Ieri un grande abbraccio fra la comunità gay e gli studenti del cavour

Iscriviti e diffondi la pagina Facebook di ScuolaMagazineTwitter.

Inoltriamo il comunicato di Queer Lab, realtà promotrice della fiaccolata contro l’omotransfobia, in ricordo di Andrea, studente di 15 anni, morto ieri tragicamente.
L’immagine più bella di ieri é stata a tarda sera, quando la comunità glbtqi e le compagne ed i compagni di scuola e di classe di Andrea si sono seduti a terra, in cerchio, a parlare, a confrontarsi, a capire. Ad abbracciarsi. Questo, per QueerLab, è stato il momento piú significativo.

Tutto è partito dalla fiaccolata a via san Giovanni in Laterano, nata spontaneamente dalla comunità LGBTQI in rete e raccolta da alcune associazioni romane, tra cui QueerLab. Una comunità ferita che, al di là delle notizie contrastanti sulla tragica vicenda di Andrea, ha sentito il bisogno di riunirsi e di esprimere, nelle forme che ciascuna e ciascuno ha scelto, il proprio dolore e la propria rabbia. Perché un quindicenne che si suicida, gay o percepito come tale, forse confuso rispetto alla sua identità di genere o forse solo “originale”, esprime un disagio e noi tutte e tutti siamo stati adolescenti e quel disagio lo conosciamo.

Le prime persone che parlano, le fiaccole intorno alla scritta “No omotransfobia. Ciao Andrea”. E un desidero che attraversa tutte e tutti: andare davanti alla scuola per compiere davvero un gesto simbolico: “una comunità ferita, come quella GLBTQI, abbraccia un altra comunità ferita, la scuola di Andrea”. Nonostante la questura non volesse permettere questo gesto, la fiaccolata è partita, carica di rabbia per una morte a cui non avremmo voluto assistere.

Via dei fori imperiali, via Cavour, e su, su, fino alla scuola. Lasciate le fiaccole davanti all’ingresso ci riavviamo e ci giunge la notizia più sperata: i ragazzi stanno uscendo. Abbiamo cercato di capire e loro si sono messi a disposizione, attraverso degli incontri da organizzare a scuola durante l’occupazione, per capire cosa significa scoprirsi LGBTQI e cos’è l’omotransofobia.

Queerlab

Filippo Riniolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *