Archivio mensile:agosto 2012

Caro Ministro che mi fai fare il concorso per la terza volta

Iscriviti e diffondi la pagina Facebook di ScuolaMagazine.

Lettera di una insegnante al Ministro Profumo.

Dunque, riflettevo.
Caro Ministro Profumo che mi fai fare per la terza volta il concorso per vedere se sono ancora capace ad insegnare, caro Ministro, dicevo, se il concorso è utile lo farò.
Però.
A questo punto, per essere giusti ed equi, sono dell’idea che tutti gli insegnanti, anche quelli assunti, ogni cinque o dieci anni debbano rifarne uno.
Così.
Come una specie di revisione. Per vedere se sono capaci.
E poi, se non lo superano, possono essere licenziati o incaricati per altre mansioni.

Continua a leggere la lettera


I sindacati lombardi all’attacco: “maglia nera della scuola”

Iscriviti e diffondi la pagina Facebook di ScuolaMagazine.

Il Consiglio di stato respinge il ricorso del Miur che chiedeva la sospensione di una sentenza del Tar Lombardia che aveva giudicato illegittimo il concorso dei presidi. Si tornerà a riparlarne il prossimo 30 novembre, ma l’ordinanza che boccia il Miur lascia poche speranze ai 355 candidati a dirigere una scuola che avevano superato il concorso. Così in Lombardia l’anno scolastico vedrà complessivamente oltre 500 istituti scolastici (in pratica la metà di quelli esistenti) senza preside.

Una vicenda nata male sin dall’inizio, e finita peggio: non solo per il difetto formale delle buste che dovevano coprire l’identità dei candidati che in realtà erano trasparenti, quindi negando l’anonimato delle prove, ma anche perché è mancato un altro fondamentale criterio di regolarità: la presenza di tutti i commissari al momento della correzione dei compiti. Come si documenta nelle memorie dei ricorrenti (un centinaio), raramente le commissioni erano al completo. Addirittura, si legge nella memoria, lo stesso presidente risultava in cattedra a Bergamo mentre si davano i giudizi ai candidati.

Continua a leggere l’articolo su FATTO QUOTIDIANO.


Come preparare il CV in formato UK

L’Inghilterra è il paese delle mille opportunità, un luogo in cui ognuno di noi può sperare di riuscire a raggiungere i suoi obiettivi, uno dei paesi miglio in cui possiamo decidere di andare a vivere. Se volete provare anche voi a trovare un ottimo posto di lavoro in Inghilterra avrete sicuramente bisogno di compilare il vostro curriculum vitae. Non affidatevi a modelli di curriculum obsoleti ma compilate l’Europass Curriculum Vitae, un modello di curriculum cioè riconosciuto a livello europeo che segue degli standard validi in ogni paese dall’Italia all’Inghilterra. Grazie a questo innovativo formato di curriculum riconosciuto da tutti i paesi possiamo riuscire a descrivere nel miglior modo possibile il nostro corso di studi e tutta la nostra esperienza lavorativa addentrandoci anche nella descrizione di altre tipologie di formazione di cui siamo in possesso ma anche di alcuni talenti innati che ci rendono davvero speciali ed uniche. Con un curriculum di questa tipologia offriamo insomma tutti noi stessi su carta e le aziende a cui chiederemo di assumerci potranno in poco tempo capire se noi siamo i candidati perfetti per loro. Il curriculum vitae europeo può essere compilato direttamente online sul portale europeo oppure può essere scaricato e compilato con calma in formato cartaceo. Chiaramente se volete che il vostro curriculum sia incisivo e colpisca dovrete inserire delle cose che colpiscano i valutatori: ad esempio oggi sono molto apprezzati i corsi di inglese molto approfonditi e presso prestigiose scuole all’estero.

Il curriculum vitae dei giovani di oggi non è niente male. Nella maggior parte dei casi si tratta infatti di giovani molto preparati che hanno seguito stage e tirocini e che hanno la mente ricca di idee ma dobbiamo ammettere che nei molti curriculum vitae che ci è capitato di vedere c’è un neo che deve assolutamente scomparire. Molti giovani infatti dichiarano di non avere una conoscenza perfetta della lingua inglese, ingrediente questo assolutamente imprescindibile per tutti coloro che vogliono andare a lavorare in Inghilterra. Che fare?

Per riuscire ad imparare la lingua inglese nel miglior modo possibile e rendere il proprio curriculum vita europeo finalmente appetibile l’unica strada che possiamo percorrere è quella di frequentare una delle molte scuole di lingua inglese a Londra. Studiando direttamente a Londra avremo infatti la possibilità di essere seguiti in modo stretto e costante da professori madrelingua professionali e qualificati e pronti a mettere tutte le loro energie per donarci la conoscenza della lingua inglese e per renderci le ore di studio davvero molto leggere. Le scuole di Londra hanno dei programmi infatti di semplice intuizione ideali per garantire progressi immediati e visibili giorno dopo giorno.

Le vacanze studio all’estero sono uno strumento innovativo e moderno che ci offre la possibilità di scoprire una lingua e un paese in poco tempo ma in modo davvero eccellente e sono disponibili in ogni parte del mondo. Le scuole di Londra non di certo le uniche infatti dell’Inghilterra e sono disponibili scuole di inglese all’estero anche in America, in Canada, in Australia per andare incontro alle esigenze di tutti e per fare in modo che ognuno possa scegliere la sua scuola in base anche al luogo in cui vorrebbe poter andare un giorno a lavorare e a vivere.

Caro Scuola: dove trovare, regione per regione, libri e diari a basso prezzo

Sulla nostra pagina Facebook trovi le news e anticipazioni sul mondo della scuola.

Come ad ogni inizio di anno scolastico gli studenti e le loro famiglie si trovano ad affrontare un costo per il corredo scolstico, tra libri e materiali, altissimo. Come dice Federconsumatori quest’anno un ragazzo del primo liceo spenderà per i libri di testo + 4 dizionari 745,00 € (il 2% in più rispetto allo scorso anno) + 488,00 € per il corredo scolastico ed i ricambi, per un totale di ben 1.233,00 €. Questo grazie anche all’innalzamento dei tetti di spesa nei decreti 42 e 43 dell’11 maggio 2012, che, sempre dalle indagini del Codacons, confermano un aumento da 2 a 6 euro a seconda dell’istituto e un ulteriore possibile scatto del 10 % che delinea una stangata di 44 euro rispetto all’anno precedente.

“In un periodo di crisi come questo – esordisce l’Unione degli Studenti – è impensabile che il MIUR abbia alzato del 10% i già deboli tetti di spesa per i libri. Gli annunci di quest’inverno sulla digitalizzazione dei libri di testo si sono rivelati inutili, visto che non sono state fornite agli studenti le strumentazioni necessarie (gli e-book) per utilizzare libri totalmente digitalizzati, ed i “libri digitali misti” sono dei libri cartacei a tutti gli effetti, con in allegato anche un semplice link o un CD-ROM. Questo ha provocato – prosegue l’UdS nella sua denuncia – l’acquisto di nuovi corredi di libri in tantissime scuole, una stangata per il mercato del libro usato e l’ennesima speculazione delle case editrici.”

“Per contrastare il fenomeno del caro-libri – dichiara Danilo Lampis, responsabile nazionale Diritto allo Studio dell’UdS – l’Unione degli Studenti sta organizzando come ogni anno in tutto il paese decine di mercatini dei libri usati. Nelle nostre sedi gli studenti possono vendere e comprare i propri libri al 50% del prezzo di copertina, senza cadere nelle speculazioni delle libreria. In alcune regioni abbiamo addirittura auto-prodotto un diario scolastico in vendita a basso costo, per cercare di tenere bassi i costi del materiali scolastico degli studenti”

UNIONE DEGLI STUDENTI


SEGUE LA LISTA DELLE CITTà DOVE L’UDS ORGANIZZA MERCATINI DEL LIBRO USATO, LA LISTA è CONSULTABILE SUL SITO WWW.UNIONEDEGLISTUDENTI.NET/SITO

LAZIO
ROMA:
– CSA Intifada (via di Casal Bruciato n.15) – Lun. Mer. Ven. Sab. 15.00-19.30
– Centro di Iniziativa Popolare (Via delle Ciliegie n.42) – Lun. Mer. Ven. Sab. 15.00-19.30
– Centro Giovanile – Batti il tuo tempo (Piazza di Cinecittà n. 11) – Mar. Gio. Sab. Dom. 15.00-19.30
organizzati in collaborazione dall’ Unione degli Studenti Roma, Coordinamento student* VI e VII municipio e collettivo Ludus
fan: http://www.facebook.com/pages/Mercatino-Autogestito-del-Libro-Usato-Roma/100130740134759
evento: http://www.facebook.com/events/423384341030146/

LATINA: Viale Kennedy 40 o Via Copenhagen 6a dal 19 giugno Martedì h 11-13; Venerdì h 16-20
Contatti: Luca Ratos Santangelo 3472489786 lucaratos95@gmail.com
EVENTO FACEBOOK http://www.facebook.com/mercatinolibrolatina

TOSCANA
SIENA: via Cecco Angiolieri 51, dal 5 settembre 31 ottobre, Martedì h 16-19; Mercoledì h 10-13
Contatti: Viola 33452223122 Pietro 3932908473
CAMPANIA
CASERTA: via Gennaro 4 (Falciano), Laboratorio Sociale Mille Piani, dal 2 agosto al 5 ottobre, Martedì e giovedì h 16-20
Contatti: 3342434243 Lucio; 3312891487 Raffaele
EVENTO FACEBOOK https://www.facebook.com/events/147623668708813/147720185365828/?notif_t=plan_mall_activity

SALERNO: dal 20 agosto al 30 settembre, sede “Spazio Donna”, piazza V.Veneto (stazione centrale), aperti tutti i giorni, esclusi giovedi’ e domenica, dalle 17:00 alle 20:00
Contatti: 3298893503 Daniele; 3397666571 Matteo; 3889873447 Enzo; 3920144027 Pia; 3891014053 Francesco
EVENTO FACEBOOK http://www.facebook.com/events/321634154592061/

CAPUA: Palazzo Fazio, Via Seminario Campano, dal 23 agosto al 20 settembre,aperti tutti i giorni esclusi venerdì sabato e domenica h 18-21
Contatti: Danilo 349 428 6321 danilo.de.blasio@live.it; Mauro 366 131 2056 mauro.maietta@gmail.com; Giampaolo 3271211005 gyx_boys@hotmail.it
EVENTO FACEBOOK https://www.facebook.com/events/465394723472898/

POMIGLIANO D’ARCO: via Vittorio Emanuele 50 (sede CGIL), tutti i giorni h 9.30-13, 16-19 Contatti: 3663773257 Antonio Circiello; 3331922673Tania Perna; 3938625910 Simona EVENTO FACEBOOK http://www.facebook.com/events/255613854551771/

LIGURIA
Genova evento FB: Piazza Sarzano, Ex Latteria Occupata, dal 01/09 al 05/10. Lunedì e venerdì h 16-19.30, mercoledì 16-19.30
Contatti: 3497757842 / 3295991994 Giacomo Zolezzi
EVENTO FACEBOOK https://www.facebook.com/events/151274464997928/

SICILIA
SIRACUSA: piazza Santa Lucia 20 (sede ARCI), dal 21 agosto, tutte le mattine h 9-12 e il mercoledì h 16-19
EVENTO FACEBOOK https://www.facebook.com/events/403536019696304/

AGRIGENTO:
contatti: 3891526293

PUGLIA
BARI: via marchese di montrone 80, Zonafranka, dall’1 settembre al 15 ottobre, ogni mattina fino all’inizio della scuola 9-12, pomeriggio 16-20, dall’inizio della scuola solo il pomeriggio.
Contatti: Francesca Picci 3337979646
EVENTO FACEBOOK https://www.facebook.com/events/357678060976889/
FOGGIA: banchetto davanti alla biblioteca provinciale, dall’1 settembre al 25 settembre, dal -lunedì al venerdì h 17-20
Contatti: 3804686196 Fabrizio Florillo
OSTUNI: sede cgil ostuni – via armando diaz, dal 19 di agosto al 19 settembre, dal lunedì al venerdì h 16-19
Contatti: 346130731 Paolo Murrone

NARDò: via san lorenzo, Circolo Carlo Giuliani, dal 6 agosto al 20 ottobre, dal lunedì al venerdì, mattina h 8.30-13.30, pomeriggio h 16.30-20.30,
Contatti: 3283312261 Riccardo Russo

GALLIPOLI: dal lunedì a venerdì, mattina h 10-13, dall’1 agosto al 1 settembre
Contatti: 3472459247 Alessio Fasano

CASARANO: via Ticino n°6, 29-30-31 Agosto h 16-20. Dall’1 settembre al 30 settembre invece sarà aperto ogni lunedi, mercoledi e venerdi h 16-20.
Contatti: 3929350778 Marco ciullo, 3403822984 Gabriele Esposito

MOLISE
CAMPOBASSO, ISERNA E VENAFRO, via online dal 22 agosto al 20 settembre. A Campobasso dal lunedì al venerdì in Piazzetta Palombo h 10-12; 16-19
SITO WEB http://udsmolise.altervista.org/blog/perche-il-mercatino/
Contatti 3880572516, 3398236001
udsmolise@gmail.com
www.udsmolise.com

CALABRIA
REGGIO CALABRIA:Contatti: Manuel Pannella 3409266377
CROTONE:
Contatti: Althea Panebianco 3287164019

SARDEGNA
SORGONO: Liceo scientifico “F.lli Costa Azara”, dal lunedì al sabato alle h 10.30
Contatti:
Erika Fadda 3479845044
Massimiliano Lampis 3474138017

ASSUNZIONI IN RUOLO ANCHE PER IL PERSONALE ATA SUBITO

Sulla pagina facebook di Scuola Magazine trovi aggiornamenti su Docenti e Ata.

Abbiamo appreso da fonti giornalistiche che dall’incontro del 27 agosto tra il MIUR e i sindacati collaborazionisti non è scaturita alcuna azione in direzione dell’assunzione in ruolo del contingente previsto per il personale ATA.
Riassumiamo le puntate precedenti:


il Decreto Ministeriale del 3 agosto 2011 impone, per un triennio, che ogni anno vengano assunti in ruolo docenti e ATA in numero pari a quello del personale andato in pensione (il tutto viene pagato a caro prezzo dai precari con la perdita di uno scatto di anzianità).
Il 6 luglio 2012 viene emanato il Decreto sulla spending review (poi ratificato dal Parlamento con voto di fiducia) che, all’art. 14, prevede la “deportazione” di 4.624 docenti (tra inidonei e ITP) nei profili ATA.

A fine luglio il MIUR comunica di aver chiesto l’autorizzazione a procedere alle assunzioni di oltre 21.000 docenti e oltre 5.000 ATA; il 10 agosto viene emanato il decreto per l’assunzione dei docenti, ma quello per gli ATA resta bloccato, in attesa del via libera del dipartimento della Funzione Pubblica e del Ministero delle Finanze.
Cosa c’è che non va per le assunzioni degli ATA? C’è che se si applica l’art. 14 della spending review, non resteranno posti per le assunzioni in ruolo nei profili di amministrativi e tecnici e, a seguito dei tagli, non è materialmente possibile collocare tutti gli inidonei e gli ITP interessati su profili ATA.
Dobbiamo considerare che il termine ultimo per procedere a nomine in ruolo per il corrente anno scolastico è il 31 agosto. Il MIUR continua quindi a lavorare esclusivamente sull’applicazione della spending review, non rispettando quindi il Decreto dell’agosto 2011, discriminando il personale inidoneo e ITP e infischiandosene dei diritti e delle aspettative di tanti precari decennali che non avranno piu’ un posto di lavoro, forse neanche precario. Infatti, si dice che entro il 31 agosto verranno indicati agli USP i contingenti per gli incarichi annuali, ma per proseguire con la spending review, per i profili di Assistenti Tecnici e Assistenti Amministrativi le scuole procederanno con nomine di supplenti brevi fino ad avente diritto, in attesa che venga completata la deportazione di inidonei e ITP (la discussione in merito riprenderà il 3 settembre). Migliaia di colleghi passano di colpo dall’essere a un passo dal ruolo al tornare supplenti brevi!

Per tutti gli altri profili ATA si prospettano ancora tempi lunghi anche solo per avere la supplenza annuale, mentre le bollette e gli affitti vanno pagati subito.
Una simile situazione spingerebbe qualsiasi sindacato a mobilitarsi immediatamente e con tutte le sue forze, invece le organizzazioni che hanno partecipato all’incontro si limitano a pubblicare scarni comunicati informativi. All’origine di questo atteggiamento (non dobbiamo mai dimenticarlo) c’è il via libera dato di fatto dai sindacati collaborazionisti alla spending review, con la firma dell’accordo del 3 maggio scorso; si direbbe che per loro, l’applicazione della spending review oramai abbia la precedenza rispetto a richiedere le assunzioni in ruolo dei lavoratori.
Per l’USB invece, se il governo non è riuscito nel proprio poco edificante proposito di “deportazione” degli inidonei e ITP e mantenere al contempo l’obbligo di assumere oltre 5.000 unità di personale ATA, significa che deve rinunciare all’applicazione dell’art. 14 della spending review, ammettere di aver preso un’enorme “cantonata” e rispettare la legge della Repubblica Italiana, sulla cui Costituzione ogni ministro ha giurato all’atto della propria nomina. Ogni altra soluzione costituirebbe una pagina vergognosa nella storia di questo governo e in quella di quanti sono stati complici.
Noi non saremo complici e chiamiamo fin da ora i precari ATA a mobilitarsi in ogni territorio per porre fine a questo scempio di diritti e dignità per migliaia di lavoratori.

Antonio Ferucci
Unione Sindacale di Base