Riot Village: gli studenti discutono d’estate del futuro della scuola

scuola su Facebook e twitter.

In questi giorni si sta tenendo presso il camping Lamaforca, nel brindisino, il campeggio studentesco nazionale Riot Village: migliaia di studenti stanno arrivando in Puglia per questo evento estivo ricco di politica, cultura, musica e divertimento.

Tra gli eventi più rilevanti del meeting studentesco Riot Village vi è l’assemblea nazionale dell’Unione degli Studenti, durante la quale si stanno delegazioni di studenti da tutto il paese per discutere dei temi della scuola e del futuro dei giovani.
“In merito alle dichiarazioni di questi giorni rispetto alla possibile non apertura delle scuole a settembre – dichiarano gli studenti dell’UdS riuniti in assemblea – non sono altro che il palesarsi di una situazione di gravissimo disagio ed impoverimento che le scuole vivono soprattutto a partire dalla legge 133 del 2008. Le scuole continuano a subire una politica di tagli scellerati ed assenza di reale innovazione, mettendo sempre più all’angolo la partecipazione studentesca. Stiamo valutando in questi giorni la possibilità di una grande mobilitazione studentesca ad inizio autunno in cui denunciare la situazione di enorme difficoltà della scuola e degli studenti, la necessità di garantire l’accesso all’istruzione chiedendo risposte concrete al ministero”

Nella serata di oggi 26 luglio si terrà tra le attività dell’Assemblea Nazionale dell’Unione degli Studenti il dibattito “Quale futuro per la scuola?” in cui gli studenti “interrogheranno” gli esponenti delle forze politiche di centro-sinistra sui temi programmatici della scuola. Presenti tra gli ospiti Alba Sasso, assessore regionale pugliese al diritto allo studio, per SEL, Francesca Puglisi, responsabile nazionale scuola del PD, l’On. Pierfelice Zazzera, vicepresidente della VII commissione della Camera dei Deputati, per l’IDV e Vito Meloni responsabile nazionale scuola della FDS.

Gli organizzatori di Riot Village ringraziano le amministrazioni comunali di Ostuni e Brindisi, la provincia di Brindisi e la Regione Puglia per il sostegno alle attività organizzate.

Unione degli Studenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *