Assunzioni scuola 2011: Confermate 67 mila dal primo settembre

Trattativa lampo per giungere entro il 31 agosto alle assunzioni.
Un accordo positivo per docenti e Ata e per la qualità della scuola.
Si conferma la positività di una azione sindacale come quella della Uil: utile e concreta. Un accordo positivo – ha detto Massimo Di Menna, segretario generale della Uil Scuola, al termine della trattativa che si è chiusa all’Aran.

Il contratto firmato all’Aran sblocca le immissioni in ruolo per il personale docente e Ata.Un trattativa lampo – ha sottolineato Di Menna – in corsa contro il tempo per fare in modo che tutte le procedure previste, approvazione da parte del Consiglio dei Ministri e registrazione della Corte dei Conti, vengano completate prima della fine di agosto, in modo che siano stipulati, entro il 31, tutti i contratti a tempo indeterminato, per docenti e Ata interessati.In un contesto di particolare difficoltà generale e finanziaria – ha messo in evidenza Di Menna – quello raggiunto oggi è un risultato importante per le persone e per la qualità della scuola.


I sindacati responsabilmente, per consentire questo piano di assunzioni, che altrimenti non ci sarebbe stato, hanno consentito che per i neo assunti – commenta Di Menna entrando nel dettaglio dell’intesa – ci sia il primo aumento retributivo dopo otto anni di anzianità, compreso il riconoscimento del servizio pre-ruolo. Rimangono ai fini giuridici i primi due anni. Per chi ha anzianità più bassa non viene erogato l’aumento previsto il terzo anno (cifra che si attesta, mediamente, sui 35 euro mensili).Un accordo conseguito grazie ad una azione concreta e utile – ha messo in evidenza Di Menna – svolta dalla Uil insieme ad altri sindacati che hanno creduto con determinazione nel confronto, nella capacità negoziale, per il raggiungimento di un risultato così importante per tantissime persone.

Non sei ancora fan di Scuola Magazine su Facebook? Clicca MI PIACE e diffondi fra i tuoi

colleghi!


Un pensiero su “Assunzioni scuola 2011: Confermate 67 mila dal primo settembre

  1. Marcella Raiola

    Parlare di responsabilità, da parte dei sindacati TRADITORI E COMPLICI
    DELL’ ASSASSINIO DELLA SCUOLA PUBBLICA, è un oltraggio intollerabile!!!!

    QUESTA GENTAGLIA HA SVENDUTO I DIRITTI SACROSANTI DEI LAVORATORI PER OTTENERE GRAZIOSAMENTE QUEL CHE AVREBBE DOVUTO PRETENDERE INDEROGABILMENTE, E CIOE’ IL RISPETTO DEL DIRITTO COSTITUZIONALE AL LAVORO, SPECIE DOPO UNO SFRUTTAMENTO INDEGNO DURATO, MAGARI, PIU’ DI UN DECENNIO!!!!!
    SI TRATTA DI UN ACCORDO VERGOGNOSO “ALLA MARCHIONNE”, CHE CREA UN PRECEDENTE GRAVISSIMO: E’ STATA BARATTATA LA PAGNOTTA COL DIRITTO, LA STABILIZZAZIONE CON LA RINUNCIA A VEDERSI RICONOSCIUTI DIRITTI BASILARI!
    NON SOLO!! 67.000 ASSUNZIONI NON COPRONO NEPPURE I POSTI LIBERATI DAI PENSIONAMENTI E NON BILANCIANO ASSOLUTAMENTE I 155.000 TAGLI OPERATI DAL 2008 AD OGGI! E’ UNA GRANDISSIMA TRUFFA! I SINDACATI SONO PARTE INTEGRANTE DELLA CASTA CHE DIFENDE I SUOI PRIVILEGI IMMONDI E HANNO OTTENUTO LA LORO CONTROPARTITA: IL BANDO INUTILE DI UN INUTILE CONCORSO A DIRIGENTE SCOLASTICO A ZERO POSTI CHE METTERA’ IN CIRCOLO DENARO A FIUMI (per le preparazioni) E ALIMENTERA’ UNO SCHIFOSO CIRCUITO CLIENTELARE!!!!!

    DICO A QUESTI SINDACALISTI: VERGOGNATEVI!! NON C’E’ ALCUNA DIFFERENZA TRA VOI E LE PUTTANE DI PALAZZO GRAZIOLI! QUELLE, ANZI, NON CERCANO DI PASSARE PER ONESTE PALADINE DEI DIRITTI DEI LAVORATORI!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *