni di competizioni, in cinque fasce. I requisiti per l’individuazione delle fasce e le attribuzioni delle fasce a ciascuna competizione sono riportate nei prospetti di cui agli allegati ”I” e ”II”.

Articolo 2

I quantitativi massimali di studenti beneficiari per ciascuna competizione, o sezione di competizione, sono determinati come segue.

Per le competizioni, o sezioni di competizioni, individuali:
– fino a 100 studenti per ciascuna competizione della fascia “A”;
– fino a 75 studenti per ciascuna competizione della fascia “B”;
– fino a 50 studenti per ciascuna competizione della fascia “C”;
– fino a 25 studenti per ciascuna competizione della fascia “D”;
– fino a 10 studenti per ciascuna competizione della fascia “E”.

Per le competizioni, o sezioni di competizioni, per gruppi:
– fino a 75 studenti per ciascuna competizione della fascia “A”;
– fino a 60 studenti per ciascuna competizione della fascia “B”;
– fino a 45 studenti per ciascuna competizione della fascia “C”;
– fino a 30 studenti per ciascuna competizione della fascia “D”;
– fino a 15 studenti per ciascuna competizione della fascia “E”.

Rimane salvo il fatto che, per ciascuna competizione o sezione di competizione, siano inclusi tra i beneficiari tutti gli studenti che, nelle rispettive graduatorie di merito, risultino collocati ex-aequo con chi si trovi in posizione utile e che in tali casi il numero di beneficiari di una competizione possa eccedere il quantitativo massimale stabilito.

Gli studenti vincitori di premi in olimpiadi internazionali ufficiali, alle quali ciascun Paese partecipi con un numero fissato di rappresentanti nazionali, non sono considerati nel computo dei sopra citati quantitativi massimali, e vengono inclusi in aggiunta a tali quantitativi massimali.

Articolo 3

Sulla base del monitoraggio effettuato e dei rispettivi quantitativi massimali, come stabiliti dagli articoli 1 e 2 e come riportati nell’allegato ”II”, sono individuati, nell’allegato ”III” al presente decreto, i nominativi degli studenti meritevoli di premio per i risultati raggiunti, con l’indicazione della rispettiva scuola frequentata e dei relativi codici identificativi della tipologia di premio a ciascuno assegnato, la quale tiene conto dei caratteri della manifestazione e dei rispettivi livelli di merito raggiunti. Gli elenchi dei diversi codici identificativi e delle corrispondenti tipologie di premio sono riportati nella tabella di cui all’allegato ”IV”.

Articolo 4

Le risorse finanziarie per corrispondere i premi a ciascuno degli studenti elencati nell’allegato ”III” sono assegnate dall’ANSAS, secondo i valori riportati nella tabella di cui all’allegato ”V”.

Articolo 5

La premiazione degli studenti sarà effettuata dal dirigente scolastico dell’istituto frequentato secondo le forme previste dall’articolo 4 del decreto legislativo n. 262 del 29 dicembre 2007, qui di seguito riportate:
a) benefit e accreditamenti per l’accesso a biblioteche, musei, istituti e luoghi della cultura; b) ammissione a tirocini formativi;
c) partecipazione ad iniziative formative organizzate da centri scientifici nazionali con destinazione rivolta alla qualita’ della formazione scolastica;
d) viaggi di istruzione e visite presso centri specialistici;
e) benefici di tipo economico;
f) altre forme di incentivo secondo intese e accordi stabiliti con soggetti pubblici e privati.

Articolo 6

L’ANSAS provvederà a curare l’inserimento degli studenti di cui all’allegato ”III” nell’apposito Albo Nazionale delle Eccellenze.

Scuola media Salò, Gelmini: “Fatti gravi, Ministero pronto ad adottare provvedimenti”

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Mariastella Gelmini ha telefonato al Direttore dell’ufficio scolastico regionale della Lombardia per acquisire maggiori informazioni circa i fatti accaduti presso la scuola media del comune di Salò (BS) nello scorso febbraio, dove si sarebbe verificato un episodio di violenza sessuale nei confronti di una studentessa. Il ministro Gelmini ha immediatamente chiesto al Direttore regionale un rapporto dettagliato su quanto realmente accaduto. “Questo fatto, se confermato, – ha dichiarato il ministro Gelmini – è di una gravità inaudita ed è inaccettabile. Bisogna verificare subito le responsabilità ed andare a fondo della vicenda. Il Ministero è pronto a prendere i dovuti provvedimenti”.