Telethon Young: progetto destinato ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado di tutta Italia

Non sei ancora fan di Scuola Magazine su Facebook? Clicca MI PIACE e diffondi fra i tuoi contatti!


MISSIONE POSSIBILE: CON UN GIOCO SI IMPARA LA RICERCA

Torna il Telethon Young, il progetto destinato ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado di tutta Italia, ideato per raccontare loro la missione e le attività di Telethon e trasmettere anche ai più piccoli i valori della solidarietà e dell’impegno sociale.  Il kit, tutto nuovo e ricco di contenuti inediti, è stato realizzato per il 2011/2012da Telethon in collaborazione con Giunti Progetti Educativi che, anche quest’anno, è partner dell’iniziativa. Il kit comprende un giornalino per la classe, una guida per gli insegnanti e i materiali per organizzare una iniziativa di raccolta fondi a scuola.

I protagonisti di quest’anno sono un simpatico e bizzarro professore, Geno De Cromosomis, accompagnato dai due nipoti e dal cane Nobel, e l’alieno Zumpazot, giunto sulla Terra a chiedere aiuto al professore per sconfiggere una malattia genetica che affligge alcuni suoi simili. Un modo semplice e divertente, quindi, per affrontare il tema delle malattie genetiche e l’importanza di combatterle attraverso la ricerca. Sfogliando le pagine del giornalino e giocando, i ragazzi impareranno, infatti, che per raggiungere risultati importanti nella ricerca scientifica sono fondamentali la condivisione delle conoscenze e il sostegno economico.

Tutte le classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado potranno richiedere e ricevere gratuitamente la nuova edizione del kit didattico contattando “La Vita Scolastica”:

– telefonando al numero 055/5062353 (dalle 9 alle 18)

– inviando una richiesta  via fax al numero 055/5062543

– compilando il modulo online sul sito www.lavitascolastica.it/telethon

– inviando i propri dati all’indirizzo e-mail telethon@lavitascolastica.it

Giunti Progetti Educativi, una società del Gruppo Giunti, realizza campagne di comunicazione a sfondo educativo e sociale in collaborazione con aziende, enti pubblici e privati che condividono la cultura della responsabilità sociale d’impresa. Grazie ad un team qualificato di creativi ed esperti, con funzione di comitato scientifico, l’azienda garantisce la correttezza dei contenuti unita ad una particolare attenzione alla qualità estetica delle illustrazioni, sempre al passo con l’innovazione dei linguaggi. Incentrati su temi sociali emergenti, i materiali prodotti spaziano dai giornalini interattivi ai libri-gioco, i kit didattici, fino a veri e propri giochi da tavola. Ogni progetto editoriale è pensato in maniera mirata alla fascia d’età a cui è rivolto, con l’intento di avvicinare i giovani lettori a temi considerati di poca attrattiva dai ragazzi quali l’educazione civica, l’intercultura, l’ambiente, l’educazione alimentare e sanitaria, l’uso corretto delle risorse energetiche. Info:www.giuntiprogettieducativi.it

Telethon, presente in Italia dal 1990, raccoglie e gestisce fondi da destinare alla ricerca scientifica per curare le oltre 6.000 malattie genetiche conosciute; ha già finanziato più di 2.300 progetti per un totale di oltre 350 milioni di euro e realizzato due grandi istituti di ricerca a Napoli (TIGEM) e Milano (HSR-TIGET). Grazie alle risorse ottenute attraverso la nota maratona televisiva sulle reti Rai, è stato possibile finanziare il lavoro di più di 1.400 ricercatori. Tra i risultati di 20 anni di attività le prime, significative vittorie nella lotta alle malattie genetiche: la cura di bambini affetti da Ada-Scid (privi di difese immunitarie e quindi destinati ad una brevissima esistenza) ottenuta grazie alla terapia genica, applicata per la prima volta al mondo con pieno successo presso l’HSR-TIGET. Grazie al contributo fondamentale di Telethon la ricerca genetica nel nostro Paese ha avuto uno sviluppo eccezionale in pochi anni, producendo circa 8.000 pubblicazioni su riviste scientifiche di rilievo internazionale e favorendo il rientro in Italia di decine di scienziati che si erano trasferiti all’estero per lavorare in condizioni migliori. Per ulteriori informazioni:www.telethon.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *