Scuola superiore: come iscriversi, gli indirizzi, come si insegna, vademecum

La ex scuola superiore ora si chiama ora scuola secondaria di secondo grado. Con questo termine vengono integrate le istituzioni scolastiche della seconda parte del ciclo d’istruzione italiano. In sostanza la scuola secondaria precede il terzo ciclo di istruzione a cui appartengono le istituzioni universitarie e quelle artistiche. Il liceo che venne creato per primo fu il liceo classico, fondato nel 1859, e all’inizio limitato al solo Regno di Sardegna e poi, con l’unificazione, esteso a tutta l’Italia. L’organizzazione era questa, gli alunni dopo aver frequentato la scuola elementare (che all’epoca era quadriennale), frequentava per cinque anni il ginnasio e dopo per tre anni il liceo. Inoltre all’epoca questa scuola veniva denominata come Ginnasio Liceo.


La storia del liceo è stata piuttosto movimentata nell’arco degli anni e man mano è stato creato un progetto che prevedeva 17 indirizzi di studio:
• Indirizzo Classico
• Indirizzo Linguistico
• Indirizzo Socio-psico-pedagogico
• Indirizzo Scientifico
• Indirizzo Scientifico-tecnologico
Indirizzi tecnici e professionali:
• Indirizzo Chimico
• Indirizzo Elettrotecnica e automazione
• Indirizzo Elettronica e telecomunicazioni
• Indirizzo Informatico e telematico
• Indirizzo Meccanico
• Indirizzo Tessile
• Indirizzo Costruzioni
• Indirizzo Territorio
• Indirizzo Agroindustriale
• Indirizzo Biologico
• Indirizzo Economico-aziendale
• Indirizzo Linguistico aziendale
Nel 2008 è arrivato un nuovo cambiamento con la riforma Gelimini che ha proposto una riforma ristrutturante per il sistema formativo optano per sei indirizzi di liceo, due tipologie di istituto tecnico e due tipologie di istituti professionali per un totale di sei e undici indirizzi.
Con le nuove riforme diventare insegnati di scuole secondarie non è così semplice, infatti, le graduatorie sono tantissime e le persone in cerca di occupazione molteplici. Quindi al momento per diventare insegnanti nelle scuole secondarie di secondo grado è necessario essere in possesso di una laurea magistrale della durata biennale, oltre ad aver effettuato un anno di tirocinio formativo attivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *